NEWS

Meloni, no allo stop dei motori termici

Pubblicato 29 dicembre 2022

Nella conferenza di fine anno la presidente del Consiglio definisce non ragionevole la decisione dell’UE di “bannare” i motori termici entro il 2035.

Meloni, no allo stop dei motori termici

Il Governo di Giogia Meloni dice un chiaro no all’Ue sul bando dei motori termici dal 2035. La presidente de consiglio, nella conferenza stampa di fine anno (nella foto), ha spiegato che considera lo stop dei motori termici lesivo per il nostro indotto. Queste le sue parole: "Non lo considero ragionevole. Lo considero profondamente lesivo del nostro sistema produttivo. Mi pare che sia una materia su cui c'è una convergenza trasversale a livello italiano e intendo utilizzare questa convergenza per porre le questione con forza".

I paesi dell’UE la scorsa estate avevano trovato un accordo sullo stop alle auto con motori termici entro il 2035. Nello specifico, l’obiettivo per l'intera flotta dell'UE è quello di ridurre del 100% le emissioni di CO2 prodotte dalle autovetture e dai veicoli commerciali leggeri nuovi rispetto al 2021. L'intesa raggiunta la scorsa estate prevede una riduzione delle emissioni di CO2 del 55% per le vetture nuove (e del 50% per i furgoni) entro il 2030, rispetto ai livelli del 2021.

Il bando delle auto termiche al 2035 è un accordo politico e di natura provvisoria, che per essere ratificato deve essere formalmente adottato dal Consiglio e dal Parlamento europeo. Prima di arrivare al 2035 ci saranno però delle tappe intermedie perché entro il 2025 la Commissione Europea presenterà una metodologia atta alla valutazione e alla comunicazione dei dati sulle emissioni di CO2 relative all’intero ciclo di vita delle auto e dei furgoni venduti sul mercato dell'UE. La Commissione inoltre pubblicherà anche una relazione entro la fine del 2025 con lo scopo di valutare i progressi verso la mobilità stradale a emissioni zero. 

Lo scenario, pur essendo delineato, presenta anche delle incognite. Tra di esse rientrano gli e-fuel, o carburanti sintetici, i quali potrebbero trovare posto nel nuovo contesto. Una soluzione che contempli gli e-fuel potrebbe in un certo senso avvalorare le parole del premier italiano Giorgia Meloni. L’Italia, quindi, per portare avanti la sua posizione dovrà essere propositiva e giocare un ruolo attivo e propositivo in Europa nei prossimi mesi, quando si tornerà a trattare del pacchetto Fit for 55.



Aggiungi un commento
Ritratto di Flynn
29 dicembre 2022 - 18:41
E grazie a Panda e Ypsilon e-fuel stroncheremo l’avanzata dell’invasore cinese !!!!!!!! W la Patria, la Repubblica e il Tricolore !
Ritratto di Mbutu
29 dicembre 2022 - 19:06
Spezzeremo le Reni alla Gre...ehm...alla Cina!!!
Ritratto di nik66
30 dicembre 2022 - 07:20
ha ha ha, grande mbutu
Ritratto di Oxygenerator
3 gennaio 2023 - 13:19
:-)))))
Ritratto di Alfiere
29 dicembre 2022 - 19:19
2
Quando l'intero mondo si vuole buttare dalla finestra vedo difficile mettersi di traverso. Qua il problema, molto semplice, è che stiamo consegnando una parte importante della nostra economia ai cinesi. Quando non avremo più il timone voglio vedere come facciamo gli ecologisti...
Ritratto di Firebrand
29 dicembre 2022 - 21:00
Gli amici cinesi, a differenza degli europei, non hanno paura del progresso tecnologico, e lo cavalcano. E per fortuna... :))
Ritratto di Check_mate
30 dicembre 2022 - 00:59
Gli amici cinesi che sfruttano il progresso appoggiandosi ad OEM europei? Perché, diciamocela tutta, nessuno si fa niente in casa, è semplicemente impossibile.
Ritratto di Alfiere
30 dicembre 2022 - 01:29
2
Ma non dire fesserie...Fanno la fortuna bruciando carbone come neanche nei primi del 1900, lavorano i chimici senza la minima sicurezza ambientale o per le persone, e quant'altro.
Ritratto di alveolo
30 dicembre 2022 - 08:16
Al momento, col mix energetico che utilizzano, penso là stiano ancora che girare in ev piuttosto che in termica avrà portato a fine vita a una maggior emissione di CO2, anziché che a un abbattimento. Una perfetta rappresentazione di come poi a volte certe idee molto politically correct ma poco aderenti allo stato reale dei fatti possano sfociare in palesi paradossi.
Ritratto di San Bonifacio VR
30 dicembre 2022 - 10:11
2
Dovrebbero imporre la Kia Picanto a tutti per migliorare le emissioni che solo di trasporto dalla fabbrica all'Italia hanno emesso più gas tossici che la mia Renegade in tutta la sua esistenza.
Ritratto di erresseste
30 dicembre 2022 - 09:12
Gli amici cinesi che hanno il monopolio delle terre rare, ora invadono il mercato, poi saranno loro a fare i prezzi delle batterie, e allora ci risentiremo su questa piattaforma
Ritratto di guidoguido
30 dicembre 2022 - 14:34
Amici cinesi, niente fa già ridere così…
Ritratto di MAUROXX
30 dicembre 2022 - 15:29
gli amici cinesi sono quelli che hanno il record mondiale di emissioni di CO2 e di utilizzo di materie prime fossili per la produzione di energia; sono quelli che, a colpi di renminbi, hanno foraggiato tanti regimi africani autocratici per sfruttare le loro risorse naturali: se questi sono i suoi mici, se li tenga stretti....
Ritratto di Vecchio Caprone
30 dicembre 2022 - 17:47
@MAUROXX, i Cinesi non li sopporto, le cinesate ancora meno ma, io ho sempre dei ma, l'inquinamento pro-capite dei Cinesi è inferiore alla Norvegia, ed 1/3 dell'America, per il resto tutto verissimo, un Buon Anno.
Ritratto di Alfiere
30 dicembre 2022 - 19:55
2
L'inquinamento che producono non è pro-capite per loro, se siamo noi i clienti finali...
Ritratto di Giuliano Della Rovere
31 dicembre 2022 - 12:59
L’incremento mondiale della di CO2 quest’anno (+1%) è stato determinato da un piccolo aumento (+1,5%) delle emissioni statunitensi e da uno più elevato di quelle indiane. Le emissioni cinesi hanno registrato invece un lieve calo (-0,9%), analogo a quello della UE (-0,8%).
Ritratto di Marcoklunk
30 dicembre 2022 - 17:33
Alla Meloni poco importa se le auto sono elettriche o a benzina, tanto lei si muove da sempre a nostre spese! A lei interessa in consenso che queste parole gli portano! Come tutto ciò che fa e dice
Ritratto di Sparviero
2 gennaio 2023 - 10:19
bravo
Ritratto di Oxygenerator
3 gennaio 2023 - 13:26
Vero. Lungi da me l’idea di difendere chi sta al governo, ma, ad onor del vero, fanno cosi, anche tutti gli altri. In un eterno quanto inutile giochino delle parti. Non contiamo un kaz..o e siamo ridicoli agli occhi degli altri paesi europei. Non fossimo immersi nel mediterraneo, saremmo abbandonati come zavorra inutile.
Ritratto di Paolo Giulio
29 dicembre 2022 - 19:20
Non so quanto lobbismo si sia fatto pro elettrico (le ultime indagini nel merito sono illuminanti su come vengono indirizzate certe politiche anche in UE), ma effettivamente buttare alle ortiche un'industria da centinaia di migliaia di posti di lavoro, eccellenza tecnologica, etc, etc in favore di un qualcosa su cui ci sarebbe mooooooolto da discutere (il greenwashing che impera da un po' di anni a 'sta parte), beh, è quantomeno DISCUTIBILE (per me, FOLLIA PURA) ... soprattutto quando l'impatto % dell'automotive nelle emissioni complessive è TOTALMENTE MARGINALE (cifre tra il 12 e il 16% a seconda dei dati che si prendono) e vedono primeggiare invece INDUSTRIA e RISCALDAMENTO DOMESTICO... vediamo magari di partire da lì... poi ci raccontate se la CINA (o l'India) ci stanno... LOL !!! ^_^
Ritratto di Oxygenerator
3 gennaio 2023 - 13:29
Che @@!!! Il riscaldamento domestico è già passato dal carbone, al gasolio, al metano. Ora al geotermico. L’auto è rimasta sempre termica. È ora di cambiare!!
