NEWS

La GM rischia un processo per i richiami tardivi

12 marzo 2014

Il Dipartimento di Giustizia USA indaga su presunti richiami tardivi, collegati a 13 incidenti mortali.

La GM rischia un processo per i richiami tardivi
INDAGINE A STELLE E STRISCE  - Una tegola non indifferente su General Motors, fino al 2007 il più grande produttore di auto al mondo e ora in perenne lotta per il primato con Toyota e Volkswagen: il colosso di Detroit (nella foto sopra la monumentale sede) è nel mirino del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti d'America, chiamato a fare luce su eventuali richiami tardivi su un cospicuo numero di auto che, a causa della loro difettosità, avrebbero causato tredici decessi accertati.
 
AL DIPARTIMENTO DI GIUSTIZIA -  Il condizionale è d'obbligo; quello che è certo è che sia partita una lettera-dossier dalla Camera dei rappresentanti  uno dei due rami del Parlamento USA  diretta alla National Highway Traffic Safety Administration (l'agenzia governativa che fa parte del Dipartimento dei Trasporti, il cui compito è dichiaratamente di “... ridurre il numero di incidenti imputabili ai veicoli”) e, in copia, alla stessa General Motors. Un problema non da poco per Mary Barra, nuovo amministratore delegato in carica da metà gennaio.
 
 
I RISCHI PER LA GM -  L'indagine del Dipartimento di Giustizia può portare a una multa di 35 milioni di dollari (oltre ai procedimenti penali collegati, se la Procura Federale di New York, che sta conducendo le indagini preliminari, decidesse di continuare nell'inchiesta) ove venga dimostrato che General Motors, pur sapendo della presenza di un componente difettoso, nella fattispecie il blocchetto di accensione di produzione Delphi, abbia proceduto a richiami tardivi. In certi casi si potrebbe verificare il distacco del blocchetto dal piantone dello sterzo e quindi un improvviso "black-out" dell'auto con il suo spegnimento. Questo potrebbe causare grossi problemi alla guida, per questo la casa raccomenda di non aggiungere pesanti portachiavi o altre chiavi a quella di accensione.
 
