NEWS

Marelli è la società nata da Calsonic e Magneti Marelli

10 maggio 2019

Scelti il nome e il logo della società che integra i due produttori di parti per auto.

Marelli è la società nata da Calsonic e Magneti Marelli

NOME ITALIANO - Poche giorni dopo il completamento dell’acquisizione (qui la news), Calsonic Kansei e Magneti Marelli hanno definito il nome della nuova azienda che nasce dalla loro integrazione: si chiamerà Marelli. Il logo, una M stilizzata con al di sotto la scritta Marelli, riprende i colori aziendali delle Calsonic Kansei e Magneti Marelli: la prima ha l’azzurro, la seconda il blu. La giapponese Calsonic Kansei aveva iniziato ad ottobre 2018 le operazioni per rilevare dalla FCA la Magneti Marelli, storica azienda della componentistica con sede a Corbetta, nei pressi di Milano. L’acquisizione si è completata il 3 maggio, quando la Calsonic Kansei ha versato l’ultima parte dei 5,8 miliardi di euro investiti nell’operazione, che saranno destinati dalla FCA ai programmi produttivi e in parte concessi agli azionisti, che per ogni azione riceveranno 1,3 euro (per un totale di circa 2 miliardi di euro). La neonata Marelli può contare su 170 fra stabilimenti e centri ricerca nel mondo e sui 62.000 dipendenti.





Aggiungi un commento
Ritratto di Alfiere
13 maggio 2019 - 14:01
1
Calsonic, una società nota anche ai ciclisti, fondendosi con magneti marelli decide di prendere solo il nome di quest'ultima. Giusto per far capire che cosa "piccola" si è svenduta FCA, per fare dividendi poi.
Ritratto di Marsalach
16 maggio 2019 - 16:39
1
Ha ragione Alfiere Il timoniere della galassia Agnelli, Nasi ed altri ha svenduto pozzi per acquistare aqua imbottigliata ... e non solo: prima si stanziano 2 Milliardi di dividendo in tasca a loro, poi un assegno per Tesla (1.8 Miliardi?). Il povero resto colmerà un buco di prodotti mancanti da anni se non decenni? Forse. Magari investono in un logo nuovo dalla Alfa Romeo come alla Lancia: Al posto di un serpente mettono una pecora, che fa beeeh. La strategia vincente sembra fatta di meno prodotti che fanno meno costi, almeno questo spiega le linee di prodotti ridotti all'osso. Le strategie aziendali di questo gruppo sono dei tempi dei mercati nazionali chiusi come nel sessanta: O ti compri questa minestra o ti ... Oggi Alfa Giulia senza SW, anche se tutti i concorrenti che contano la hanno. Per l'Italia fosse stato un bene se a quel tempo la Ford o altri avessero rilevato Alfa Romeo. Non solo sarebbe arrivata concorrenza vera nel paese, ma si sarebbe evitato che l'Industria automobilistica fosse messa nell'unico cesto di una familia. Le tante promesse fino ad oggi sono in forte contrasto con la realtà. Hanno avuto la fortuna di trovare un'altro pollo da spennare, che si chiamava Chrysler e l'ha pagato il contribuente americano. Forse se lo stato italiano incomincia a fare apprendere qualche lingua asiatica - giapponese, cinese o coreano - almeno i futuri italiani possono emigrare anche per l'Asia, visto che ormai solo gli Asiatici sono disposti a comperare in Italia e saranno i gestori di domani (Pirelli, Marelli, etc etc). Gli inventori ormai girano alla larga dall'Italia e comperano aziende che sono gia fuori dal paese. E solo questione di tempo (non più 10 a 15 anni) che la forza d'acquisto calerà non solo per l'acquisto delle auto - questo lo anticipa il noleggio gia oggi. Aspettiamo che i nonni di oggi se ne siano andati e rimane la tele per chi paga la corrente.