NEWS

Kia: l’impatto delle sue attività in Europa

31 ottobre 2017

Il 12° costruttore per vendite in Europa muove 7,6 miliardi di euro e dà lavoro a quasi 185.000 persone.

Kia: l’impatto delle sue attività in Europa

SETTORE FONDAMENTALE - Pochi altri comparti industriali fanno da traino all’economia europea come il settore dell’automobile tornato a crescere dopo anni di “magra” complice l’aumento delle immatricolazioni in gran parte del Continente. I singoli Stati non possono che trarre beneficio da questa situazione, se è vero che 12,6 milioni di persone (il 5,7% della forza lavoro in Europa) sono occupate in questo ambito e il fatturato complessivo del settore vale circa il 7% del prodotto interno lordo europeo, stando ai numeri elaborati dall’associazione europea di categoria (ACEA). Alla luce di questi numeri non stupiscono i risultati di uno studio concentrato sulla Kia, che fanno capire l’impatto sulle economie nazionali di un singolo costruttore. La Kia (nella foto sopra la sede europea di Francoforte) oltretutto non è nemmeno fra i più grossi: nel 2016 ha venduto oltre 435.000 automobili ed è stata il 12° costruttore in Europa in questa classifica.

3,8 MILIARDI SPESI IN EUROPA - La ricerca è stata effettuata dalla società indipendente di consulenza finanziaria London Economics e aggiunge temi nuovi ai discorsi sulle automobili, perché raramente il “peso” economico delle aziende viene calcolato singolarmente e non a livello di comparto. La Kia ha versato agli stati europei 1,2 miliardi di euro nel 2016 fra dazi doganali sulle importazioni e imposte dirette, in aumento del 39% rispetto al 2013. Gli occupati l’anno scorso nei vari Paesi europei erano 184.386, riconducibili alle diverse attività produttive e commerciali, a partire dai 3.800 nell’impianto slovacco di Zilina. Qui la Kia ha speso l’anno scorso 5,2 miliardi di euro in beni e altri materiali e ne ha reinvestiti 3,8 miliardi in Europa, secondo la ricerca, somme che potrebbero aumentare dopo la scelta di creare nuove linee produttive. Le attività della Kia in Europa “muovono” complessivamente 7,6 miliardi di euro l’anno.

Aggiungi un commento
Ritratto di twinturbo
31 ottobre 2017 - 13:47
Io spero in, prima o poi, un arrivo di questo straordinario costruttore anche qui in Italia (in jointventure o meno con il ns.gruppo nazionale). Fa prodotti innovativi, con contenuti alla pari e anche oltre ai concorrenti e il tutto a prezzi che laddove prendi una 100Cv già completamente allestita sulla concorrenza (che ti offre poi in fondo la stessa qualità percepita, a meno che non ti faccia incantare dai luoghi comuni del marketing) prendi al massimo una 65-70cv con ancora molto da integrare (nel peggiore dei casi manca anche radio e clima). E non dimentichiamo i 7 anni di garanzia, cosa che nessun altro osa permettersi
Ritratto di grande_punto
31 ottobre 2017 - 17:07
3
La kia a mio parere è sempre stata una macchina troppo sottovalutata. Quest'anno ha ottenuto il premio come "marca più affidabile", e inoltre fa belle auto (esclusa la rio) e con materiali di qualità
Ritratto di lucios
1 novembre 2017 - 14:16
4
Ne è passata di acqua sotto i ponti. Oggi, Kia grande realtà! Speriamo solo che non perda l'umiltà che sta avendo in questi ultimi anni, facendo prodotti belli, validi e abbordabili.
Ritratto di impala
1 novembre 2017 - 19:43
mi piacerebbe che la Kia di oggi si chiama ... Fiat, ma forse per il momento è un sogno.
Ritratto di freedog
1 novembre 2017 - 21:42
Concordo con tutti i commenti precedenti. Aggiungo solo che questa è una SERIA politica economica di un costruttore (o Gruppo: Hyundai) che CREA Economia. Non il Nostro (?) Sergio M. ... Che esporta (solamente) le catene di montaggio per ottenere sgravi fiscali anche in patria da Pseudo-politici compiacenti. :(
Ritratto di Vincenzo1973
2 novembre 2017 - 10:36
che commenti esterofili senza senso
Ritratto di freedog
2 novembre 2017 - 19:52
Ecco : proverò a spiegarti (?) la mia presunta esterofilia con il titolo di un articolo di AlVolante : La prossima auto? Ibrida o elettrica per un italiano su tre... FCA non ha solo assenza di queste tecnologie nella gamma ma il buon Sergio sta ancora chiedendosi se l'elettrico inquini più del motore termico (smentito subito da studi già pubblicati) Sveglia !!!
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
2 novembre 2017 - 21:14
FCA non ha solo assenza di queste tecnologie? La FCA queste tecnologie le ha tutte e se non le monta sulle auto probabilmente è perchè costano ancora troppo. Sulle elettriche ed ibride stanno TUTTI perdendo soldi a palate a spese degli azionisti, forse l'unica che non perde denaro è la suzuchi con il miniibrido che è un motorino di avviamento sempre inserito, per mè un ridicolata. C'è chi sceglie di fare questo gioco "verde" e chi non ci gioca. In passato chi si era dipinto di verde con il diesel facendosi premiare dal wwf ha fallito ora spingono sulle batterie per rifarsi la verginità. https://www.youtube.com/watch?v=hlyIf1xT_50
Ritratto di Vincenzo1973
6 novembre 2017 - 10:37
GuidoFiatDal19xx analisi perfetta. ma dubito che i tifosi sopra la capiscano
Ritratto di grande_punto
6 novembre 2017 - 15:27
3
Guido fiat concordo benissimo.