DUE SETTIMANE PER RISPONDERE - Per la GM (e per la National Highway Traffic Safety Administration) c'è tempo fino al 25 marzo per rispondere: comprensibile la decisione di non commentare, adottata finora. A oggi, l'azienda ha richiamato quasi 1.600.000 veicoli: 800.000 a metà febbraio e, pochi giorni dopo, una seconda tranche da 800.000 veicoli. L'unico modello venduto in Europa è la Opel GT (foto qui sopra, uscita di produzione nel 2009), sorella della Saturn Sky richiamata negli USA. La partita, per la GM, è di quelle cruciali: contro il tempo e contro le eventuali ripercussioni  pesantissime  che ne potrebbero derivare.
Aggiungi un commento
Ritratto di Franck Dì
12 marzo 2014 - 18:57
ahahahahahahahahahah e riguarda anche la tedeschina Opel protetta dalla Merkel.... e pensare che Opel vogliono cambiare immagine per tornare all'attivo nel 2016...e i clienti nascondono le chiavi in tasca per vergogna del marchio opel ahahahahahah
Ritratto di Ivan92
13 marzo 2014 - 07:50
6
Poi di cosa deve vergognarsi Opel? Di avere una gamma di veicoli in vendita nettamente migliore della Fiat? Forse dovresti dare un occhiata al listino delle Opel in commercio attualmente per renderti conto di cosa offre, ha un rapporto prezzo/qualità che poche altre marche hanno, e te lo dice uno che e fiero di avere una Opel che fa mangiare la polvere alle "prestigiose" Abarth che ogni volta che si discute tirano fuori il passato senza rendersi conto che ora offrono dei motori lumaca 1368cc, prima di guardare la pagliuzza negli occhi degli altri guarda la trave che è nel tuo occhio..
Ritratto di andrea_76
13 marzo 2014 - 08:29
2
La mia Opel del 2001 (attualmente neanche 110.000 km) ha un guasto quasi all'anno! Cambio, sensore dell'albero motore, vite staccata del volante, albero a camme... sì, come no, per me è la FIAT tedesca! Inoltre ad un mio amico che aveva l'ASTRA aziendale gli si spegneva il motore in... AUTOSTRADA! Per me e tanti, mai più Opel!
Ritratto di Ivan92
13 marzo 2014 - 09:17
6
La mia vecchia Astra del 2003 oltre che essere la mia prima macchina con 160'000 km mi ha accompagnato fino ai suoi 220'000 km per 3 anni fino a quando l'ho venduta per passare ad una versione molto più performante non ha mai avuto alcun problema, sarò stato fortunato? Chissa, stà di fatto che certi proprietari devono essere proprio sfigati per ritrovarsi problemi come quelli da te elencati (su qualsiasi marca di auto a 110'000 km a meno che sia stata trattata da cani nessun auto deve avere problemi) e ora con la mia nuova Astra presa a 0 km ne ha quasi 70'000 km in 2 anni e mai avuto nessun problema (e ci mancherebbe altro) e tutti quelli che conosco non si sono mai lamentati, sarà che in Svizzera le vendono più affidabili che in Italia, (come un azienda svizzera che non citerò ma che produce lavatrici e i modelli venduti qua li fa super affidabili mentre quelli per l'est anche se hanno qualche difetto le manda lo stesso) non lo so, ma per ora l'affidabilità Opel non la metto in discussione.
Ritratto di Franck Dì
13 marzo 2014 - 08:32
"Poi di cosa deve vergognarsi Opel?" evidentemente non hai capito cosa ho scritto o non hai letto bene cosa ho scritto... ho riportato parole della responsabile marketing Tina Mueller che dice testuali parole: “Molti clienti nascondevano le chiavi in tasca. Un modo come un altro per dire che non erano più orgogliosi di guidare una Opel" (fonte:http://www.alvolante.it/news/opel-il-rilancio-passa-anche-da-una-nuova-immagine-334165). In merito alla tua ridicola frase "Di avere una gamma di veicoli in vendita nettamente migliore della Fiat?" dico questo: se la opel ha qualità superiori della fiat non sarebbe per 14 anni in rosso vendendo in perdita... tanto per non parlare della cazzata sulla opel che è più veloce delle abarth... ma a chi vuoi prendere per il po-pò??? ma vai a cacher...
Ritratto di Ivan92
13 marzo 2014 - 09:24
6
Certo la Fiat offre modelli come cascada, insignia, zafira ecc.. Apparte la 500 sulla quale investono tutto (che poi l'Adam e meglio) non sanno fare altro. Nominare l'Abarth ti ha toccato un punto dolente per caso :-) Fammi sapere quando sforneranno un bolide da 280 cv o una berlina da 325 cv, a giusto l'Abarth sa soltanto fare mille versioni del suo 1368cc, e mentre l'Astra OPC già nel 2002 riusciva ad erogare una potenza di 200 cv l'Abarth non ci riesce ancora nel 2014.. Ma a me piaciono gli Abarthisti convinti, adoro bastonarli a Monza ai track day con la mia Astra :-)
Ritratto di Audi_RS
13 marzo 2014 - 10:20
3
Che le Opel sportive sono avanti anni luce rispetto alle Abarth, basta guardare l'Insignia OPC trazione integrale e 325 cv, e una delle uniche auto che ad un prezzo normale offre tutto questo, stesso discorso per l'Astra OPC, pure la Corsa OPC che ha parecchi anni alle spalle è più performante. L'Abarth oramai è una delusione, quando si sveglieranno e torneranno a produrre delle belve come facevano un tempo...
Ritratto di Erdadda
13 marzo 2014 - 09:48
1
Scusa ma cosa c'entra la Fiat in questo articolo?
Ritratto di Ivan92
13 marzo 2014 - 09:54
6
Visto che i modelli interessati sono altri della GM, ma volevo soltanto ricordare all'utente Franck Dì che quando sputa su Opel (evidentemente non ne ha mai avuto una) dovrebbe tornare sul pianeta terra e ricordarsi che lui guida una Fiat Punto.
Ritratto di Erdadda
13 marzo 2014 - 11:25
1
Non si giudicano le persone in base a quello che dicono. Io non sono contro Opel però c'è da dire che ogni tanto fanno un lavoraccio. Porto la mia exp personale. La corsa gpltech della mia compagna è del 2010. Volante completamente sfogliato, cornice cromata sul cambio spaccata e conficcata nel palmo( il mio non sai che dolore ) sottoparaurti staccato per strada, consumi da camion e ripresa da foca, casse stereo lato destro non più funzionanti e tagliandi da capogiro. Certo, sarà sfortunata lei e non lo metto in dubbio. Ma alla Opel non ci hanno mai filato. È normale, rientra nel usura dell'auto ecc. Mai più Opel come mai più vw dopo che mi hanno negato 1600 euro di turbina rotta a neanche 70000 km. Penso che la prossima sarà giapponese e speriamo bene!!
Pagine