NEWS

Il Jeep Gladiator arriva in Italia

Pubblicato 26 febbraio 2021

Il muscoloso pick-up americano Jeep Gladiator è spinto dal turbodiesel 3.0 il V6 con 264 CV abbinato al cambio automatico a 8 rapporti. Prezzi da 67.944 euro.

Il Jeep Gladiator arriva in Italia

HA UN 3 LITRI V6 - La Jeep festeggia gli ott’anni di storia con l’arrivo in Europa del Jeep Gladiator, il muscoloso e imponente (è lungo 559 cm) pick-up che, a distanza di 28 anni, segna il ritorno della casa americana in questo settore. In Italia, il Gladiator è disponibile nell’allestimento Overland (67.944 euro), nella Launch Edition (72.824 euro), a tiratura limitata, e, a partire dal mese di aprile 2021, nella serie speciale celebrativa 80° Anniversario. Tutti gli esemplari sono equipaggiati con l’evoluzione del motore a gasolio MultiJet V6 di 3 litri, con 264 CV di potenza e 600 Nm di coppia, in abbinamento al cambio automatico a otto marce.

UNA WRANGLER COL CASSONE - Esteticamente, il pick-up Jeep Gladiator è molto simile alla Wragner, con le sue linee classiche e muscolose, dove spicca l’iconica griglia a sette elementi, che rispetto a quella della Wrangler è leggermente inclinata all'indietro. Su tutti gli allestimenti, fari anteriori, fendinebbia e fanali posteriori hanno la tecnologia a led. Una delle peculiarità principale del Gladiator è chiaramente il massiccio cassone in acciaio da 153 cm, dotato di sistema di illuminazione a led, presa di corrente esterna impermeabile da 230 V (disponibile a richiesta) e fermi integrati. Il cliente può poi personalizzare il cassone del proprio pick-up scegliendo tra parabrezza e copertura superiore: hard top a tre pannelli, soft top e senza tetto.

NOVE COLORI - La gamma colori del Jeep Gladiator comprende nove livree: Black, Firecracker Red, Billet Silver Metallic Clear Coat, Bright White, Granite Crystal Metallic Clear Coat, Hydro Blue, Sting Gray, Snazzberry e Sarge Green, abbinabili, in base all’allestimento, al soft-top o all’hard top (copertura rigida) nero o in tinta. Sono inoltre disponibili cerchi da 18” su tutte le versioni (Overland, Launch Edition e 80° Anniversario). 

GLI INTERNI - Gli interni del Jeep Gladiator, completamente lavabili, appaiono semplici e funzionali, grazie ai numerosi vani portaoggetti, come il cassetto estraibile sotto i sedili della seconda fila con chiusura a chiave, i vani chiusi dietro lo schienale dei sedili posteriori o le tasche a rete che si estendono per tutta la lunghezza delle porte. La plancia può contare sulla presenza di uno schermo di tipo touch da 8,4” posizionato centralmente, attraverso il quale è possibile interagire con il sistema Uconnect di quarta generazione. Non manca il quadro strumenti completamente digitale e personalizzabile, basato su un display Tft da 7". Fa parte della dotazione di serie l’impianto audio Alpine a 9 altoparlanti, con subwoofer posteriore incluso, amplificatore a 12 canali da 552W e l’altoparlante Bluetooth wireless portatile (a richiesta).

UN OFF-ROAD VERO - Essendo un mezzo concepito anche per l’off road più estremo, il Jeep Gladiator ha un sofisticato sistema di trazione integrale Selec-Trac, con marce ridotte, assali anteriore e posteriore Dana 44 heavy-duty di terza generazione con rapporto posteriore al ponte pari a 3,73. È poi possibile scegliere tra quattro modalità di guida (più la Neutral), che variano tra le due e le quattro ruote motrici, con possibilità di disporre di marce ridotte. Inoltre, grazie alla tecnologia "shift on the fly", è possibile passare dalla modalità di marcia a due ruote motrici a quella a quattro ruote motrici ad una velocità fino a 72 km /h. Non manca poi il differenziale posteriore a slittamento limitato Trac-Lok, di serie su tutte le versioni, che fornisce maggiore trazione e coppia in condizioni di scarsa aderenza come su sabbia, ghiaia, neve o ghiaccio.

Completano il “pacchetto” di caratteristiche tipiche di un fuoristrada di razza, l’angolo di attacco pari a 41 gradi, l’angolo di dosso di 18,4 gradi, l’angolo di uscita di 25 gradi e altezza da terra di 25,3 cm, gli pneumatici all terrain su cerchi da 18" di serie e la capacità di guado fino a 76 cm. Essendo un mezzo concepito anche per il lavoro, è in grado di trainare fino a 2.721 kg, con un carico utile massimo in 4x4 pari a 565 kg.

