NEWS

Lotus, la leggerezza è la strada per le future auto

28 aprile 2010

Grazie a tecnologie e materiali che si potranno introdurre nella produzione di massa entro il 2020, secondo la casa inglese, il peso delle auto si potrà ridurre del 38% "tagliando" i consumi del 23%.

LEGGEREZZA PRIMA DI TUTTO - Auto più leggere, pulite ed efficienti: è il futuro delle quattro ruote e la strada da seguire, stando a quanto indica uno studio condotto dalla divisione di ricerca e sviluppo della Lotus, presentato all'International Conuncil on Clean Transportation. La piccola casa inglese, famosa per le sue auto sportive, ha fatto della leggerezza costruttiva il suo “cavallo di battaglia” maturando un notevole "know-how". Esperienza che mostra di poter estendere anche alle “normali” auto di grande diffusione, con l'obiettivo di contenere i consumi e quindi le emissioni di CO2 che sono fortemente influenzate dal peso dell'auto.

COSTA POCO DI PIÙ - Partendo da una Toyota Venza, grossa suv in vendita negli Usa, gli ingegneri della Lotus hanno dimostrato come applicando le tecniche e le tecnologie di produzione previste per il 2020 si potrà ridurre del 38% la massa dell'auto, con un conseguente taglio del 23% dei consumi. Il tutto aumentando di solo il 3% i costi di produzione. Vediamo alcuni esempi di come questo potrebbe essere possibile.

A DIETA FERREA
- Se oggi lo “scheletro” della Toyota Venza è costituito da 400 compenenti e pesa 383 kg, alla Lotus hanno stimato che l'utilizzo di diverse leghe leggere, compreso l'alluminio, il magnesio e materiali compositi al posto dell'acciaio, permetterebbe di ridurre il peso a 221 kg. Un risultato possibile grazie anche al minor numero di componenti che lo costituiscono, scese a 211, e assemblate con una tecnica di incollaggio che permetterebbe di costruire sulle stesse linee pezzi per automobili di diverse dimensioni abbattendo così i costi. Una riduzione di peso estendibile facilmente anche alla carrozzeria se i pannelli delle portiere, cofani e tetto fossero realizzati in leghe leggere e non in acciaio: si risparmierebbero altri 59 kg passando dagli attuali 143 kg a 84.

toyota_venza_2.jpg
La Toyota Venza, presa come "cavia" dalla Lotus.

ANCHE GLI INTERNI - Ancora più drastico sarebbe il risparmio di peso, da 250 a 153 kg, razionalizzando gli interni e integrando in un solo pannello a sfioramento i comandi di diversi accessori come climatizzatore, navigatore satellitare, impianto audio e dispositivi di sicurezza. Così si potrebbe snellire pure la forma della plancia e quindi guadagnare preziosi centimetri di spazio. Ma non solo, se i sedili venissero ancora direttamente alla struttura dell'auto si potrebbe fare a meno delle classiche staffe di supporto (10 kg), mentre quattro tappetini potrebbero sostituire il classico rivestimento del pavimento.

UNA STRADA GIÀ INTRAPRESA - I costruttori si stanno muovendo verso la direzione indicata dalla Lotus già da tempo. Materiali plastici o in lega leggera per alcune parti delle carrozzeria hanno preso il posto dell'acciaio. I telai di alcune vetture, come l'Audi A8, sono costruiti in alluminio e in tanti, vedi la BMW, stanno investendo nella ricerca sulle fibre di carbonio. La grande scommessa è quella di sdoganare tutti questi "materiali nobili", portandoli dalle vetture di piccola produzione o di lusso anche a quelle prodotte su larga scala.

Aggiungi un commento
Ritratto di Al86
28 aprile 2010 - 21:36
Daccordo per quanto riguarda telaio e parti di carrozzeria, ma quando si parla dell'abitacolo mi chiedo se non è che si sta un po' esagerando, un conto è una sportiva dove conta anche il minimo grammo, ma su un'auto di serie star li a ridurre la plancia al minimo e integrare i sedili nella struttura della scocca (poi come diavolo si fa a spostarli o, come nelle monovlolumi attuali, a rimuoverli?), a questo punto torniamo come nelle auto degli anni '50 dove la plancia era costituita dalla lamiera a vista senza plastiche a nasconderla.
Ritratto di Renys84
29 aprile 2010 - 12:56
Sono d'accordo, senza considerare che questa "ricerca della leggerezza" la fanno pagare cara al momento dell'acquisto dell'auto a noi consumatori. Tanto per fare un esempio, l'Audi A2 con la scusa che era costruita in alluminio costava un occhio rispetto alla concorrenza. Comunque credo che sia già sufficiente alleggerire carrozzeria e telaio, aumentandone la resistenza, per ridurre emissioni e consumi, oltre a far cambiare etica e stile di vita agli utenti, come dice qualcuno più sotto.
Ritratto di castortroy
29 aprile 2010 - 01:13
Ammiro la Lotus tuttavia pur non essendo un ingegnere sono disponibile a farvi un consulenza gratuita. Per risparmiare peso basta evitare di lasciare in auto: ombrelli, cartine stradali, abbecederi, bottiglie d'acqua, coperte varie, borse dimenticate, trousse d'attrezzi, passeggino per il bimbo anche quando non servono: il tutto fa risparmiare mediamente almeno venti kg. Eppoi basta mettere i quattro occupanti a dieta ferrea così da far perdere almeno 10 kg a ciascuno: totale 50 Kg: senza spendere un centesimo in ricerca e materiali: ovviamente il risparmiato si dà in beneficenza...
Ritratto di bravehearth
29 aprile 2010 - 09:35
Verissimo quello che dici. Toglierei però anche un po' di elettronica inutile, come sedili a regolazione elettrica
Ritratto di DaveK1982
29 aprile 2010 - 09:46
7
penso che togliere i pesi inutili trasportati nel baule è già un risparmio in peso e avere il piede leggero sull'acceleratore fa scendere consumi e inquinamento molto più della riduzione di peso dell'auto. Ma è necessario anche rendere più snelle le attuali auto che pesano uno sproposito! Vi sembra intelligente andare in giro con auto da 18-20 quintali magari con una sola persona a bordo? Per questo basta una panda! Quello che va cambiato è la nostra etica negli spostamenti: auto più piccole e leggere con motori più piccoli e possibilmente senza andare a tavoletta.