Gloria, la berlina Alfa Romeo secondo lo IED

16 febbraio 2013

Realizzata dai ragazzi dell’Istituto europeo di design di Torino verrà esposta al Salone di Ginevra.

Gloria, la berlina Alfa Romeo secondo lo IED

PROPOSTA D’EMOZIONE - Alfa Romeo sugli scudi al prossimo salone di Ginevra; non soltanto per la tanto attesa 4C. Sullo stand dello IED (Istituto europeo di design) di Torino ci sarà anche la berlina Alfa Romeo Gloria, un'emozionante concept car realizzata dagli allievi del master in Transportation Design dello IED in collaborazione con il centro stile dell’Alfa Romeo. 

CHISSÀ? - Il progetto è una sorta di tesi di laurea ma il fatto di essere stato seguito dalla stessa Alfa Romeo gli conferisce un rilievo particolare. Non si può certo dire che arriverà alla produzione di serie, ma neanche che resterà un esercizio fine a sé stesso. Perché a vederla nelle immagini il fascino e il potenziale non le manca di sicuro.
 
DALL’INCARICO AL MODELLO - La Gloria è quanto realizzato dai giovani designer del corso 2011-2012 dello IED che avevano ricevuto un compito preciso: “Immaginate una berlina Alfa Romeo da comunicare al mercato americano e a quello asiatico”. Come accennato al lavoro ha partecipato il Centro stile Alfa Romeo, non seguendo passivamente gli allievi dello IED, ma partecipandovi attivamente, dalla fondamentale discussione iniziale sulle caratteristiche che avrebbe dovuto avere il modello proposto, alla messa a disposizione della collezione storica del marchio, fino allo sviluppo del modello in scala 1:1.
 
APPREZZAMENTO DELL’ALFA ROMEO - Il responsabile dello stile dell’intero gruppo Fiat e Chrysler, Lorenzo Ramaciotti, ha sottolineato l’ottimo lavoro realizzato e la professionalità messa in mostra dal gruppo di designer: “Abbiamo chiesto agli studenti del master di interpretare in completa autonomia una nuova berlina Alfa Romeo - dichiara - durante lo sviluppo abbiamo commentato, discusso e indirizzato i progetti al fine di ottenere il massimo dell’espressione spontanea della loro creatività. Il risultato è stato stimolante e di ottimo livello professionale e creativo”.
 
I PUNTI FORTI - L’Alfa Romeo-IED Gloria è lunga 470 cm, larga 192 e alta 132, con il passo di 290 cm. È una berlina, ma la linea può renderla percepibile anche come una coupé. L’andamento del profilo laterale molto “pulito “ e morbido è probabilmente la sua caratteristica principale, ma non poca personalità ha la parte anteriore. Il tradizionale “scudo” centrale dell’Alfa Romeo è in posizione fortemente prominente e costituisce il punto di partenza delle due grandi nervature oblique del cofano motore. L’insieme è di notevole effetto estetico, esprimendo la sportività della marca con grande eleganza. 
 
GARA CON I CERCHI - Nel presentare la Gloria concept car, lo IED delinea quale potrebbe essere la sostanza del modello, immaginandolo spinto da un motore V6 o V8 biturbo. I cerchi sono da 20”, della OZ, che in qualità di sponsor dell’operazione ha chiesto agli allievi del master di avanzare delle proposte di design. Ne sono state scelte cinque, su cui i visitatori dello stand di Ginevra e del sito internet dello IED potranno esprimere il proprio giudizio. 
Aggiungi un commento
Ritratto di juvefc87
16 febbraio 2013 - 12:51
commercio una coupe 4 porte come questa?
Ritratto di maparu
16 febbraio 2013 - 13:42
ALFA ROMEO DAS AUTO
Ritratto di Mario85
17 febbraio 2013 - 22:32
cosi fanno la fortuna per chi vende le turbine... invidia CIAMBELLA
Ritratto di Chromeo
16 febbraio 2013 - 12:59
Speriamo che abbia un bel motorone sotto al cofano ed un cambio come si deve è (sopratutto) non la trazione anteriore, vado a vedere come si votano i cerchi vai ALFA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Ritratto di MatteFonta92
16 febbraio 2013 - 15:19
3
Davvero magnifica, complimenti ai ragazzi dell'IED! Spero proprio che non rimanga un esercizio di stile fine a sé stesso, e che magari le linee possano essere riprese nelle Alfa del futuro come nuovo family feeling, per esempio sulla future Giulia e Alfa Spider.
Ritratto di Merigo
16 febbraio 2013 - 15:53
1
Mi pare di avere capito che il Tema fosse una berlina. Quindi immagino che il sotto Tema siano 4 porte e almeno 4 posti. Così come è, però, i due posti posteriori sono per passeggeri pigmei o a capo chino.
Ritratto di Franchigno
16 febbraio 2013 - 16:04
Perchè in casa FIAT non fanno disegnare le auto a questi giovani di talento?,Altro che quel ab-orto della 500L.
Ritratto di Robx58
16 febbraio 2013 - 17:41
11
questo compito l'hanno saputo fare, sono più bravi di quello che sicuramente immaginavano, anche perchè hanno realizzato il prototipo vero e reale. Se i designer del gruppo Fiat si ispirassero a questa vettura, per costruire le prossime Alfa Romeo ( Giulia, nuova 166 ) credo che non sbaglierebbero più di tanto, perchè questa Gloria è proprio una bellissima Alfa Romeo.
Ritratto di fabri99
16 febbraio 2013 - 19:15
4
Anche se non mi piace molto, con qualche modifica per la strada, sarebbe perfetta... E pure bellissima... Saluti ;)
Ritratto di ak47leo
17 febbraio 2013 - 14:44
Di altri prototipi di berline Alfa.... Alcuni bozzetti della Giulia erano inguardabili... Ciao e stasera forza Viola :-)
Pagine