GLI ADAS - Ricca la dotazione dei sistemi di assistenza alla guida che comprendono la frenata di emergenza, il cruise control adattativo con funzione di start & stop, l’allarme dell’angolo cieco, e la telecamera anteriore, utile per aumentare la sicurezza delle sessioni in off road.

GLI ALLESTIMENTI - L’allestimento di accesso Overland include di serie finiture esterne color argento, cerchi di lega di 18", l’hard top (copertura rigida), i passaruota in tinta, fari e fanali a led, gli interni in tessuto, volante in pelle, sistema di accesso senza chiave, l'assistente per le discese, il cruise control, la retrocamera con sensori di parcheggio, e il sistema multimediale Uconnect di quarta generazione con un display da 8,4 pollici, compatibile con Android Auto e Apple Car Play, e il sistema audio Alpine.

La Launch Edition aggiunge interni in pelle, sedili anteriori riscaldabili, il Safety Pack, che include il cruise control adattivo con funzione di stop e la frenata automatica di emergenza, l’avviso dell’angolo cieco, l'altoparlante wireless Alpine smontabile e impermeabile e la telecamera anteriore. Per questo specifico allestimento è possibile scegliere tra i seguenti colori: Black, Firecracker Red, Billet Silver, Bright White e Granite Crystal.

La serie celebrativa Jeep Gladiator "80 Anniversario", che sarà disponibile da aprile, presenta cerchi in lega da 18” con finitura Granite Crystal e bordo argentato a contrasto, contorni griglia, cornici dei fendinebbia e fari anteriori nella colorazione Neutral Grey Metallic, hardtop e parafanghi in tinta e badge specifico. Il rivestimento spray protettivo per il vano di carico e le pedane laterali completando la caratterizzazione estetica specifica di questa versione in edizione limitata. Internamente, la serie speciale, presenta sedili in pelle nera con cuciture tungsteno e badge “80th Anniversary”. Gli equipaggiamenti tecnologici di serie comprendono l’impianto audio Alpine a nove altoparlanti con subwoofer da 552W, il sistema Uconnect di quarta generazione con schermo da 8.4” touchscreen, navigatore e integrazione smartphone con Apple CarPlay e Android Auto, e tutto il “pacchetto” dei sistemi di assistenza alla guida. Sono inclusi nella dotazione di serie i tappetini dedicati. 

GLI ACCESSORI MOPAR - I clienti potranno inoltre personalizzare il pick-up americano attraverso gli oltre 200 accessori realizzati dalla Mopar, sia per l’esterno, che per gli interni, tra cui figurano coperture e rivestimenti per il cassone, barre portapacchi e sistemi di portaggio (cesta con rete ferma carico, portabici, kayak, surf o sci), kit di sollevamento, pedane laterali tubolari, e cerchi.

Jeep Gladiator
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
52
21
10
8
37
VOTO MEDIO
3,3
3.33594
128




Aggiungi un commento
Ritratto di zioesse
26 febbraio 2021 - 19:21
Si sarano fatti trasportare dal notevole successo del marchio americano in italia di renegade e compass. ma questa ha poco mercato qui
Ritratto di Giuliopedrali
26 febbraio 2021 - 19:28
Io ho già una Wrangler 4 porte verde militare vicino casa e mi tocca girarmi dall'altra parte ogni volta che la vedo, con questa si può anche diventare piromani.
Ritratto di Ferrari V12 6-5L
26 febbraio 2021 - 19:43
È perché non capisci niente di auto.
Ritratto di Giuliopedrali
26 febbraio 2021 - 20:53
Questa è un'auto?
Ritratto di kakahonda
26 febbraio 2021 - 19:45
Il 3.0 multijet è di origine oppel (lo stesso montato da Maserati)
Ritratto di Terex70
26 febbraio 2021 - 19:57
1
Credo sia di origine VM invece. O meglio, la base e' quella del 3000 v6td della VM di Cento. Terex.
Ritratto di Voltaren
26 febbraio 2021 - 20:38
... poi dotato, in seguito all'acquisizione del 50% della VM Motori da parte di Fiat, della tecnologia Multijet.
Ritratto di kakahonda
28 febbraio 2021 - 09:44
Il 3.0 multijet deriva dal 2.9 diesel RA 629 nato in collaborazione tra gm eu (opel) e vm più di 10 anni fa e che non fu mai prodotto ufficialmente. Deriva da quel progetto
Ritratto di Terex70
28 febbraio 2021 - 17:26
1
L'albero genealogico di questo 3000 non lo conosco, ma se come pare a me,deriva dal VM e' quasi sicuramente un grandissimo motore. Terex.
Ritratto di onlyGTR
1 marzo 2021 - 20:41
@Terex70. Esatto. La base meccanica è il 3.0 VM rivisitato dai tecnici Maserati. Coppia spaventosa (600nm). L’unico inconveniente, portandola sul personale, è che io cambio gli pneumatici alla Ghibli mediamente ogni 15.000 km
Pagine