NEWS

Hyundai Tucson: più grande, e tagliente come un diamante

Pubblicato 15 settembre 2020

Tutta nuova, la suv coreana Hyundai Tucson cresce nelle dimensioni e acquista personalità. Ricercati i fari, integrati nella mascherina, che si vedono solo quando sono accesi.

Hyundai Tucson: più grande, e tagliente come un diamante

UN’AUTENTICA RIVOLUZIONE - Ne è passata di acqua sotto i ponti dal lontano 2004, anno del lancio della prima Hyundai Tucson, una suv lunga 433 cm. Ora, giunta alla quarta edizione, il suo stile cambia notevolmente, anche rispetto al modello attualmente in vendita: una rivoluzione che va di pari passo con la nuova “filosofia” della casa coreana. E se le dimensioni non vengono stravolte (la nuova versione è lunga 450 cm e larga 167, crescendo di 2 cm in entrambe le direzioni, e di 1,5 cm nel passo), il design fa segnare un grande passo avanti. A cominciare dal frontale, che mostra una forte personalità, con la mascherina molto estesa in larghezza, tanto da integrare i fari, costituiti da luci a led di forma triangolare nascoste proprio all’interno della griglia: una volta accese contribuiscono a rendere immediatamente riconoscibile la vettura da lontano, specie col buio. 

VEDO E NON VEDO - A rendere ancor più ricercato lo stile della nuova Hyundai Tucson, è l’innovativa tecnologia con led a specchio con cui sono realizzati i proiettori (chiamata Parametric Hidden Lights). A luci spente, infatti, la griglia appare tutta dello stesso colore scuro, modellata da forme geometriche che si ripetono lungo tutta la superficie, rendendo indistinguibili le parti luminose dalle altre. Anche dietro la personalità è decisa, coi fanali a led collegati da una fascia luminosa e luci a tre dimensioni nel portellone. Inedito pure il logo Hyundai, integrato nel vetro del lunotto sembra quasi “galleggiare” nel vuoto. La fiancata, scavata nella parte bassa, ha linee fluide che esprimono dinamismo, accentuato dal terzo finestrino appuntito, dal tetto basso con il lungo arco cromato, e dal lunotto molto inclinato. Allo stesso tempo, però, i tratti marcati e le superfici molto lavorate, quasi sfaccettate, con i passaruota bene in evidenza, danno un senso di forza e di robustezza a questa suv.

TANTA TECNOLOGIA NELL’ABITACOLO - Grandi cambiamenti anche all’interno della Hyundai Tucson, che ora mostra maggiore carattere nello stile. La plancia, piatta e attraversata da una modanatura nera con i bordi cromati, ha un andamento semplice, lineare, e sembra abbracciare il guidatore e il passeggero. Il cruscotto, basso, ha la strumentazione digitale configurabile e a colori di 10,3”, mentre l’ampia consolle ospita il grande schermo (anch’esso di 10,3”) del sistema multimediale, con i comandi a sfioramento per gestire le principali funzioni dell’auto, come il “clima” e il colore delle luci d’ambiente, regolabili in 64 tonalità. Il tema delle superfici sfaccettate come gioielli, presente all’esterno nella mascherina e nei fari, si ripropone anche nella superficie di rivestimento dei comandi a levetta dietro il volante. Migliorato il sistema Bluelink, che ora offre nuovi servizi, tra cui il Connected Routing (nella navigazione tiene conto delle informazioni sul traffico lungo il percorso), la localizzazione del veicolo e la possibilità di aprire e chiudere le porte da remoto o visualizzare alcune informazioni dell’auto, come il livello del carburante, tramite l’app Bluelink. Il baule è ampio, con una capacità dichiarata compresa tra 690 a 1799 litri (546/1725 per l’ibrida leggera a gasolio). Curata la sicurezza della nuova Hyundai Tucson, che prevede di serie sette airbag, con l’inedito “cuscino” centrale, per limitare i danni dovuti, in caso d’urto laterale, all’impatto tra il guidatore e il passeggero. Tra i sistemi elettronici di ausilio alla guida, il cruise control adattativo assistito dal navigatore, il mantenimento in corsia e l’anti-colpo di sonno.

