Hyundai Ioniq: a Ginevra la versione europea

25 febbraio 2016

La Ioniq rappresenta la volontà della Hyundai di sfondare nel mercato delle ibride e per questo sembra avere le carte in regola.

Hyundai Ioniq: a Ginevra la versione europea
BASSE EMISSIONI ALLA CARTA - La Hyundai partecipa al Salone dell’automobile di Ginevra (3-13 marzo) con la versione europea della berlina Hyundai Ioniq, modello a basso impatto ambientale disponile in tre versioni: con propulsione ibrida, ibrida con batterie ricaricabili oppure solamente elettrica. Arriverà sul mercato entro fine 2016 e definisce la strategia della Hyundai in materia di impatto energetico, studiata per fornire un nuovo approccio sul tema della mobilità elettrica: mai finora un’automobile era stata offerta con tre diverse forme di trazione. Ciò si ottiene per merito di una specifica base costruttiva, realizzata con materiali di alta qualità e studiata per ospitare componenti meccanici di vario tipo e dimensione: la Electric prevede ad esempio batterie di taglia superiore, ma è priva del motore a scoppio presente sulle due ibride.
 
DUE TIPOLOGIE DI CAMBIO - Gli stilisti hanno poi disegnato un corpo vettura molto aerodinamico, curando il passaggio dei flussi d’aria e ricavando un indice di penetrazione molto valido (0,24): la Hyundai Ioniq, in altri termini, raggiunge una certa velocità assorbendo meno potenza rispetto ad un’automobile concorrente. Questa virtù si riflette sull’economia d’utilizzo. Le Ioniq Hybrid e Plug-In Hybrid impiegano un motore a benzina da 1.6 litri, appartenente alla famiglia Kappa e dalle caratteristiche molto raffinate: prevede l’iniezione diretta, segue il ciclo di funzionamento Atkinson e vanta un’ottima resa energetica (40%), superiore di alcuni punti percentuali ai tradizionali motori benzina. Eroga 105 CV e sviluppa 147 Nm. Ad esso è abbinato un cambio doppia frizione a 6 rapporti, che differenzia la Ioniq dalle altre vetture ibride oggi sul mercato. Il cambio della elettrica è invece del tipo a rapporto singolo.
 
BATTERIE ALLA CARTA  La Hyundai Ioniq ibrida tradizionale adotta un motore elettrico da 44 CV e 170 Nm. È alimentato da una batteria al litio-polimero, montata sotto il divano posteriore e dalla capacità pari ad 1,56 kWh. La casa dichiara una potenza complessiva di 141 CV e prestazioni velocistiche molto valide (185 km/h), a cui corrispondono emissioni decisamente ridotte (79 g/km di CO2 nel ciclo combinato). L’ibrida ricaricabile impiega una batteria sempre del tipo al litio-polimero, ma dalla capacità maggiorata ad 8,9 kWh. Il motore elettrico sviluppa 61 CV, le emissioni scendono a 32 g/km e l’autonomia in modalità elettrica raggiunge i 50 chilometri.  La versione elettrica monta invece un pacco batterie da 28 kWh ed un motore da 120 CV/295 Nm, che assicurano una velocità massima di 165 km/h ed un’autonomia dichiarata nell’ordine dei 250 km.
 
DOTAZIONE RICCA - I tre modelli differiscono l’uno dall’altro per interventi di carattere estetico, che riguardano il fascione paraurti e la mascherina: la Hyundai Ioniq elettrica (nella foto sopra), ad esempio, prevede una mascherina carenata e quindi depurata da una funzione di raffreddamento (il motore a scoppio non c’è). La dotazione si rivela molto completa ed include numerose tecnologie di ausilio ed assistenza alla guida, come ad esempio il sistema di frenata autonoma, il sistema che mantiene l’auto nella corsia di marcia ed il regolatore di velocità adattivo. Non mancano poi la basetta per ricaricare il telefono senza fili ed i protocolli Apple CarPlay ed Android Auto, oltre ai servizi multimediali della TomTom. Il quadro strumenti è digitale e misura 7 pollici. La Hyundai Ioniq andrà a sfidare ibride tradizionali (Toyota Prius) o berline elettriche, come ad esempio la Nissan Leaf.
Hyundai Ioniq
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
32
49
37
14
28
VOTO MEDIO
3,3
3.26875
160
Aggiungi un commento
Ritratto di MAXTONE
25 febbraio 2016 - 12:22
Molto interessante Il comparto tecnico mortificato solo da una linea che sarebbe apparsa avanzata se fosse stata presentata nel 2005.
Ritratto di Gianni.ark
25 febbraio 2016 - 14:47
Tecnicamente interessante ma stilisticamente poco riuscita. Col muso carenato poi è inguardabile...
Ritratto di honda forever
25 febbraio 2016 - 19:14
Inguardabile purtroppo
Ritratto di Rocki
26 febbraio 2016 - 01:03
Tecnicamente sembra una valida alternativa alla,prius plug in, Ottimo il cambio Ma perché ste ibride lanciano a desiderare esteticamente ?!
Ritratto di Brunos67
27 febbraio 2016 - 20:57
Molto bella e piena di tecnologia. Se non eccede nel prezzo acquisterò la hybride plug in.
Ritratto di selvaggio
28 febbraio 2016 - 17:36
Adesso tutti si lanciano sull'ibrido, bene così ci saranno modelli e concorrenza.