Ritratto di Mbutu
29 dicembre 2022 - 19:21
Io di lesivo per il nostro sistema produttivo ci vedo solo questa ottusa miopia. Cosa facciamo? Usciamo dall'Europa? E poi nei nostri stabilimenti (che tra l'altro abbiamo chiuso negli anni) costruiamo auto solo per noi? Perchè di sicuro nel sud del mondo non comprano auto fabbricate in Italia visto che già oggi siamo noi a produrle la. Poi li sento parlare di e-fuel ed alternative ma non è che facciano nulla neppure a riguardo. Per dire, per gli e-fuel serve una montagna di energia rinnovabile: eppure il sottosegretario sgarbi è stato chiaro sul mandato dato alle Sovrintendenze. Aspettiamo le centrali nucleari inesistenti di salvini? Perchè è continuando con le chiacchere che si finisce con il ledere il sistema produttivo.
Ritratto di PONKIO 78
29 dicembre 2022 - 20:11
Mtubu, sarebbe stato meglio se fossimo stati al di fuori dell’Europa ma il Mortadella (Prodi) ha insistito così tanto che ci ha inculati tutti…. mi ricordo quando gli americani venivano in Italia e con 100 dollari compravano 3 t-shirt adesso con 100 dollari riescono a mangiare mezza cena di Capodanno…. Ringraziamo anche il partito dei Verdi che negli anni 80-90 ha combattuto ed ottenuto il quasi smantellamento delle nostre centrali nucleari, quando poi siamo circondati dalla Francia e Germania che ne hanno parecchie e continuiamo a prendere energia da loro pagando le bollette più alte d’Europa in certi paesi del Nord (Norvegia, Svezia e Danimarca) le bollette fanno ridere sfruttando tutte le risorse naturali nelle vicinanze….. io non ho votato la Meloni, ma se affermerà quello che dice, sarò lieto di cambiare la mia opinione…. Una cosa è sicura primo dobbiamo produrre energia da soli e poi si penserà alle auto elettriche….
Ritratto di Mbutu
29 dicembre 2022 - 20:55
Fossimo stati fuori dall'Europa saremmo già falliti. Riguardo la meloni, farà come al solito: strillerà a favore di telecamera per imbonire la folla e poi si adeguerà. Anche perché, diciamocelo, per proporre alternative all'Europa bisognerebbe anche averle od essere in grado di pianificarle. Il punto è che nel frattempo perderemo tempo e competitività.
Ritratto di Volpe bianca
29 dicembre 2022 - 22:23
...perché finora, senza di lei al governo, di competitività ne abbiamo guadagnata a quintali. Dieci e più anni di inettitudine, ma la colpa è sua che governa da due mesi.
Ritratto di CIABATTA
30 dicembre 2022 - 10:08
Ecco la solita litania: fuori dall'Europa saremmo già falliti...corbellerie tutte da dimostrare (il debito pubblico era in mano a chi? avevamo la leva monetaria della liretta e l'economia fisiologicamente procedeva senza acuti ma anche senza tracolli). Ciò che invece è storia: dimezzamento del potere d'acquisto dei cittadini al solo ingresso nell'euro; austerity su austerity ed investimenti bloccati (con contestuale versamento di miliardi ogni anno in forma di questua all'UE); pressione fiscale da urlo ed economia asfittica; aggressivo e precoce svuotamento della sovranità nazionale; concorrenza sleale interna all'unione; possiamo continuare a lungo. Direi, un affarone! Però, però...abbiamo potuto godere per diversi lustri di mutui a basso tasso ed abbiamo viaggiato all'interno dell'unione senza esibire documenti.. E come ciliegina sulla torta, la stessa intellighenzia ci fornisce: greenwashing da integralisti, politicamente corretto e censura da regime totalitario, cancel colture e tratta di schiavi mascherata, iridescenze varie ed eventuali, etc, etc.... Torniamo sull'auto: in un mondo/mercato "democratico e liberale", c'è spazio per chiunque e per qualsiasi cosa...dall'ICE all'elettrico, passando per il calesse ed arrivando alla locomozione a piedi. L'inquinamento "pesante" è causato in % maggiore da altri elementi (riscaldamento civile, trasporto pesante e grandi industrie). Stop ICE al 2035? Folle, ipocrita, pericoloso. Se non parlassero dalla mattina alla sera di "democrazia", penserei di trovarmi sotto un regime totalitario dei peggiori ;-)
Ritratto di Mbutu
30 dicembre 2022 - 10:23
Discorso Europa troppo lungo e complesso per queste pagine, meglio sorvolare. Però una domanda (che ho già fatto in passato ma a cui nessuno mai risponde) la avrei: visto che il fit for 55 affronta tutti gli aspetti da te elencati (ed anche altri) quando scrivete che l'Europa agisce solo sull'auto lo fate per ignoranza o per malafede?
Ritratto di PONKIO 78
31 dicembre 2022 - 10:00
Mbutu, meglio fallire ed essere liberi (intendo economicamente) che essere schiavi, usati e fallire poco dopo per mano di un’altro paese (intendo la Germania, che ‘ngnene frega un cazzoo dell’Italia)… la Storia ci insegna che comunque in Italia siamo sempre rinati da un fallimento e anche più incazzatii di prima…. Mio nonno (il mio vero padre) mi diceva sempre una cosa: “….se un giorno scoppiasse una guerra, la affronterei da Libero Partigiano e sarei comunque ricordato, che da semplice soldato che non sarà mai ricordato e sarà mandato, con un comando, a morire….” Mbutu Buon Capodanno a te e famiglia….
Ritratto di Vecchio Caprone
30 dicembre 2022 - 17:50
@Mbutu, potevamo stare in Europa senza aderire all'euro. Buon Anno.
Ritratto di Mbutu
30 dicembre 2022 - 20:17
@caprone, con la nostra economia personalmente ne dubito. Auguri anche a te.
Ritratto di PONKIO 78
31 dicembre 2022 - 10:02
Buon Anno anche a te e famiglia, Vecchio Caprone è sempre un piacere averti tra noi, con la tua saggezza e la tua esperienza di vita…. Aggiungo auguri a tutti, quest’anno casca con il 23 (2023) che a Firenze sta per “Bucio de Ciulo”, quindi tanta fortuna a tutti….. ;-))
Ritratto di Firebrand
29 dicembre 2022 - 21:05
Un governo serio direbbe: "cara Stellantis (perché è inutile girarci dietro, il nome è solo uno), ti consiglio di darti una mossa perché dal 2035 in poi il tuo pattume tossico e cancerogeno non lo potrai più rifilare agli Italiani ed Europei... Fossi in te o mi darei una mossa, o comincerei a prepararmi per vender marchi e stabilimenti a produttori che non hanno paura del cambiamento e del progresso tecnologico, come BYD ".
Ritratto di Vincenzo1973
30 dicembre 2022 - 04:49
caro volpe i successi di draghi. quantificabili con i numeri sono indiscutibili. oggi al tg la Meloni si vantava dell'ultimo trimestre italiano, migliore di Germania Spagna e Francia, peccato anche quello merito non suo
Ritratto di Volpe bianca
30 dicembre 2022 - 08:56
@Vincenzo1973 non parlavo dei successi, alcuni tra l'altro effimeri, di Draghi. Ma del carrozzone politico che si è trascinato stancamente negli ultimi dieci anni. Draghi è stato molto furbo ad esempio con il taglio delle accise, dando il massimo possibile sapendo che a breve avrebbe lasciato e che un taglio simile non fosse sostenibile a lungo termine. Però "finché c'era lui..." Quello che non trovo corretto è addossare colpe a chi governa il paese da due mesi, quando la misera percentuale mensile di bev vendute, ad esempio, è colpa di altri
Ritratto di Oxygenerator
3 gennaio 2023 - 14:50
Il carrozzone politico, si trascina da 50 anni, non da 10. O il merd…io politico del governo berlusconi 1,2,3, e 4 con meloni e salvini compresi, l’abbiamo giá dimenticato ?
Ritratto di Vincenzo1973
13 gennaio 2023 - 09:40
Volpe bianca i successi in politica (non tutti almeno) si valutano dai numeri. non c'e' altro modo per andare oltre le simpatie. se l'Italia e' in crescita anche nel quarto trimestre e' ovviamente merito suo (nei limiti di quello che un singolo governo puo' fare per governare sconvolgimenti mondiali). era diversa la forma e' un dettaglio, basta vedere come parlano e annunciano salvini e meloni rispetto a Draghi ed ai suoi ministri. in politica , spesso, la forma e' contenuto. che non fosse sostenibile lo dici basandoti su cosa? ci hanno parlato solo di legge rave parti, sbarchi e menate simili. nessuno ha impedito alla Meloni ri replicarla, ma era troppo impegnata ad approvare la vergognosa legge salva squadre di calcio (solo alcune in verita') con 900 milioni (novecentomilioni) sottratti in parte ai comuni (200 ML) ed il resto da altre voci. se questo non e' addossargli colpe
Ritratto di Volpe bianca
13 gennaio 2023 - 10:16
@Vincenzo1973 il taglio delle accise operato da Draghi era a tempo determinato, nessun governo lo avrebbe potuto mantenere se non a caro prezzo, tagliando da qualche parte. Poi se vogliamo ricordare la promessa elettorale di Letta con i magnifici 10k ai diciottenni, e magari il prezzo della benza a 5€ per finanziare quel capolavoro di proposta... Draghi ha fatto il massimo possibile senza pensare al futuro, sapendo benissimo che non sarebbe stato un problema suo. Gli applausi dell'Europa e il premio che ha ricevuto sono le solite sviolinate che si fanno tra di loro.
