Lamborghini Asterion, il Toro si dà all’ibrido

2 ottobre 2014

È solo una concept car ma svela le future mosse della Lamborghini per la riduzione delle emissioni inquinanti.

Lamborghini Asterion, il Toro si dà all’ibrido
IL “DISCORSO” FILA - La rivoluzione in casa Lamborghini sta tutta nel nome, o meglio nella sigla che lo accompagna. Se infatti Asterion identifica la figura mitica del Minotauro (metà uomo, metà toro), quella “I” accanto all’acronimo LP, che sta per disposizione longitudinale posteriore del motore (come tutte le altre supercar del marchio), si riferisce al sistema ibrido di tipo Plug-in. Sì, perché per soddisfare le sempre più stringenti norme sulle emissioni inquinanti, la Lamborghini oltre a concentrarsi sulla riduzione dei pesi guarda con interesse alla tecnologia ibrida. Ne è venuta fuori una concept dalle forme inedite ma fedeli al marchio con prestazioni esaltanti nonostante l’anima “verde”: per farvi un’idea, vi anticipiamo che le emissioni di CO2 sono limitate a 98 g/km e il consumo di carburante è di soli 4,12 litri per 100 km (24,2 km a litro).  
 
FORZA QUATTRO - Costruita intorno ad una monoscocca in fibra di carbonio, la Lamborghini Asterion abbina un motore termico a tre unità elettriche. Se il 5.2 V10 aspirato (lo stesso della Huracán) eroga 610 CV, i tre motori elettrici garantiscono ulteriori 300 CV per una potenza totale di 910 CV: lo 0-100 km/h è coperto in tre secondi netti, la velocità massima è di 320 km/h. Entrando nel dettaglio, un motore/generatore è piazzato tra il V10 e il cambio a doppia frizione (in configurazione transaxle) mentre due motori elettrici sono posizionati sull’asse anteriore. Le batterie al litio, collocate lungo il tunnel centrale, garantiscono un’autonomia in modalità elettrica di circa 50 km. 
 
 
CURVE SENSUALI - Allontanandosi (ma non troppo) dalle ultime realizzazioni della casa, il centro stile Lamborghini ha privilegiato linee leggermente più morbide agli spigoli vivi cui ci ha abituato. Verniciata in un Blue glitterato, la Lamborghini Asterion mette comunque in mostra un frontale aggressivo e un posteriore possente. Le portiere ad apertura verso l’esterno permettono di accedere ad un abitacolo dallo stile minimalista ma estremamente curato in ogni dettaglio. Pelle bicolore, alluminio, fibra di carbonio e titanio, i materiali utilizzati per i rivestimenti. Il volante a tre razze, ispirato a quello della Miura, integra tre pulsanti per la scelta della modalità di guida (zero emissioni, ibrido, solo termico) mentre un tablet portatile consente di gestire il sistema multimediale e diverse funzioni di bordo.
VIDEO


Aggiungi un commento
Ritratto di Moreno1999
2 ottobre 2014 - 13:42
4
Più la guardo, più la amo
Ritratto di poliedrico
2 ottobre 2014 - 14:10
se ne avessi le possibilità, solo LAMBORGHINI nel mio garage...il resto! É noia!!
Ritratto di juvefc87
2 ottobre 2014 - 14:16
si bella, ma 24kmL x piacere non dite eresie, e inoltre mis embra un po ferma pur avendo 910cv..
Ritratto di FET
4 ottobre 2014 - 09:54
...è l'effetto del peso delle batterie e dei motori elettrici e la messa a punto non proprio perfetta che la prima esperienza di Lamborghini nel campo dell'ibrido ha portato. Sicuramente ne vedremo altre versioni, e magari anche una versione di serie allo scopo di abbassare la media delle emissioni di CO2 della gamma Lambo. PER LA CARROZZERIA nulla da dire se non che èp tremendamente BELLA. Più delle linee estreme delle ultime Lambo.
Ritratto di apm
2 ottobre 2014 - 14:29
È la prima Lamborghini che, alla presentazione, a me passa quasi inosservata, sarà la linea più Audi che Lambo, sarà che oltre al misero teaser non si è saputo mai nulla (per cui l'interesse è svanito) però non mi ha stupito come l'Huràcan, la Veneno o l'Aventador, o altre auto che sono rimaste Concept, con quelle ho detto "woooow" con questa mi sono limitato ad un "mmmh ok"
Ritratto di Alibaba e i 40 ladroni
2 ottobre 2014 - 14:30
c'è da piangere.....
Ritratto di giovi11
2 ottobre 2014 - 14:43
3
Questa Lambo è sicuramente un mostro da 910 CV...ecologico! Ahahahahahahah!
Ritratto di lambo96
2 ottobre 2014 - 14:46
Davvero magnifica sotto ogni punto di vista, nulla da dire… STUPENDA!
Ritratto di Gino2010
2 ottobre 2014 - 14:54
questo è.Cosa pensate?che il futuro sia la panda a metano?
Ritratto di anarchico
2 ottobre 2014 - 15:24
Concordo con te. Trovo che troppi commenti su questo sito siano opera di gente che ha il cervello formattato. Qualunque novità che rompe gli schemi viene cassata, eppure negli ultimi decenni le auto si sono evolute parecchio. Se si riuscisse a produrre batterie a basso costo e con autonomia lunga, il mercato sarebbe stravolto: della serie, tradizionalisti, siate pronti al suicidio.
Pagine