Lotus

Nel 1948 il quasi imberbe Anthony Colin Bruce Chapman, studente di ingegneria presso l'University College di Londra, modifica un'Austin Seven 1930, più tardi chiamata Lotus Mark I, nel garage di proprietà dei genitori della fidanzata Hazel. Laureatosi nel 1949, Chapman svolge il servizio militare nella Royal Air Force e va a lavorare nella British Aluminium Company: l'esperienza maturata nel settore aeronautico la conoscenza dell'alluminio acquisita durante questi anni determinano la filosofia della ormai prossima Lotus: "prestazioni attraverso la leggerezza".
 
Già, perché nel 1952 Chapman fonda insieme a Colin Dare, compagno d'università, la Lotus Engineering Ltd.: il nome è, con buona probabilità (ma non ne è mai stata data piena certezza) il vezzeggiativo con cui Chapman chiama Hazel; le quattro lettere che compaiono a metà del logo, le iniziali del suo nome per esteso: Antony Colin Bruce Chapman. La prima sede è a Hornsey, subito fuori Londra; nel 1954 viene separata la parte di azienda per la produzione di (piccola) serie e quella per le competizioni, il Team Lotus. Quest'ultimo, attivo dal 1958 al 1994, "risorto" nel 2010 e rilevato dalla Renault a fine 2015 per il rientro della casa francese nella massima categoria dello sport automobilistico – ha vinto in Formula 1 sette titoli costruttori, sei Mondiali piloti e conquistato 73 Gran Premi: uno dei più blasonati di tutta la storia. 
 
La prima auto prodotta è la Lotus Mark VI, cui segue la celeberrima Seven, minimalista ed efficace come poche altre nel misto e in circuito; il vezzo di contraddistinguere i modelli con una numerazione progressiva, oggi a quota 125 con la Evora, disegna una sorta di gioco del lotto cui corrispondono auto che hanno scritto la storia dell'automobilismo. La 14 è la prima Lotus stradale, chiamata Elite; seguono la Elan (Lotus 26), la particolarissima Europa (Lotus 54) e – tra gli anni Settanta e Ottanta – la Elite, la Eclat e l'Esprit, oltre alla spuria Sunbeam Talbot Lotus, stradale e da rally. Proprio negli anni Ottanta una grave crisi economica (e la scomparsa di Champman nel 1982) dovuta anche alla sfortunata partnership con De Lorean per la costruzione della DMC-12 (più nota come auto di “Ritorno al Futuro”) portano a vari passaggi di proprietà, fino all'approdo nelle mani della malese Proton, tuttora proprietaria, nel 1996. La produzione attuale prevede la piccola (e cattiva) Elise, la più muscolosa Evora (che adotta un V6 Toyota elaborato), e la sportivissima Exige (Coupé o Roadster).

Novità Lotus

  • Lotus Eletre: la rivoluzione ha inizio

    La Lotus Eletre è una suv elettrica di lusso lunga oltre 5 metri, con 600 CV e una tecnologia di prim’ordine. In arrivo nel 2023 da circa 120.000 euro.
  • Lotus Eletre: le prime immagini circolano in rete

    A poche ore dalla presentazione sfuggono sui social le prime immagini della suv elettrica della Lotus che si chiamerà Eletre.
  • Lotus: la suv elettrica è quasi pronta

    Sarà svelata nel corso della primavera la Lotus Type 132, suv di grandi dimensioni con motori elettrici. Le prime foto spia danno un'idea di come sarà.
  • Elisa Artioli: è sua l’ultima Lotus Elise

    Per la giovane appassionata, nipote di Romano Artioli, ex patron della casa di Hethel negli anni ’90, si apre una nuova pagina nella storia d’amore che la lega all’auto a cui ha dato il nome.
  • Lotus: escono di produzione Elise, Exige ed Evora

    Si chiude un’era durata 25 anni: le linee di assemblaggio verranno ammodernate per la produzione della Emira, ultima auto con motore termico della Lotus.
  • Lotus Emira: prime specifiche e prezzi

    La Lotus Emira è spinta dal V6 sovralimentato da 3,5 litri con 400 CV, sarà disponibile a partire dalla prossima primavera a circa 100.000 euro. Ricca la dotazione di serie della First Edition.
  • Lotus: 4 nuovi modelli elettrici nei prossimi 5 anni

    La Lotus accelera le operazioni in Cina dove entrò la fine dell’anno si accenderanno le prime luci di una nuova fabbrica destinata alla produzione di modelli elettrici.
  • Torna la Radford, con la Type 62-2

    La carrozzeria londinese, famosa tra gli Anni 40 e 60 per le sue elaborazioni di modelli inglesi, rinasce a Los Angeles con la nuova Type 62-2.
  • Lotus Emira: l’ultima della specie

    Arriverà nella primavera del 2022 e sarà alimentata da un 3.5 V6 con 400 CV e successivamente da 2.0 AMG con 360 CV. Prezzi da circa 75.000 euro.

Video Lotus

  • Lotus: una piattaforma modulare per le EV
    In questa animazione si vede come la nuova piattaforma E-Sports della Lotus si possa adattare a varie configurazioni di passo e di disposizione delle batterie. Qui per saperne di più.
  • Lotus Evija: i primi test
    In vista della produzione, prevista nel 2020, l’hypercar elettrica della Lotus inizia a “macinare” chilometri. Qui per saperne di più-

Primi contatti Lotus

dagli archivi

  • Lotus Evora: più comfort con la GT410

    La nuova versione GT410 della Lotus Evora mantiene il motore con 410 CV della GT410 Sport, ma è pensata per un utilizzo quotidiano.
  • Lotus Esprit: già si pensa alla sua erede

    Dovrebbe far parte dei nuovi modelli Lotus attesi dal 2020 la nuova edizione dell’Esprit, che andrebbe così a sostituire l’Evora.
  • L'ibrido secondo la Lotus

    La divisione ingegneria della Lotus ha sviluppato un piccolo motore tre cilindri a benzina pensato per funzionare come generatore per un motore elettrico. Niente prestazioni esaltatanti dunque, ma una efficienza ottimizzata per produrre più energia possibile al minor costo di esercizio.