Ritratto di Vincenzo1973
13 gennaio 2023 - 10:32
@Volpe bianca in politica il tempo finisce a fine anno perche parte nuova finanziaria. probabilmente sarebbe stata rinnovata. a caro prezzo perche? cosa ci ha tolto? la meloni ha tolto sconto , tolto soldi ai comuni, soldi ai 18enni e dato alle squadre di calcio. scelta legittima sia chiaro. possono farlo. ps Letta nemmeno lo calcolo...che Draghi non pensasse al futuro lo deduci tu in base a tuoi ragionamenti che non condivido. la Meloni mi ricorda gli antichi romani: Panem et circenses
Ritratto di marcoveneto
13 gennaio 2023 - 07:48
Successi di Draghi? Quali successi? Non scherziamo dai.
Ritratto di Vincenzo1973
13 gennaio 2023 - 09:40
numeri Marco. ci sono quelli
Ritratto di alveolo
30 dicembre 2022 - 08:20
Immagino come stia fremendo qualsiasi produttore operante in cina, che gli si liberi qualche capannone in italia per venire a produrre qui nel -sistema italiano-. I grandi classici: aziende cinesi in trepidante attesa di delocalizzare in italia
Ritratto di Firebrand
30 dicembre 2022 - 09:13
https://www.alvolante.it/news/byd-valuta-nuove-fabbriche-europa-380906 :)))
Ritratto di alveolo
30 dicembre 2022 - 09:50
Infatti in Europa, non in Italia titola l'articolo. Fermo restando il ---valuta---, che anch'io il 24 avevo valutato di comprare un panettone artigianale da 50e anziché il solito da 5e in offerta al supermercato. Indovina alla fine quale dei 2 l'ha spuntata?
Ritratto di San Bonifacio VR
30 dicembre 2022 - 10:10
2
E scommetto anche che al primo morso ti sei detto che il sapore era uguale a quello artigianale da 50 euro che non hai mai provato.
Ritratto di Rav
30 dicembre 2022 - 11:14
3
@Firebrand quando si finirà di parlare come se la Casa automobilistica fosse una persona fisica, e le cose venissero fatte per fargli dispetto, invece di pensare che la Casa automobilistica è un'azienda fatta di centinaia di persone che se perdessero il lavoro ricadrebbero sulla collettività? Ora, pur condividendo il discorso di Meloni trovo che senza una virata dell'intera Europa sia impossibile che le case automobilistiche continuino a vendere motori termici solo in alcuni mercati, più facile che volenti o nolenti si debba seguire la linea e questo vale che fossimo dentro o fuori dall'europa. Tra le due, meglio dentro. Inoltre io sono sempre restio ad ammirare/invidiare i cinesi.
Ritratto di Firebrand
30 dicembre 2022 - 13:48
Uno spunto di riflessione interessante quello relativo al parlare di conglomerati automobilistici come se fossero una persona fisica. Ma vedi, le decisioni per il conglomerato alla fine le prende una persona sola, tipicamente il CEO (Tavares per Stellantis), quindi se vuoi nel mio commento puoi sostituire "Stellantis" con "Tavares". E sai su cosa basa costui le sue decisioni, che poi diventano quelle di Stellantis? Sul suo tornaconto. Più soldi riesce ad intascare fintanto che è al timone, e meglio è. Se poi appena andrà via, Stellantis dovesse esplodere, lui farà spallucce, si sentirà un po' triste per un giorno, ma poi guarderà il tramonto dal suo mega yacht, e con un sorso di Dom-Pérignon la sua tristezza svanirà. Pensi veramente che a qualcuno come lui gliene freghi qualcosa degli operai o dell'indotto? :))) È importante capire in concreto certe cose...
Ritratto di Flynn
30 dicembre 2022 - 21:30
Bhe , fossi io in Tavares farei esattamente come lui. Cerchi di far quadrare i conti intascando il più possibile. Che poi ne più ne meno è quello che faccio quotidianamente al lavoro.
Ritratto di Rav
1 gennaio 2023 - 14:14
3
Hai ragione, ma se chiude un'azienda come Stellantis o Volkswagen o altro, il Tavares della situazione continua comunque a vivere bene e il danno ce l'avranno i dipendenti. Poi può essere che a lui non interessi nulla come dici tu, ma a noi dovrebbe interessare visto che in quel caso poi li dovremmo mantenere tutti. Quindi alla fine è tutta una questione di mediazione e Politica, com'è giusto che sia, ed è fuori da ogni logica pensare o sperare che un governo dica "Caro imprenditore sai che c'è? Vedi di adattarti perchè altrimenti chiudi"... e io mi dovrò far carico di migliaia di persone senza lavoro che intaccheranno la mia economia e sfera sociale. perchè se poi l'imprenditore risponde "ok, cavoli tuoi", non è una gran vittoria.
Ritratto di guidoguido
30 dicembre 2022 - 14:37
Ma siete così sicuri delle emissioni zero di una vettura elettrica??? Visto il peso nettamente più elevato, le emissioni derivanti da consumo freni e pneumatici bruciano tutto il recupero da “marmitta”. E poi resta il punto smaltimento batterie, le stocchiamo tutte in Africa???
Ritratto di Firebrand
30 dicembre 2022 - 15:59
Il No-Watt, per definizione, pur di non accettare il cambiamento, da cui è terrorizzato, si inventa sempre nuove scuse, sempre più fantasiose :) caro No-Watt, dev'essere sfinente per te "combattere da solo contro il mondo intero"... Mi ricordi molto Don Chisciotte contro "i giganti", che poi altro non erano che mulini a vento :)
Ritratto di guidoguido
30 dicembre 2022 - 17:38
Perché no rispondi alle mie domande invece di dare del no watt? E da quali fonti pensi di approvvigionare l’energia elettrica per sostenere tutta la mobilità? E dimmi, chi produce al mondo le batterie? Quale economia pensi beneficerà di questa transizione? Illumina invece di offendere. Saputello dei miei stivali. Grazie
Ritratto di kualalumpur
30 dicembre 2022 - 20:27
Lascialo perdere, si fingono green poi guidano il 1700 della Opel Meriva
Ritratto di CR1
1 gennaio 2023 - 08:05
GUIdo ti do una risposta che viene dalla Francia ,E da quali fonti pensi di approvvigionare l’energia elettrica per sostenere tutta la mobilit ? una parte verrà fornita da una LEGGE che obbliga i parcheggi a coprirsi di pannelli fotovoltaici , 2 d immi, chi produce al mondo le batterie? in Italia è avviata una fabbrica https://insideevs.it/news/605065/gigafactory-italvolt-carlstrom-permessi-costruire/- https://insideevs.it/news/628510/catl-gigafactory-tedesca-avvio-produzione/ E poi resta il punto smaltimento batterie, le stocchiamo tutte in Africa??https://insideevs.it/news/410197/batterie-auto-elettriche-honda-snam-recupero-riciclo/ ,vero o falso non lo so... ma quelli che son pagati dal regno per screditare la transizione dovrebbero mettere dati concreti per non far brutte figure
Ritratto di guidoguido
1 gennaio 2023 - 10:56
Forse potrebbero bastare in Francia dove hanno quelle due/tre centrali nucleari con cui producono energia elettrica che vendono anche a noi… e secondo te bastano due pannelli per assicurare tutta l’energia necessaria a muovere una mobilità completamente elettrica? una gigafactory in tutta Europa per produrre batterie? Una? In confronto a chi già è a pieno regime? Abbandonando completamente una tecnologia dove l’Europa è all’avanguardia, più di qualche perplessità. Niente contro l’elettrico, ma ci sono troppi elementi che non quadrano in questa fretta di transizione, mentre altre tecnologie, anche più efficienti, non vengono considerate. Anche perché il problema non è solo il motore endotermico della mia Fiesta, ma magari quello di una nave portacontainer o da crociera che inquina appena di più del mio… Buon anno!
Ritratto di CR1
2 gennaio 2023 - 07:08
buon anno a te !! innanzitutto in Francia le centrali sono n° 18 , non 2 ò 3 . quella degli scambi di energia è una questione di logistica e di opportunità . le gigafactori nasceranno e nascono per volontà delle case automobilistiche politiche e altro . Le rinnovabili non sono solo i pannelli fotovoltaici """"https://www.corriere.it/tecnologia/sfide-del-futuro/energie-rinnovabili/22_dicembre_29/quadratino-pannelli-solari-nel-sahara-per-dare-energia-a-tutto-il-mondo-81129490-de15-465b-964b-333ca3196xlk.shtml!!!!leggi . qui invece le tue parole son controverse" abbandonando completamente una tecnologia dove l’Europa è all’avanguardia" nel vecchio nell' inquinamento e nel far arricchire i petrolieri
Ritratto di Oronzo Birillo
29 dicembre 2022 - 19:26
Il costo di acquisto o noleggio delle motorizzazioni elettiche è ancora troppo alto per i più e questo, a lungo termine, decreterà un forte rallentamento delle vendite. Non basteranno le campagne pubblicitarie mirate ad enfatizzare l'aspetto ecologico del mezzo se prima non si lavorerà nel renderle più economiche delle termiche. La strada è lunga, ai posteri l'onere di appurare la verità.
