NEWS

Cosmo Sport, la prima Mazda con motore Wankel

30 maggio 2017

La casa giapponese festeggia i 50 anni del suo modello che propose per primo il motore rotativo.

Cosmo Sport, la prima Mazda con motore Wankel

MEZZO SECOLO - Era il 1967 quando la Mazda volle uscire dal solco della sua tradizione legata alla produzione di veicoli industriali. L’obiettivo era di allargare la propria attività al settore automobilistico, puntando a costruirsi un profilo sportiveggiante e dai forti connotati di innovazione tecnica. L’espressione concreta di questa volontà fu appunto la Mazda Cosmo Sport del 1967 (foto qui sopra), anche chiamata 110S, fuori dal Giappone.


Nella foto di gruppo, tutte le Mazda con motore rotativo.

CREATRICE DI UNA IDENTITÀ - La Mazda Cosmo Sport, prodotto poi in soli 1176 esemplari, ha assunto notevole importanza perché racchiudeva in sé le caratteristiche atte a centrare i due obiettivi della casa: era una piccola sportiva a due posti, ideale per far conoscere il marchio presentandone l’identità sportiva voluta, e vantava una forte spinta innovativa, rappresentata dal motore: non un “normale” motore a pistoni, ma un propulsore rotativo noto come Wankel, dal nome del suo ideatore. 


Passato e futuro: la Cosmo del 1967 e la concept RX-Vision del 2015. Sono in molti tra gli appassionati a sperare che si trasformi in un modello di serie.

UN’EPOPEA DI SUCCESSI - Come altre case, la Mazda aveva acquisito dalla NSU  i diritti per l’impiego di questo tipo di motori, ma è stata l’unica a essere arrivata alla produzione di serie e anche a brillanti risultati sportivi (successi nella serie americana IMSA negli Anni 80 e soprattutto alla 24 Ore di Le Mans, nel 1991 con la Mazda 787B, mossa da un motore a quattro rotori capace di erogare 710 CV. Sul piano industriale, la Mazda è arrivata a produrre e vendere quasi 2 milioni di vetture dotate di motore rotativo.

Aggiungi un commento
Ritratto di lucios
30 maggio 2017 - 20:23
4
Secondo me con l'utilizzo di metalli resistentissimi si risolverebbe bene il problema dell'usura.
Ritratto di Fr4ncesco
30 maggio 2017 - 20:34
E con l'unità elettrica i consumi.
Ritratto di lucios
31 maggio 2017 - 09:59
4
Concordo!
Ritratto di Claus90
30 maggio 2017 - 23:15
Non mi interessa nessuno ha creduto in ciò
Ritratto di MaurizioSbrana
31 maggio 2017 - 00:14
1
Ne hai mai provato uno? Piacere di guida assoluto...
Ritratto di basti73
31 maggio 2017 - 07:16
Mentre gli altri se la sono fatta sotto, la Mazda invece ci ha creduto, tanto che nel 1991 ci ha vinto pure la 24 ore di LeMans.
Ritratto di lucios
31 maggio 2017 - 10:02
4
Nessuno ha creduto nel motore wankel perché vige la logica del profitto. Chi invece segue anche delle passioni, allora, può intraprendere strade più avventurose. Cmq, 2.000.000 di auto non sono una bazzecola. Calcola che Mazda era quasi interamente Ford fino a qualche anno fa, quindi profitti in primo piano, passione zero.
Ritratto di Fr4ncesco
31 maggio 2017 - 10:45
Direi che se Mazda ci ha fatto una decina di modelli dagli anni '60 a fine '00 pari a 2mln di vetture più quelli per il motorsport direi che qualcuno ci ha creduto e ci crede ancora vista la RX-Vision.
Ritratto di MaurizioSbrana
31 maggio 2017 - 00:14
1
Ho avuto il piacere di guidare una rx-8. Piacere allo stato puro, un motore che allunga fino ai 10000 giri come nulla fosse... peccato che tecnicamente dovrebbe funzionare più a miscela che a benzina... comunque credo che come suggerito da altri utenti, con un ibridazione magari potrebbe avere un futuro come motore il wankel... anche con pistoni di titanio, perché no... ma il problema resta la lubrificazione... temo che la benzina odierna sia sempre troppo secca...
Ritratto di otttoz
31 maggio 2017 - 00:38
Visto che il wankel è assetato si potrebbe gasare...
Pagine