NEWS

L’auto a guida autonoma messa in difficoltà dalla pioggia

24 gennaio 2019

Secondo quanto riportato in un’intervista l’auto a guida autonoma della Waymo non sarebbe ancora in grado di guidare in caso di pioggia.

L’auto a guida autonoma messa in difficoltà dalla pioggia

LO DICE UN TESTIMONE - I taxi a guida autonoma della Waymo, società controllata di Google preposta allo sviluppo delle auto che si guidano da sole, sarebbero messi in difficoltà dalla pioggia. A riferirlo è Shawn Metz, una delle persone selezionate dalla Waymo per utilizzare il servizio di taxi a guida autonoma, in un’intervista rilasciata a TheVerge. Metz ha dichiarato di utilizzare il servizio di taxi a guida autonoma della Waymo da sei a otto volte alla settimana. Nell’intervista Metz ha riferito che durante un giorno di forte pioggia il taxi a guida autonoma è stato guidato manualmente dal pilota di backup, che deve essere obbligatoriamente presente e pronto ad intervenire in caso di necessità. La pioggia è una condizione metereologica dove l’auto a guida autonoma della Waymo va in difficoltà. Inoltre, lo stesso Metz ha riferito nell’intervista che in una situazione di un parcheggio affollato, con persone che entravano ed uscivano da un negozio, l’auto a guida autonoma della Google è andata in difficoltà, rendendo necessario l’intervento del pilota di backup.

PROSEGUONO I TEST - Shawn Metz è comunque complessivamente soddisfatto dell’esperienza del taxi a guida autonoma e della qualità del servizio offerto dalla Waymo. La società americana ha riconosciuto che l’auto deve migliorare quando ci sono condizioni metereologiche avverse, come ad esempio nel caso di forte pioggia. L’auto a guida autonoma della Waymo è stata testata in oltre 25 diverse città degli Stati Uniti, anche per permettere all’auto di confrontarsi con varie condizioni metereologiche. Ad esempio a Novi, Michigan, durante i mesi invernali le auto potranno confrontarsi con la neve e a San Francisco con la nebbia. Attualmente il servizio è attivo da inizio dicembre a Chandler, città appartenente all’area metropolitana di Phoenix, Arizona, su un’area di circa 200 km quadrati. Si tratta di un servizio ancora in fase sperimentale, infatti non è aperto a tutti i cittadini bensì limitato ai 400 utenti che negli scorsi 18 mesi avevano preso parte al programma "early rider", ossia ai test predisposti dalla stessa azienda americana, sempre nell’area di Phoenix.



Aggiungi un commento
Ritratto di DavideK
24 gennaio 2019 - 20:40
La guida autonoma è al momento una delle maggiori bufale mai viste.
Ritratto di preda
25 gennaio 2019 - 08:38
Ah beh, siamo allineati. Anche adesso se piove tanta gente non e' capace di andare in macchina, quindi non vedo la differenza
Ritratto di Giuliopedrali
25 gennaio 2019 - 09:55
Lo dico e lo ridicolo, ci fosse al posto della guida autonoma un dispositivo che evita gli incidenti...
Ritratto di Giuliopedrali
25 gennaio 2019 - 09:56
Lo ridicolo, sono io che sono ridicolo...
Ritratto di erresseste
25 gennaio 2019 - 16:27
L'articolo inizia dicendo..le auto che si guidano da sole.., appunto con a pioggia le lasci nel box
Ritratto di erresseste
25 gennaio 2019 - 16:28
Test con grandine, neve, fatti?
Ritratto di DavideK
25 gennaio 2019 - 18:32
Se li hanno fatti di sicuro non li pubblicano. Fanno chiaramente cherry picking, mostrando solo le cose a favore, e censurando il resto. Altrimenti questo problema della pioggia sarebbe noto da anni. Rimango in attesa di studi seri che mostrino come le auto autonome in massa aumentino drammaticamente i tempi di percorrenza, congestionando il traffico. Visto che non hanno mostrato prove serie del contrario, sono quasi sicuro sia così.
Ritratto di Mbutu
26 gennaio 2019 - 08:49
In realtà, diversamente da quanto sostiene il nostro Adam Kadmon dei poveri, il problema della pioggia forte per la guida autonoma è noto e c'è un'ampia letteratura a riguardo (per inciso ne stanno ricercando la soluzione potenziando i radar). Quindi i test sono stati eseguiti e pubblicati. Nella fattispecie segnalo anche che l'articolo gioca su una certa ambiguità. Perché i test sono eseguiti sotto una stretta regolamentazione. E la waymo, se non ricordo male, può eseguirli solo con pioggia debole. Quindi comunque il pilota avrebbe dovuto prendere in mano i comandi.
Ritratto di DavideK
26 gennaio 2019 - 19:14
Ma per favore: la propaganda sulla guida autonoma ne decanta la perfezione, la capacità di migliore visione in condizioni di scarsa visibilità. Il problema della pioggia sta saltando fuori solo da pochi mesi.
Ritratto di Mbutu
26 gennaio 2019 - 19:30
"I nostri veicoli possono tranquillamente gestire situazioni di nebbia e pioggia LEGGERA. Queste condizioni sono comprese nei permessi che abbiamo ricevuto." Questa la dichiarazione all'inizio dei test waymo a novembre. Come vedi il complotto è tutto nella tua testa. E fra ieri ed oggi con questa direi che hai superato la tua quota troll, quindi da ora in poi da me niente più repliche ma solo prese per i fondelli. Comportati di conseguenza.
Pagine