Ritratto di Volpe bianca
29 dicembre 2022 - 19:28
Considerando le percentuali di vendita delle elettriche qui in Italia e quante ne ho viste su in montagna in questi giorni, mi sa che anche il 2050 sarà una scadenza "non ragionevole". Per la riduzione globale della CO2 le scadenze dettate dall'Ue sono ininfluenti. L'obiettivo per il mondo delle auto dev'essere quello della riduzione dell'inquinamento, la CO2 è la solita propaganda social-ambientalista.
Ritratto di Firebrand
29 dicembre 2022 - 20:57
"vivo nella mia bolla e ignoro il Surriscaldamento Globale, e non mi è chiaro che i veicoli con motore a scoppio rendono velenosa e cancerogena l'aria che io ed i miei cari respiriamo". Molto, molto triste :((
Ritratto di Volpe bianca
29 dicembre 2022 - 21:06
Surriscaldamento globale e inquinamento sono due problemi ben distinti. Togliere le termiche dalla circolazione è utile, a livello locale, per la diminuzione dell'inquinamento dell'aria. Ininfluente per la lotta contro la crisi climatica. Si mescolano consapevolmente le due cose per dare un tono sociale, il bene comune, la salvezza del pianeta ecc ma se per magia tutte le auto di colpo fossero elettriche, il riscaldamento globale continuerebbe a galoppare come se nulla fosse cambiato.
Ritratto di Clementina Milingo
29 dicembre 2022 - 21:37
ussignur! se, come si sa, come si dice, come è scritto da qualche parte le auto termiche hanno un’efficienza energetica che a malapena arriva la 30%, vuol dire che il 70% del carburante invece che diventar moto diventa calore. Difatti mi pare che in coda ad ogni automobile endotermica in funzione ci sia una scia di aria calda...
Ritratto di Volpe bianca
29 dicembre 2022 - 22:13
@Clementina, intanto ti auguro un buon anno nuovo in anticipo. Adesso ho capito perché in India è così caldo...hanno tutte vecchie tdi :)) Scherzi a parte, magari bastasse convertire la mobilità da termica ad elettrica per risolvere il problema. La persistenza dell'Anticiclone Africano alle nostre latitudini con afflusso di masse d'aria molto miti, ormai anche nel periodo invernale, ha origini piuttosto complesse e non è il sito adatto dove discuterne. Il 20 dicembre a 3250mt sulla Marmolada si sono raggiunti +2,4°C. A quella quota è una temperatura estiva... Non sarà certamente l'avvento delle elettriche ad arrestare le incursioni sempre più frequenti di un anticiclone così potente, che si estende a volte fino nei pressi del limite del Circolo Polare Artico. Ma già risolvere i problemi di inquinamento, in alcune zone, sarà un obiettivo molto importante. Specie in Pianura Padana, spesso la zona più inquinata di tutta l'Europa. Buon 2023!
Ritratto di Giuliano Della Rovere
29 dicembre 2022 - 23:51
Il ghiacciaio della Marmolada è probabilmente già spacciato, come la calotta glaciale della Groenlandia secondo i modelli più pessimistici. Anche se riuscissimo ad azzerare le emissioni di CO2, anche se la temperatura media globale cessasse di aumentare definitivamente le dinamiche che abbiamo innescato continuerebbero. Si fa fatica ad essere ottimisti, ma sembra che ci sia ancora della speranza, che ancora si possa fare qualcosa per non compromettere quei complessi sistemi biofisici che regolano il clima della Terra. Possiamo solo ridurre drasticamente le emissioni di gas ad effetto serra e questo vuol dire anche cambiare il modo in cui ci muoviamo. Io una foto con i miei figli sul ghiacciaio della Marmolada in estate l'ho fatta, ma vorrei fare di più. Facciamoci questo augurio, no?
Ritratto di Volpe bianca
30 dicembre 2022 - 07:34
@Giuliano, certo. Qualcosa bisogna pur fare. Per la Marmolada le speranze sono nulle, per la Groenlandia per fortuna c'è molto più tempo anche se lì la situazione, pur se poco publicizzata, è drammatica. Il "piccolo" mondo delle auto può fare veramente poco per questo problema, il discorso è invece diverso per quel che riguarda l'inquinamento. Giustamente @Vecchio Caprone ha sottolineato qui sotto il fatto che comunque e emissioni di un veicolo sono solo una parte dell'inquinamento che un mezzo può produrre. Questo non per sminuire l'importanza di un singolo elemento che compone l'inquinamento totale prodotto da un'auto, ma per attribuirne il giusto peso. L'elettrico non salverà i ghiacciai, non annullerà i cambiamenti climatici, non salverà il mondo, potrà solo attenuare l'inquinamento dovuto alle emissioni a livello locale. Ad ogni "Cop" gli impegni che alcuni paesi (Cina, India, ecc) promettono di intraprendere sono sempre troppo scarsi, per non dire ridicoli. La realtà è questa, ma augurarsi che possa migliorare è il minimo che si possa fare.
Ritratto di luigigor
30 dicembre 2022 - 16:03
I ghiacciai alpini erano praticamente spariti già 6000 anni fa. Ci sono varie pubblicazioni in merito. per esempio: "New glacier evidence for ice-free summits during the life of the Tyrolean Iceman." (Scientific Reports, 17 Dec 2020, 10(1):20513 DOI: 10.1038/s41598-020-77518-9) "Glacier response to Holocene warmth inferred from in situ 10Be and 14C bedrock analyses in Steingletscher's forefield (central Swiss Alps)" (Clim. Past, 18, 23–44, 2022) "Contemporary mass balance on a cold Eastern Alpine ice cap as a potential link to the Holocene climate" (Nature, Scientific Reports volume 12, Article number: 1331 (2022) ) "_____________________________________________________________________________________________________ 1Department of Ecology and Environmental Science, Umeå University, SE 901 87 Umeå, Sweden. *Corresponding author: E-mail: leif.kullman@umu.se; Chapter 1 Print ISBN: 978-93-90768-63-9, eBook ISBN: 978-93-90768-64-6 A Review of Abisko Case Study: Recent and Past Trees an Climates at the Arctic/Alpine Margin in Swedish Lapland" Quinid la storiella che il riscaldamento globale sia dovuto alla CO2 prodotta dall'uomo è una novella propinata dalla stampa pagata da chi ha certi interessi economici e la quale ha raggiunto la politica tramite gli uffici di lobbismo di Brussel. Il discorso (anthropogenic) global warming è talmente lungo che purtroppo qui non lo si può esporre, ma stia sicuro che non sappiamo se l'uomo sia responsabile. Ci sono troppi fattori ignoti: primo di tutti una misura davvero affidabile della temperatura media nelal bassa troposfera la si ha solo da quando ci sono le misure satellitari, cioè dal 1979. Tutti i dati più vecchi di 40 anni non sono purtroppo affidabili. La sola irradianza solare non è nota con precisione sufficiente prima degli anni 90 in quanto misurata da terra con risoluzione troppo bassa per avere un andamento significativo. La nota storia del satellite acrim lanciato in ritardo causa disastro del Challenger ha impedito di calibrare i vecchi risultati con i nuovi e quindi di avere un quadro coerente sull'andamento dell'irradianza. E mi fermo qui.
Ritratto di Volpe bianca
30 dicembre 2022 - 16:49
@luigigor, potremmo fare a gara a chi cita più studi o articoli, ma finiremmo col farci bannare e non avrebbe senso. L'uomo del Similaun è stato ritrovato 30 anni fa a poco oltre i 3200mt di quota, nei pressi di una cresta. Tra l'altro ci sono stato in quel luogo. Dire che 6000 anni fa quasi tutti i ghiacciai fossero scomparsi, non è corretto e non corrisponde alla realtà di quel periodo. Dopo oltre trent'anni da quel 1991, ad oggi nonostante tutto ci sono ancora numerosi ghiacciai che sopravvivono al di sotto dei 3000mt. Quindi il fatto che in quel periodo, in quel luogo e a quella quota non fosse presente del ghiaccio, non può permettere di affermare che tutti i ghiacciai fossero scomparsi, anzi. Mi limito a citare i risultati di vari carotaggi effettuati su ghiacciai freddi, in Groenlandia e calotte polari. Risulta che il livello di CO2 nell'atmosfera assomigli molto ad un ecg, con picchi in alto e picchi in basso. I livelli di C02 raggiunti con l'industrializzazione, tenendo conto dei tempi di risposta del clima, risultano fuori scala e in continuo aumento. Infatti il clima è come i grandi ghiacciai, risponde alle mutate condizioni dopo parecchi anni. Rispetto a 200 anni fa, quanti siamo in più a vivere su sto pianeta e quanta C02 stiamo emettendo di più? Se non siamo noi la causa... Ma su una cosa concordo pienamente, non è il sito dove poterne discutere. Ti faccio i miei auguri di buon anno nuovo, con un clima che qui in alta quota tra domani e lunedì sarà molto ma molto lontano da quello normale per questo periodo.
