NEWS

Lina, l’auto biodegradabile

28 gennaio 2018

Gli studenti dell’Università di Eindhoven hanno sviluppato un prototipo con scocca realizzata con un biomateriale leggero di origine vegetale.

Lina, l’auto biodegradabile

DOLCE COME LO “ZUCCHERO” - Si chiama Lina, è una city car elettrica a quattro posti, con velocità di 80 km/h e dal futuro commerciale improbabile. A renderla attrattiva, però, sono i materiali utilizzati per la scocca, il telaio e altre parti della vettura e pensati per essere biodegradabili in modo da facilitarne il riciclaggio a fine vita. A realizzarla è stato un gruppo di studenti dell’Università di tecnologia di Eindhoven, in Olanda, che ha sviluppato una struttura costituita da due fogli di biomateriale composito creato con i derivati del lino con al centro un’anima a nido d’ape prodotta con acido polilattico, una bioplastica ricavata dalle barbabietola da zucchero. L’esito sarebbe un materiale molto resistente e leggero, tanto che l’intera struttura della vettura pesa soltanto 310 kg, un valore equivalente a quello ottenibile con la vetroresina. 

MINORE IMPATTO SULL’AMBIENTE - L’adozione di materiali di origine vegetale comporta un doppia vantaggio teorico. Oltre alla riciclabilità a fine vita, l’impiego di strutture bio riduce sensibilmente l’impatto ambientale nella fase di produzione. Per recuperare le materie prime tradizionali, infatti, è necessario un alto quantitativo di energia per l’estrazione, operazione che ha pure impatti negativi sugli ecosistemi. Altrettanto energivora è la successiva lavorazione necessaria per creare le tradizionali lamiere. Per contro, per produrre il lino indispensabile per la costruzione della Lina basterebbero, secondo gli studenti olandesi, 300 mq di terreno coltivato, per altro in grado di assorbire anidride carbonica durante la crescita delle piante. Non a caso altri studiosi stanno sviluppando materiali alternativi basati su componenti di origine vegetale, come bambù e agave. Si tratta di sperimentazioni ancora lontane dall’applicazione nella produzione di serie, come lo stesso biomateriale pensato per la Lina. Tra i limiti riscontrati dai ricercatori olandesi, infatti, c’è l’estrema rigidità della struttura che non ha consentito di superare i crash test poiché il biomateriale non si piega come le tradizionali lamiere, ma si spezza.

Aggiungi un commento
Ritratto di Prrrrr
28 gennaio 2018 - 17:30
Biodegradabile... quindi sotto la pioggia si scioglie... mi sembra ottimo!
Ritratto di Strige
28 gennaio 2018 - 18:01
Tecnicamente quello che hai scritto e' inesatto, servono batteri saprofita non acqua. Le bottiglie biodegradabili non si sciolgono, anche se dentro hanno l'acqua ;)
Ritratto di Leonal1980
28 gennaio 2018 - 20:40
3
Tu rappresenti il livello di cultura medio del Forum. Pensa solo il medio!
Ritratto di Prrrrr
28 gennaio 2018 - 22:44
Adesso ricordo il motivo per cui non commento in questo Forum... perche il livello è tale, che manco si capisce una ca..o di battuta. Tu Leonal1980 invece rappresenti il livello sotto la media... tu pensa al sotto però! Credevo si capisse, invece "tu rappresenti... tecnicamente...", ma fatevela una risata, altrimenti non rispondete, fate solo questo tipo di figure.
Ritratto di Porsche
30 gennaio 2018 - 14:59
veramente, nemmeno le battute capisco. Assurdo !!!
Ritratto di Porsche
30 gennaio 2018 - 14:59
capiscono..... ahahahahaha
Ritratto di Agl75
28 gennaio 2018 - 20:45
Design a parte, a me quest’idea piace. C’è anche da dire che ormai di metallo, sulla carrozzeria, si trovano solo pochi decimi...
Ritratto di Thresher3253
28 gennaio 2018 - 23:49
L'idea che sta alla base é buona. Magari non un intero telaio, ma almeno alcuni componenti non fondamentali all'integrità dell'auto e degli occupanti potrebbero essere prodotti in questo materiale per favorire lo smaltimento.
Ritratto di Luke_66
29 gennaio 2018 - 13:05
4
la prima auto biodegradabile l'ha inventa Alfa Romeo. L'Alfasud si arrugginiva e sbriciolava dopo 6 mesi dall'acquisto!
Ritratto di rebatour
29 gennaio 2018 - 18:34
Se non ricordo male, ogni Alfasud produceva una perdita di 800.000 Lire, e visto che nell'Alfa Romeo c'era lo zampino dello Stato......... .....
Pagine