PRESTO IN CONCESSIONARIA - Quanto ai motori della Hyundai Tucson, oltre ai 1.6 aspirato e turbo a benzina e al 1.6 a gasolio, sono disponibili anche versioni mild-hybrid, ibride e ibride plug-in a benzina, abbinate al cambio manuale a sei marce e al robotizzato a sette, e alla trazione anteriore o integrale. Quest’ultima offre il nuovo terrain Mode selector, che consente di impostare tre modalità di guida, per rendere più facile e sicura la guida su fondi a scarsa aderenza (quali fango, sabbia e neve) e nel fuori strada leggero. La Hyundai Tucson ibrida è spinta dal 1.6 T-GDI turbo a iniezione diretta di benzina, abbinato a un motore elettrico da 60 CV e a una batteria al litio da 1,49 kWh; il cambio è automatico a sei marce. Disponibile a due e quattro ruote motrici, ha 230 CV complessivi e 350 Nm di coppia massima. Tre le opzioni per le versioni mild-hybrid, con batteria da 48 V: 1.6 T-GDI a benzina da 150 CV (solo a trazione anteriore) oppure da 180 CV, e 1.6 CRDi a gasolio da 136. Infine la 1.6 a benzina da 150 CV, a due e quattro ruote motrici, e 1.6 a gasolio da 115 (solo a trazione anteriore). E se queste versioni saranno ordinabili a breve, con prezzi da circa 28.000 euro, l’ibrida plug-in col 1.6 T-GDI arriverà più avanti, nel corso del 2021.

Hyundai Tucson
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
74
55
24
25
44
VOTO MEDIO
3,4
3.405405
222




Aggiungi un commento
Ritratto di ELAN
15 settembre 2020 - 19:44
1
Minikasko al massimo.
Ritratto di Andre_a
15 settembre 2020 - 23:20
9
Direi che il “non tamponare” è un consiglio sempre valido, indipendentemente dai fari che si montano.
Ritratto di ELAN
16 settembre 2020 - 09:13
1
Da estendere ai cinghiali
Ritratto di NITRO75
15 settembre 2020 - 08:33
Molto pulito, bello fuori, sia davanti che dietro, anche se nella vista di 3/4 posteriore laterale (quella della foto) ricorda vagamente il Rav4 di Toyota (soprattutto per i passaruota squadrati e la linea di cintura a cuneo. Internamente invece si ha come l'impressione di troppa sobrietà, quasi tendente al minimalismo che poi sfocia nell'anonimato. Il volante poi, almeno dalle fotografie, sovrasta la plancia che viene sminuita, in particolare nella zona del quadro strumenti, dalla presenza della corona che inevitabilmente si vedrà dall'esterno. Non so forse è una mia impressione ma è un particolare che mi fa storcere il naso. Sarebbe stata preferibile una classica palpebra.
Ritratto di mika69
15 settembre 2020 - 09:24
Quella cosa del volante, effettivamente....
Ritratto di TheAndre7000
15 settembre 2020 - 09:46
Concordo perfettamente. Credo che solo i guidatori più alti forse riusciranno a scorgere tutte le informazioni riportate sullo schermo davvero troppo infossato della strumentazione. Se l'avessero montato più in alto avrebbero risolto contemporaneamente il problema della leggibilità e quello della piattezza della plancia, donando un po' di movimento e quel senso di avvolgenza che manca totalmente in questo interno.
Ritratto di Elix69
15 settembre 2020 - 08:39
Finalmente una casa che rompe con il famigerato family feeling. Mi piace esternamente, design imponente, bisognerà farci l'occhio prima di capire se è bella o no. Il design degli interni è fantastico, invecchieranno improvvisamente molte auto. Voto 10 per il coraggio di cambiare, un bel po!
Ritratto di ELAN
15 settembre 2020 - 09:30
1
Concordo!
Ritratto di katayama
15 settembre 2020 - 08:47
Nuovo benchmark assoluto per tipologia e segmento. Rarissimo veder presentata un'auto tanto innovativa sul piano estetico e funzionale.
Ritratto di Oxygenerator
15 settembre 2020 - 09:05
Bella. Mi piace. Ricorda un po il rav esternamente nella vista laterale, ma dentro è fantastica. Unico appunto. Mi aspettavo un piccolo mouse centrale per non dover toccare per forza il touch screen. È una soluzione molto comoda sia sulle lexus che su alcune bmw. Abitacolo bellissimo. Da vedere sicuramente e il full hybrid di hjundai non lo conosco, com’è ??
Pagine