Ritratto di luigigor
2 gennaio 2023 - 15:35
Non c'è niente che possa permettere di affermare con certezza qualcosa quando si parla della preistoria. Ma quelli che fanno panico sono soliti proprio dire il contrario. Per esempio di recente l'IPCC ha cancellato il periodo caldo medievale e guai a parlarne che ti crocifiggono. Quindi, white fox, sembra che se io mostro un dato il mio non sia atendibile, mentre se lo mostra lei lo sia. Il semplice fatto che la guerra delle citazionifinirebbe pari (cosa con cui concordo) è indice che certe affermazioni allarmistiche son un azzardo NON supportato dalla scienza. Io oserei chiamarle una pura manipolazione, come la storiella dei 48,8°C a siracusa nel 2021... Lei dice che non lo zero termico è a 3200m? bene aspetti gennaio che arriva l'ondata fredda e vedrÀ. Intanto il 2021 ha fatto segnare l'inverno più freddo in antartide da 40 anni ad oggi. Anche un segno di riscaldamento globale antropogenico? Se è così mi sa che vi manca un po' di base di termodinamica... :-) (e per favore non tirate fuori le simulazioni: con le simulazioni si dimostra tutto ed il suo contrario)
Ritratto di Volpe bianca
2 gennaio 2023 - 16:22
@luigigor, il fatto che il periodo medievale sia stato ridimensionato e quindi non sia da annoverare tra i periodi "caldi", l'ho citato in un commento tempo fa. Mi perdonerai se non ricordo articolo e data, ma su questo siamo d'accordo. I 48,8°C misurati a Contrada Monastieri, in attesa della conferma del wmo, appare veritiero sia per la collocazione e lo stato di manutenzione della stazione meteo, sia per le temperature registrate in quei giorni in molte zone della Sicilia, sia per la congiuntura di due fenomeni essenziali quali il caldo estremo e il vento di caduta da nord secco e rovente che si sono verificati nel momento del picco misurato. Infatti poco dopo il vento è ruotato a sud est e la temperatura è calata, e non di poco. Ci potrà essere l'ondata fredda di gennaio, ma ottobre - novembre - la seconda metà di dicembre come sono trascorsi? Qui in montagna c'è la neve, ok, ma ste temperature a gennaio quando ero bambino o fino a 20 vent'anni fa più o meno non esistevano o erano picchi talmente effimeri da non restare nella memoria della gente. Ora invece si parla di settimane, se non di mesi, con temperature in alta quota assurde. Sfiorare a dicembre i 3800mt con lo zero termico è a dir poco inquietante così come la pioggia in agosto ai quasi 3800mt della vetta del Cevedale o dormire di notte a 2600mt in piena estate con le finestre aperte, come mi è accaduto nelle ultime due estati e non solo. Cose assurde, che accadono solo di recente. Se penso che fino agli anni '90 (a parte qualche eccezione sparsa) a quelle quote nevicava anche in luglio...Tralasciando le simulazioni, pur se di anno in anno anche le più pessimistiche vengono aggiornate al rialzo, mi limito ad osservare ciò che sta accadendo. Mi limito a guardare foto di ghiacciai fatte 15-20-25 anni fa che sembrano invece scattate secoli fa. Rosa, Bernina, Ortles-Cevedale, Palla Bianca - Similaun, Aurine, solo per citare i ghiacciai più grandi e le vette più alte che osservo da oltre 25 anni. È un tracollo totale. Quando tornerò a casa giù in pianura troverò neve, campi ghiacciati, la brina ovunque? Mi dicono che stanotte e non solo la temperatura non è scesa sotto i +8°C, a gennaio... E in tutto il mese di dicembre, nella città veneta dove vivo le minime sono scese sotto lo zero solo 3 volte su 31 giorni. Se questo è inverno... Buon 2023 @luigigor, grazie per la discussione.
Ritratto di Clementina Milingo
30 dicembre 2022 - 08:44
good year Volpe! Risolve il problema del surriscaldamento terrestre generato dalle auto, non risolve il problema del surriscaldamento in sé. è chiaro che tra due veicoli uno a benzina che ha un’efficienza del 30% e uno elettrico che ha un’efficienza del 90% con il secondo il problema è risolto. Poi puoi preoccuparti del riscaldamento / rinfrescamento della tua abitazione e di tutte le altre inefficienze in giro. Però l’auto elettrica a batterie, non altre sciocchezze, è l’unica soluzione al global warming.
Ritratto di alveolo
30 dicembre 2022 - 09:54
Sì pero il serbatoio carburante ha un'efficienza 3 volte quella di un pacco batterie, e alla fine (ultimamente più che mai) i 2 tipi d'auto prese per intero ne escono se non alla pari, quasi.
Ritratto di San Bonifacio VR
30 dicembre 2022 - 10:09
2
Efficienza del serbatoio carburante AHAHAHAHAH, il mio scooter ha 3,5 litri di serbatoio mi sa che le prende in "efficienzaaahhh" anche dalla fantastica mild hybrid 48V 8,7 kWh S500 inventata da te.
Ritratto di giocchan
30 dicembre 2022 - 02:08
A questo proposito: a me della CO2 emessa dalle auto non me ne potrebbe fregare meno... ma sinceramente trovo irrespirabile l'aria in città. Ho vissuto gli ultimi 14 anni in una zona residenziale molto periferica, con poche auto... ora mi stò per spostare in una zona più centrale, molto più trafficata, con i marciapiedi che costeggiano auto parecchio trafficate. L'aria è completamente diversa, irrespirabile. Non ci vuole uno scienziato per capire che bruciare benzina (o diesel...) sia una follia, ci avveleniamo e basta. Fosse per me gireremmo tutti... a metano (l'elettrico è un bel sogno, ma i prezzi sono proibitivi... anche se in effetti stanno diventando proibitivi anche quelli di tutte le altre auto...)
Ritratto di alveolo
30 dicembre 2022 - 08:11
xGiocchan. Ma penso che anche se tutte le auto andassero a aria compressa o effetto molla-volano precaricata la notte prima, se ti sedessi una mattina al tavolino del bar in centro città poi la sera ti alzeresti comunque con uno strato di materiale aggiuntivo depositato sulla tua persona e abbigliamento. Croce e delizia di chi vive o frequenta zone ad alta densità di popolazione e attività, e quindi di traffico. Il modello di concentrare tanta roba in un nucleo geografico è stato per decenni portante come idea, ora stravolgerlo d'incanto è difficile per non sentenziare impossibile. Secondo me se uno davvero sulla bilancia rischi-benefici vede che la piena città gli risulta a perderci = trova, con le dovute tempistiche, modo di allontanarsene. Piuttosto che, alquanto vanamente, aspettarsi soluzioni dall'esterno che nel migliore dei casi richiederebbero decenni per l'attuazione.
Ritratto di giocchan
30 dicembre 2022 - 09:08
Domanda: perchè dici che l'aria non migliorerebbe? Potrebbe essere un effetto placebo dovuto al non sentire"la puzza dei tubi di scappamento", ma io in centro città trovo un netto miglioramento anche solo tra le ore più trafficate del giorno e la notte. Ovviamente l'aria non diventa magicamente "ricca di ossigeno" come quando ti trovi dentro a un bosco... però la differenza mi sembra netta. In mancanza di auto elettriche (o a metano - che però emettono CO2 quindi sono "inquinanti"...) farei di tutta la città una gigantesca isola pedonale, limitando magari alla sera/notte (quando prendere i mezzi diventa un problema) il permettere l'uso dell'auto "personale" (ovviamente con debite eccezioni per lavoratori come corrieri e simili). Invece (almeno a Roma), l'area a traffico limitato (con dentro un francobollo adibito a zona pedonale) è proprio piccolina, una roba irrisoria.
