Colibrì, una monoposto con la “scossa”

12 marzo 2013

Presentata a Ginevra, la city car della tedesca IMA è attesa nel 2015 con un listino inferiore ai 10.000 euro.

Colibrì, una monoposto con la “scossa”

ORDINABILE DAL 2014 - Ha un posto solo, ma carrozzeria chiusa, bagagliaio da 180 litri e prestazioni superiori ai quadricicli elettrici come la Renault Twizy. È la Colibrì EV, modello presentato dalla tedesca IMA (Innovative Mobility Automotive) al Salone di Ginevra che prevede di avviare la vendita dal 2014 e la commercializzazione dal 2015 con un listino a partire da 8.900 euro e batterie a noleggio a 55 euro al mese. Con un telaio in alluminio, magnesio e acciaio e la carrozzeria in materiale plastico, ha ingombri (è lunga 275 cm, larga 118 e alta 130) e peso (440 kg) ridotti e una struttura in grado di superare i crash test previsti dall'Unione Europea. 

UN “PIENO” DA 110 KM - Equipaggiata con un motore elettrico con potenza di picco di 24 kW (32 CV circa), la Colibrì è accreditata di una velocità massima di 120 km/h e di un'accelerazione da 0 a 100 km/h di 9,9”. Le batterie sono al litio ferro fosfato con capacità di 6,5 kWh, sufficienti per un'autonomia di 110 km e si possono ricaricare all'80% in 20 minuti presso i “distributori” rapidi o in poco più di 2 ore dalla normale presa domestica con una spesa di circa 1,75 euro. Secondo i tecnici tedeschi, gli accumulatori sarebbero studiati per avere una durata minima di 2.000 cicli completi di ricarica equivalenti a 220.000 km o 8 anni.


Aggiungi un commento
Ritratto di Chromeo
12 marzo 2013 - 13:15
Tecnicamente non è tanto male, anzi... ma esteticamente fa schifo, comunque una delle poche monoposto stradali che mi piace e la BAC Mono
Ritratto di ClaudioBi
13 marzo 2013 - 09:40
Questi nuovi prodotti mi sembrano molto utili per la mobilità in città: silenziosi e non inquinanti: spesso vediamo persone sole alla guida di suv ingombranti del tutto sproporzionati soprattutto nei nostri centri storici. e moltissime volte, per gli spostamenti quotidiani, potrebbe bastare un mezzo come questo. Posteriore decisamente migliorabile, ma, soprattutto, trovo penalizzante il fatto di non aver aggiunto un secondo posto come in Twizzi o nella Toyota I-Road che vorrei presto vedere commercializzata anche per i privati perché trovo che sia la più convincente.
Ritratto di Rey
13 marzo 2013 - 15:47
2
prezzo troppo alto...