NEWS

Addio alla Lancia?

3 dicembre 2009

In un'ottica di riposizionamento delle Case del gruppo Fiat-Chrysler, Marchionne ha ipotizzato che i prossimi modelli Lancia potrebbero essere venduti con il marchio Chrysler.

UNA RIVOLUZIONE - Secondo quanto riporta Automotive News, già a partire dal 2011 la Fiat potrebbe rinominare gli attuali modelli Lancia con il marchio Chrysler. La scelta della Fiat troverebbe conferma anche nelle parole di Sergio Marchionne, amministratore delgato del Gruppo. “Non c'è dubbio che la Chrysler abbia la credenziali per diventare un marchio globale”, ha detto.

Marchionne avrebbe poi continuato affermando che “utilizzare il marchio Chrysler avrebbe senso perché più riconoscibile a livello internazionale rispetto a Lancia”. In ogni caso il numero uno della Fiat avrebbe anche sottolineato che le Lancia non scompariranno dal mercato.

NON MORIRÀ - “Dobbiamo essere molto attenti a non distruggere le radici della Lancia”, ha continuato Marchionne. “Dobbiamo trovare una soluzione che metta d'accordo entrambi i marchi”.

COSA SUCCEDERÀ? - Una possibilità è che il marchio Lancia continui a essere utilizzato in un ristretto numero di mercati come Belgio, Francia e Italia. Nel 2008 sono state venduti 103.000 modelli della Casa Italiana, di cui 93.000 in Italia.

Una seconda possibilità sarebbe quella di trasformare la Lancia in un Marchio da "apporre" sui futuri modelli Chrysler. Un rapporto simile a quello Abarth-Fiat, dove il tema sarebbe però l'esclusività invece della sportività

 

chrysler_200c_ev.jpg
Il prototipo della Chrysler dal quale dovrebbe derivare la sostituta della 300C entro un anno.

 

Sempre secondo quanto riportato da Automotive News, questa seconda soluzione danneggerebbe le vendite in Italia, perchè i clienti non comprerebbereo mai una Chrysler marchiata Lancia.

Entro il 2010, la Chrysler lancerà modelli cruciali per il suo futuro come la nuova 300C e versioni fortemente aggiornate della berlina Sebring e della monovolume Voyager.

FIAT CI STA PENSANDO - Dopo l'arrivo di questi modelli, Marchionne ha sottolineato che la Fiat avrà le idee più chiare su quello che la Lancia e la Chrysler potranno fare insieme. “Abbiamo bisogno di vedere i nuovi prodotti sul mercato e capire come si posizioneranno. Solo dopo prenderemo una decisione”, ha detto.

Nonostante Marchionne abbia intenzione di trovare una soluzione che permetta alla Lancia e alla Chrysler di coesistere, il numero uno della Fiat ha sottolineato che “una razionalizzazione delle Case del gruppo Fiat-Chrysler è necessaria per limitare i costi”.