Ritratto di alveolo
30 dicembre 2022 - 10:03
Dicevo una cosa diversa. A partire dal fatto che se aspetti di vedere città come Milano o Roma svuotate di mezzi motorizzati (non solo auto) che circolano in quantità su strada e tali che aprendo la finestra di cassa al mattino la sera non ti si sia fatto lo strato di bella --polvere--, ti conviene lasciare in eredità le speranze più ai nipotini che verranno piuttosto che nemmeno ai figli. Ripeto, se si ha una ipersensibilità e preoccupazione per l'argomento smog-salute, da residenti o praticanti una metropoli. Poi come una mera valvola di sfogo personale per una situazione in essere, quello sì va bene
Ritratto di Vecchio Caprone
30 dicembre 2022 - 06:38
@Volpe, adesso faccio arrabbiare un pò tutti, tanto per finire l'anno. Fine anno, tanto vale parlare. Il riscaldamento globale è un dato di fatto. Si può negarlo come si può negare che la terra gira intorno al sole, ma il fatto rimane. L’impatto dell’automobile (non autotrasporti) sull’inquinamento è del 6% (dati OECD). La puzza non uccide, le polveri sottili si. Le polveri sottili nel settore auto sono prodotte sia dal motore (soprattutto vecchi diesels), che dall’attrito sulla strada, dal semplice rotolamento, accelerazione, frenata, e dalle stesse pastiglie dei freni. Attualmente in Svizzera il rapporto è di 50/50. Se si aumenta velocità e massa (o solo una delle due), la proporzione cambia e il maggiore responsabile diventa l’attrito. I cosiddetti scienziati, onde evitare di farsi ridicolizzare fra 10 anni, scrivono delle premesse ben precise prima di presentare ai comanditari i risultati delle loro simulazioni. Non sta a me dirvele, andate a leggerle sui rapporti all’ONU ed altre organizzazioni competenti, leggere solo quello che scrivono o dicono i politici o i media senza verificare la realtà, non mi sembra molto furbo. L’effetto serra non ucciderà l’umanità, ne ucciderà la terra, ma cambierà, per secoli, modi di vivere e la morfologia della terra (o mare). Il freddo uccide 17 volte di più del caldo. Abbiamo già la tecnologia per controbattere le minacce, anche climatiche, ma si deve usarle, usare solo auto elettriche non risolve, ne rallenta il problema del riscaldamento globale. Molti hanno la mania di chiedere dove sono i dati, semplice, chiunque può avere accesso ai dati, sono pubblici e vanno indietro di parecchi anni: le organizzazioni internazionali come l’OECD (una delle tante). Ma i dati bisogna saperli leggere, sono gli stessi dati usati dalle simulazioni, solo che nessuno vi dice come vengono letti! Chi inquina di più? La Cina? L’Europa? L’Africa? L’America? Se pensate di avere indovinato o anche letto, sbagliate. Nella mia domanda manca un fattore importante: la definizione. Chi inquina di più? “pro capite”, per chilometro quadrato, per produzione industriale, per nazione. Si possono anche aggiungere altri fattori, come per età media della popolazione, per salario medio, per composizione razziale, e chi ne ha più ne metta. Ebbene cari miei, se non avete le premesse degli studi, non potete sapere la realtà scientifica, ma solo quella politica. Quella dei giornali è anche peggio, la paura fa vendere. In ogni caso un Buon Anno.
Ritratto di Volpe bianca
30 dicembre 2022 - 08:01
@Vecchio Caprone, sempre un piacere leggere i tuoi commenti. È sempre più difficile districarsi anche nel mondo della scienza, la politica ahimè da tempo immemore si è insinuata anche in questo settore che, cosa fondamentale, dovrebbe essere al di sopra delle parti. Hai citato una serie di fattori che in misura variabile possono definire il termine inquinamento. Un termine che ormai si potrebbe considerare quasi indefinibile. Purtroppo però ci sono studi che mettono in risalto alcune cose e altre minimizzano, e viceversa ovviamente. E il mondo dell'informazione e quello della politica (sono due "mondi" diversi?) ci si sono buttati a capofitto distorcendo spesso la realtà a propria convenienza. Io, da assiduo frequentatore di ambienti montani d'alta quota, un'idea ben precisa sul riscaldamento globale me la sono già fatta, corredata da letture di articoli che ritengo seri e attendibili. E sono sempre più convinto che realtà proposta dal duo politica-informazione sia molto spesso una commedia drammatica di basso livello. Gli attori del resto sono quelli che sono... Ah, quasi dimenticavo, per domani e Capodanno lo zero termico è previsto a circa 3500mt di quota, nuovamente quasi come in estate. Per fortuna che almeno c'è la neve, e si mangia abbondantemente :)) Tanti auguri!
Ritratto di Flynn
30 dicembre 2022 - 09:01
Bhe’ c’e poco da arrabbiarsi Vecchio Caprone, mi sembra un quadro molto realistico. Forse bisognerebbe concentrarsi sulla mobilità di massa, piuttosto che su quella individuale ed ecosostenibile. L’automobile è destinata a tornare un bene di lusso, ormai mi pare evidente. Anzi, mi fa tenerezza chi si illude che i listini potranno avere mai un’inversione di tendenza.
Ritratto di Vecchio Caprone
30 dicembre 2022 - 15:15
@Flynn, sono secoli che la realtà fa incavolare. In ogni caso a fine anno ci stava. Buon anno.
Ritratto di Giuliano Della Rovere
29 dicembre 2022 - 20:05
Non mi sembra che finora avessimo espresso posizioni diverse, siamo quelli della neutralità tecnologica. Salvini aggiunge che vuole promuovere un referendum popolare.
Ritratto di Flynn
29 dicembre 2022 - 20:11
Caspita, quando parla Salvini perde una buona occasione per stare zitto. È dal Papeete che non ne imbrocca una, addirittura sembrano le previsioni del Pedrali.
Ritratto di Firebrand
29 dicembre 2022 - 20:54
Aspetta, ma Salvini non era quello che era diventato improvvisamente pro-elettrico implorando Elon Musk di aprire uno stabilimento in Italia? :))) Ma lol, veramente una classe dirigente degna del circo Togni :)
Ritratto di Gordo88
29 dicembre 2022 - 20:28
1
Ti stimo Meloni!! E comunque Emiliano ragoni non è mai chiaro nei suoi articoli, il tema del fit for 55 riguarda le emissioni nel complesso rispetto a quelle del 1990 non 2021..
Ritratto di Velocissimo
29 dicembre 2022 - 20:29
Molto molto bene
Ritratto di Firebrand
29 dicembre 2022 - 20:49
Mi sembra chiaro che per l'attuale il governo Italiano gli interessi economici nel breve di quei banditi di Stellantis (leggi Tavares e soci) son più importanti della salute degli Italiani nel breve, e nel medio lungo periodo della rilevanza dell'Italia nel mercato globale. Più politici incompetenti fanno sparate come questa, più i produttori tradizionali occidentali si convinceranno di "poterla forse fare franca", e più paradossalmente tireranno il freno nel passaggio verso l'elettrico, in cui già oggi son notevolmente indietro. Il loro sogno è venderci una bella Panda SUV a benzina a 40.000€, che in realtà sara lo stesso modello del 2003. Come conseguenza, Stellantis e amici si sta scavando la fossa con le loro mani... E io non vedo l'ora che tale spazzatura parassitica ce la leviamo finalmente dai piedi :))) Che ridere! :)))
Ritratto di nano75
29 dicembre 2022 - 23:54
Abbiamo bisogno di persone come te, candidati!!!!
Ritratto di alveolo
30 dicembre 2022 - 07:26
Sarà, ma attualmente vedo comunque meglio messa per prezzo/contenuti una Panda che una Spring, elettrica. Idem, ci fosse qualcuno interessato davvero a ripulire l'aria sosterrebbe e si applicherebbe per elettrica da città alla portata del portafoglio di tutti (e magari ricaricabile quasi stendendo la prolunga dal balcone), come sta avvenendo in cina per dire. Attualmente purtroppo a 40k non è in spinta, tanto da prenderci bell'incentivi, la Panda ma auto con altra tecnologia. Alla fine se il 90% dei pro ev continuano lo stesso a tenersi la loro non ev, magari pure acquistata da poco, un motivo reale valido ci sarà; a prescindere dalle pseudo intemerate a favore di blog
Ritratto di San Bonifacio VR
30 dicembre 2022 - 10:12
2
Per prezzo/contenuti la Model Y le suona di santa ragione sia a Panda che Spring. Il problema è solo nostro che non ce la possiamo permettere.
Ritratto di Il Bavarese
29 dicembre 2022 - 21:00
Intanto nel 2024 ci saranno le europee e da come uscirà composto il nuovo parlamento potrebbe cambiare tutto o niente anche su questo tema. Dopodiché, è vero che in Italia se ne vendono pochissime, è vero che anche io non ne comprerei una (costo a parte) almeno fino a che non ci sarà una rete capillare di ricarica efficiente e rapida da Aosta a Canicattì, ma è anche vero che giorni fa ho fatto in autostrada da Monaco di Baviera a Colonia e di auto elettriche ne ho viste diverse proprio in autobahn (dove in ogni stazione di servizio e spesso anche nelle aree di sosta ci sono colonnine di ricarica!!), non andavano veloci come le altre, ma ne ho viste diverse e non solo le solite Tesla. Ok che poche ore in autostrada non sono un campione significativo, ma mi hanno dato l’idea che comunque fuori dall’Italia ci si stia muovendo parecchio verso l’elettrico. Come su tutto il resto, come sempre…
Ritratto di otttoz
29 dicembre 2022 - 21:29
governo illegittimo che governa senza avere il 51 per cento...40 milioni di elettori non l hanno votata
Ritratto di Volpe bianca
29 dicembre 2022 - 22:15
?