Aggiungi un commento
Ritratto di pimbollone
3 dicembre 2009 - 13:55
Ma che la vendano a qualcuno la Lancia! QUando l'ha comprata la fiat c'era la Ford che avrebbe pagato cifrone per averla...-datela a loro che saprebbero valorizzare questo grande Marchio certamente meglio della Fiat!
Ritratto di ste85gangy
3 dicembre 2009 - 15:47
ti do pienamente ragione giustissimo la fiat la deteriorate sia la lancia che l'alfa
Ritratto di Diablo
3 dicembre 2009 - 19:33
1
Sono un fiero possessore di un' AUDI che ho acquistato dopo aver avuto per 6 anni un Golf. La FIAT dovrebbe imparare dal gruppo VW che ha resuscitato due marchi come SKODA e SEAT che erano morenti (tra l'altro la SEAT era già stata massacrata dalla FIAT in passato) dando loro una sorta di personalità individuale pur condividendo meccanica e motori. Che senso ha controllare la Chrysler se poi si devono distruggere due marchi storici come Alfa e Lancia? Il risultato per ora è che Termini Imerse è out e l'Alfa ha fatto i bagagli da Milano..Bella roba si...
Ritratto di iako89
4 dicembre 2009 - 00:54
ben detto diablo.. uno dei pochi commenti sensati!
Ritratto di sindaco
16 dicembre 2009 - 15:34
caro diablo ,hai ragione per quanto riguarda la politica adottata da fiat ,anche se, la vw non si è mai trovata in crisi come Fiat altrimenti non esisterebbe più già da tempo,quello che dici è valido fino a qualche anno fa in quanto da qualche anno a questa parte la fiat ha avuto una forte ripresa confermata dai buoni risultati di vendita .per quanto riguarda Lancia è vero che la fiat non si rende conto delle enormi qualità del marchio storico italiano ma è anche vero che una volta fatto l'accordo con Crysler è meglio approfittarne per salvare il marchio facendolo restare comunque italiano e di proprietà fiat;in un successivo momento quando i risultati che il marchio otterrà grazie a questo aiuto saranno positivi si poitrà passare ad una semplice collaborazione con il gruppo americano dato che comunque ne trae vantaggi anche lui.cmq la seat non è stata massacrata dalla Fiat ma al contrario ne copiava i modelli abbruttendoli e inpoverendoli ,invece appoggiandosi al gruppo vw è riuscita ad ottenere il grande risultato di riuscire soltanto a non fallire grazie anche alla produzione di auto "abborto" come la Arosa .Questa venne copiata dalla Lupo,auto che fù sosttituita da un auto ancora più brutta come la fox(questo per dire che alla bruttezza non c'è mai fine).Caro il mio diablo ,è grazie a persone come te che comprano auto fredde,tristi e sensa personalita ne innovazione che marchi innovativi come Lancia e Alfa Romeo non ottengono pur essendo di bellezza non paragonabile a Audi e VW il successo che meriterebbero.Perche non ti trasferisci in Germania visto che la ami tanto?
Ritratto di Felix69
3 dicembre 2009 - 21:21
guarda ti ricordo che ford ha venduto land rover e jaguar agli indiani della tata! e tra poco la volvo ai cinesi...bella fine per questi tre marchi di lusso!
Ritratto di silvio64
4 dicembre 2009 - 17:25
sul mercato la legge e' distuggere la concorrenza,vendere Lancia e' condannarla a morte sicura,meno si e' piu' torta si mangia
Ritratto di Silence800
3 dicembre 2009 - 14:39
1
Da queste notizie, si capisce che ormai la Lancia e l'Alfa Romeo rischiano moltissimo. La Fiat non è in grado di gestire le sue ramificazioni e quindi questi 2 marchi prestigiosi che ho nominato a mano a mano rischiano di "morire"... Questo è senz'altro un duro colpo per noi italiani e non passerà certo inosservato. La morale secondo me è che questi splendidi marchi non sarebbero mai dovuti stare con la Fiat.
Ritratto di Peppe
3 dicembre 2009 - 15:36
.. e troverete scritto che un sindacalista ha accusato la Fiat (in generale) di aver fatto decadere l'Alfa, proponendo ricarrozzamenti di Fiat e abbandonando l'alto di gamma! Io sono d'accordissimo e credo che posso tranquillamente dire che lo stesso discorso vale per la Lancia.. O la Fiat investe per creare prodotti migliori e magari esclusivi, o vende entrambi i marchi, che forse è la cosa migliore..
Ritratto di silvio64
4 dicembre 2009 - 17:31
lo scopo di Marchionne e' ridurre i salari di noi operai per aumentare i suoi profitti, la fiat si e' sempre fatta precedere da altri marchi pur avendo progetti concreti fra le mani, forse per loro vale di piu' vendere progetti alla concorrenza che auto.
Pagine