Ritratto di Woldemort
29 dicembre 2022 - 22:48
C**zi loro se non sono andati a votare,il governo é più che legittimo visto che ha preso oltre il 50% di chi ha votato,sveglia….
Ritratto di Truman200
29 dicembre 2022 - 21:50
Ottoz era legittimo il pd con il 16% dei voti? È l rdc x chi non fa un tubo?
Ritratto di Oxygenerator
3 gennaio 2023 - 20:39
Eliminare l’RDC è sbagliato. Così come è sbagliato non controllare i percettori del l’RDC. Ma si sa,i controlli in Italia, sono solo un costo aggiuntivo.
Ritratto di Velocissimo
29 dicembre 2022 - 22:31
Benissimo, e adesso via il superbollo.
Ritratto di Firebrand
30 dicembre 2022 - 09:21
E' sempre per me fonte di infinito divertimento pensare che esista ancora qualcuno convinto che toglieranno mai il superbollo sulle auto con motore a scoppio con tanti cavalli :) Vuoi un consiglio? Comprati una BEV, e goditi le centinaia e centinaia di cavalli e l'accelerazione bruciante senza pagare nè bollo nè superbollo, nè senza (soprattutto) render velenosa e cancerogena l'aria che tu e le persone intorno a te respirate... :))
Ritratto di alveolo
30 dicembre 2022 - 10:08
(Bravo, finalmente l'hai detta) Che poi è il vero motivo per cui Tutti Volere la ev, e con gli incentivi, ma quella da 40 k, e 400CV, e non quella da 4k e 4CV. In tal caso ti è uscita giusta, relativamente alle Vere, per chissà quanta percentuale, motivazioni ecologiste
Ritratto di San Bonifacio VR
30 dicembre 2022 - 10:43
2
Considerando che poi in pratica spesso quella da 400 cv consuma meno di quella da 40 cv anche la motivazione ecologista è a favore di quelle potenti e belle da guidare. Ma per chi guida una Kia Picanto capisco che possa rodere il fegato pagare il bollo mentre quello con 400 cv no.
Ritratto di Edo-R
30 dicembre 2022 - 11:24
@San Bonifacio al posto tuo eviterei di sfottere tanto, hai anche tu sotto sotto una panda, spacciata per americana e a "DISELL", da buon italico, a rate.
Ritratto di Edo-R
30 dicembre 2022 - 11:25
Una punto*
Ritratto di Vincenzo1973
29 dicembre 2022 - 22:41
peccato cara Meloni che non sei tu a decidere, anzi menomale
Ritratto di Firebrand
30 dicembre 2022 - 09:16
:)))
Ritratto di cava64
30 dicembre 2022 - 09:04
....che te strilli , che te strilli , boona, boona , che tanto fai quello che te dicono de fa , a buffona .
Ritratto di Firebrand
30 dicembre 2022 - 09:17
La pantomima la sta facendo per dar una lisciata alle penne degli elettori, non perchè quello che dice abbia senso :)
Ritratto di No lavatrici
30 dicembre 2022 - 09:14
Finalmente una buona notizia!! Fosse vero sarebbe una ottima notizia!!
Ritratto di Lorenz99
30 dicembre 2022 - 09:29
ASPETTIAMO DI TROVARE SACCHI PIENI DI YUAN A BRUXELLES, PRIMA DI CAPIRE, CHE QUESTO PROGETTO INSIEME AL 5G, SERVONO SOLO A CREARE MISERIA A TANTI LAVORATORI E DIPENDENZA DALLA CINA, CHE TRA RUSSIA E USA, SEMBRA IL COLONIZZATORE PEGGIORE, VISTO CHE IN EMILIA DOVEVANO APRIRE FABBRICHE E INVECE SI SONO PRESI SOLO I FONDI. È GIÀ DECISO L'ELETTROPASS VIETERÀ DI ENTRARE NELLE GRANDI METROPOLI(PARIGI,BERLINO,MILANO,ROMA), QUINDI INDAGHEREI ANCHE SUI VARI SINDACI, PERCHÉ L'IDEA DI UNA ZTL PER RICCHI CON GARAGE E COLONNINA, E PERIFERIE PER MISERABILI SENZA EV, CI PORTA AL MEDIOEVO E CAUSA TENSIONI SOCIALI.
Ritratto di Volpe bianca
30 dicembre 2022 - 19:16
Mi scuso per la correzione, ma saranno trolley pieni di yuan. Tanti auguri di buon anno @Lorenz99, chiunque tu sia :))
Ritratto di NITRO75
30 dicembre 2022 - 09:31
Concordo, ma la stessa dichiarazione dovrebbe essere suffragata da manovre incentivanti le colonnine, i pannelli per energia rinnovabile, misure di contenimento dei conti della materia (verifica degli extra profitti) ed altre contromisure. Poi ovviamente i prezzi delle vetture elettriche andrebbero calmierati. Adesso insorgeranno quelli che riportano che le vetture "green" non sono poi così care e che i prezzi sono simili a quelli dei modelli tradizionali, ma solo perchè i modelli tradizionali sono aumentati esponenzialmente e sono anche diventati più poveri di contenuti a causa della carenza dei chip.
Ritratto di AlphAtomix
30 dicembre 2022 - 09:32
Il mercato sceglierà cosa e quando acquistarlo, non una legge imposta da dementi con manie di onnipotenza. Se nel 2035 vorrò comprare un'auto termica che sarà in linea con le normative antinquinamento del 2035 non vedo perché io dovrò per forza prendere una lavatrice su ruote. Lasciamo che il mercato faccia il suo corso, da qui a 13 anni magari l'elettrico rappresenterà veramente un'alternativa ed allora tra 13 anni deciderà spontaneamente di acquistarlo. Imporre qualcosa ha solo l'effetto contrario.
Ritratto di Andre_a
30 dicembre 2022 - 09:53
Pensa, io mi vorrei comprare una mitragliatrice ma una "legge imposta da dementi con manie di onnipotenza" me lo impedisce. Vergogna!!!!11!1!!!
Ritratto di AlphAtomix
30 dicembre 2022 - 09:54
Pensa che ci hai pure pensato a paragonare un'automobile ad una mitragliatrice. Pensa quanto dev'essere elevato il tuo Q.I.
Ritratto di Andre_a
30 dicembre 2022 - 09:57
Il QI è nella media, ma puoi chiedere a tua mamma cos'ho di elevato
Ritratto di AlphAtomix
30 dicembre 2022 - 10:02
Wow, un vero maschio alpha.
Ritratto di Andre_a
30 dicembre 2022 - 10:05
È stato un piacere, ora torno a lucidare la mitragliatrice
Ritratto di NITRO75
30 dicembre 2022 - 10:12
Comunque in entrambi i casi sono elementi pericolosi in mano a persone sbagliate. Uno ha la forma ed un uso offensivo specifico (arma), mentre l'altro è travestito da agnello pur essendo un lupo (autoveicolo). Resta il fatto che se vorranno imporci l'auto elettrica basterà non consentire più la vendita delle termiche, e fare blocchi del traffico di massa ed a tappeto. Quando non potremo più muoverci liberamente, saremo costretti. Ma a questo punto non credo si possa parlare più di democrazia, ma di un'altra cosa.
Ritratto di AlphAtomix
30 dicembre 2022 - 10:18
Anche i coltelli li puoi usare per tagliare il prosciutto o per ammazzare un cristiano, cosa facciamo? Non vendiamo più coltelli e ci facciamo i denti per dilaniare il cibo? Che discorsi che fate...
Ritratto di Andre_a
30 dicembre 2022 - 10:25
Il mio paragone con la mitragliatrice non era dettato tanto dalla pericolosità, quanto con il fatto che da sempre lo Stato (e da un po' l'UE) stabiliscono per legge le caratteristiche che un prodotto deve avere per poter essere venduto. Non è tutto lasciato al libero mercato, forse lo è in alcuni stati degli Usa, ma probabilmente nemmeno lì. Se vogliamo restare nell'ambito automobilistico, le imposizioni ci sono da prima che io nascessi, a partire dalla cintura di sicurezza agli specchietti, oppure, limitandoci agli inquinanti, il catalizzatore prima e limiti sempre più stringenti poi. Emissioni zero è il naturale punto di arrivo di un percorso iniziato decenni fa, non capisco lo scandalo
Ritratto di alveolo
30 dicembre 2022 - 10:12
In effetti lo spunto è interessante. I limiti sono, mi sembra, su determinati e specifici composti, CO2 NOx ecc. Immagina in prossimità del 2035 che qualcuno si inventa un ulteriore catalizzatore agli scarichi che combinasse tali suddetti composti in qualcos'altro che esuli dalle tabelle dei proibiti
Ritratto di AlphAtomix
30 dicembre 2022 - 10:25
Come scritto nell'articolo, per le nuove normative si terrà conto dell'intero ciclo di vita di un veicolo (lo studio uscirà nel 25). Quindi non è detto che una elettrica inquini meno di una termica. Cosa che diversi esperti dicono da sempre. Personalmente non è il mio campo quindi non so a chi credere. Fatto sta che per me dovrebbe essere il mercato a scegliere. Se il termico inquinerà di più e mi faranno pagare una sovratassa, allora farò le mie scelte. Se inventeranno un nuovo fap per cui il termico rientrerà nei parametri non vedo perché io debba essere obbligato a prendere una elettrica anche se queste faranno mille km con un pieno e la ricarica in 30 minuti. Caso contrario, se le elettriche faranno mille km con ricarica di 10 minuti magari sceglierò l'elettrico anziché il termico anche se quest'ultimo sarà legale 100%. Io non sono contro l'elettrico, io sono contro l'elettrico come obbligo.
Ritratto di alveolo
30 dicembre 2022 - 10:38
Aggiungerei più che altro che 1) il dato attualmente è falsato nel momento che si ritiene SEMPRE a impatto zero l'energia che invece una qualsiasi auto finisce per consumare (cosa invece più un'eccezione che una regola) 2) il discorso non può essere come invece stanno facendo interamente comunitario, continentale, in quanto il mix energetico varia da paese a paese e quindi se in alcuni di essi via una termica a favore di un'elettrica è sicuramente un guadagno ambientale, in qualche altro paese piuttosto si peggiora
Ritratto di Biondi stefano
30 dicembre 2022 - 09:56
Bla bla bla ...ľ inquinamento non esiste, bla bla bla...gli scienziati dicono...bla bla bla...la Meloni... Discorsi per di più. Cosa sapete voi cosa sceglieranno i giovani fra 10 anni,quando voi sarete vecchi e rinc......;-))) compreso me naturalmente.
Ritratto di Flynn
30 dicembre 2022 - 10:12
Io nel dubbio metto i miei piccoli sui kart. Poi, ovviamente, liberi di decidere quando prenderanno la patente.
Ritratto di Vecchio Caprone
30 dicembre 2022 - 17:59
@Flynn, bravo.
Ritratto di oltrebrawn
30 dicembre 2022 - 10:41
per una volta sono assolutamente d'accordo. L'elettrico metterà fine alla mobilità individuale causando non pochi problemi sia di occupazione che di vita delle persone che per spostarsi perderanno ore della propria vita sui mezzi pubblici. Si opti per l'etanolo e il bio-diesel . il resto sono menate da radical chic.
Ritratto di Firebrand
30 dicembre 2022 - 13:28
È sempre bello quando arriva il so-tutto-io con la verità in tasca da quando è nato e che illumina tutti, rigorosamente terminando la "sparata elettorale" con frasi in terza persona imperativa, per dimostrare che egli è la voce divina, e ridicolizzando chi non la pensa come lui affibbiando etichette denigratorie ("radical chic"). Eh sì, ci son anche i pomposi saccenti, che ci dobbiamo fare... :)
Ritratto di luigigor
30 dicembre 2022 - 12:40
Basta che poi cambino idea come hanno invece fatto su altri temi... Comunque anche se non la cambiano, l'incertezza del futuro è un macigno per le vendite di auto. Se fosse per me sarebbero già tutti in galera questi politici (tutti, senza alcuna eccezione) e invece la gente ancora li vota.
Ritratto di robertop
30 dicembre 2022 - 15:05
2
Brava!
Ritratto di Francescov
30 dicembre 2022 - 16:50
2
Menomale...
Ritratto di nemus
30 dicembre 2022 - 17:10
1
La Meloni è inutile che tenti di fare finta opposizione, è finita anche lei nel financial business.A techie calate dirà di sì a tutti i diktat.
Ritratto di Marcoklunk
30 dicembre 2022 - 17:31
Purtroppo ormai è tutto deciso, le case non produrranno più auto termiche ben prima del 2035! Il danno è fatto, le case hanno meno costi e meno personale, i cittadini oltre a perdere milioni di posti di lavoro pagheranno anche i costi della di ricarica
Ritratto di carminuccio1969
30 dicembre 2022 - 18:02
Come detto su altri forum , voglio ribadire qualche considerazione. Trovatemi una nazione , leggasi governo , che rinuncerebbe ai miliardi di euro di introiti derivati dai combustibili fossili . Facciamo con le batterie quello che abbiamo fatto col metano e petrolio russi. Leghiamoci mani e piedi ai cinesi. E' da pazzi.
Ritratto di marcoluga
30 dicembre 2022 - 20:32
2
Quali siano le motivazioni con le quali si prendono le decisioni a Brussel è in questo momento perlomeno degno di approfondite verifiche. Appoggio la Meloni al 100%.
Ritratto di AZ
30 dicembre 2022 - 21:45
Dichiarazione da persona ignorante di auto e di tecnologia: nel 2035, guerre e disastri economici permettendo (ma c'è sempre tempo di ritornare sulle decisioni, con tali eventi nefasti), avremo le tecnologie per produrre auto elettriche paragonabili alle termiche in fabbriche europee e con tecnologie anche europee. Se ci sbrigassimo avremmo anche abbastanza energia per ricaricarle con fonti rinnovabili, ma dubito (anche se non sarebbe una tragedia usare ancora qualche fonte inquinante, nucleare compreso). Sarebbe importante costruire anche impianti di riciclaggio e se ne parla troppo poco. Il problema saranno le norme che limiteranno l'uso delle auto in città e quelle antinquinamento contro freni e pneumatici.
Ritratto di Almeron771
31 dicembre 2022 - 08:05
Queste affermazioni mi lasciano basito....l'italia contro tutta l'Europa, solo per difendere le nostre lobby. La storia industriale dovrebbe averci insegnato che la produzione nei decenni cambia, si evole....o ivolve...ma cambia.Questo è un momento di cambiamento (non discuto se in meglio o in peggjo, ma di cambiamento) chi si adattera sopravvivra'...gli altri faranno fine dei dinosauri.
Ritratto di RubenC
31 dicembre 2022 - 16:14
2
Beh, date le sue opinioni su tanti altri argomenti, non è che ci si poteva aspettare qualcosa di particolarmente furbo su questo tema qua.
Ritratto di Rush
1 gennaio 2023 - 00:19
Buon 2023 a tutti!!!
Ritratto di CR1
1 gennaio 2023 - 08:31
il Vero dilemma ; CO2 O NON CO2 , TENGO il vecchio o voglio il NUOVO ,INvestimenti o LIcenziamenti ? Abbiamo paura o non siamo capaci ? CHI non si adatterà si estinguerà come i dinosauri ? Eppure dai governi italiani son sempre stati incentivati tecnologia internet e digitale terrestre e ricordo anche un discorso del capo dello stato favorevole alla globalizzazione , . Ricordo alla Meloni che non è più all'opposizione , ma nella posizione in cui dirigere anzi timonare la barca Italia --- speriamo non sia Schettino--
Ritratto di Rush
1 gennaio 2023 - 15:37
Dai.. per cominciare l’anno facciamo un po’ di casino…-:))). Parlando di surriscaldamento in particolare di CO2 emessa lancio la seguente provocazione che sicuramente coinvolge tutti dato che la TV la guardiamo tutti senza minimamente preoccuparci di quanto le trasmissioni inquinino: “L'impronta ecologica delle piattaforme è enorme, con la sola Netflix responsabile dell'1% delle emissioni globali di gas serra. Gli oltre 100 milioni di visualizzazioni di un film come Birdbox hanno generato 65 tonnellate di CO2, tante quante se ne produrrebbero effettuando per 6 mila volte il giro del mondo in automobile.” Siamo sicuri che l’automotive sia l’unico male da evidenziare? Vero che da qualche parte bisogna pur partire ma… Netflix non c’era e nessuno ne sentiva il bisogno…le auto ci sono da oltre un secolo e la mobilità è indispensabile… sempre convinti che bisogna partire dalle auto? Buon anno a tutti e non arrabbiatevi che chi si arrabbia il primo dell’anno avrà problemi di fegato tutto l’anno…-:)))
Ritratto di Oxygenerator
3 gennaio 2023 - 20:57
Può porre la questione con tutta la forza che vuole, ma non si può rompere le @@ in Europa 20 anni dopo la decisione presa. O si dice no subito, o si accetta la decisione della maggioranza. Ricordo che il governo italiano concordò con la decisione dell’Europa, per il fit for 55, presa il 21 luglio 2001, insieme ad altri paesi europei. Ed era al governo dal 2001 al 2006, berlusconi, con meloni e salvini. Fare questa esternazione per leccare i propri votanti, è fuori luogo, e poco serio.
Ritratto di CR1
4 gennaio 2023 - 08:15
giusto pensare al 35" , c'erano delle priorità e delle promesse -abbassare i costi dell'energia gas dicembre +23% - altri compagni erano avversi alle accise - prontamente ripristinate??!!?? - aumenti qui li e là . Molto meglio pensare al 35 che al 23 ...per non parlare della Fornero fermata (ah no non ci sono fondi) quota 103 opzione donna 95 anni 2 figli a carico....stan facendo meglio di un governo tecnico