Mercedes EQE: non chiamatela mini-EQS

Pubblicato 05 settembre 2021

La Mercedes svela all’IAA 2021 la berlina elettrica EQE. Design e contenuti derivano dall’ammiraglia EQS, ma il look è più sportivo e muscoloso. Autonomia fino a 600 km.

Mercedes EQE: non chiamatela mini-EQS

LA FAMIGLIA EQ SI ALLARGA - Ha dimensioni a metà strada tra la CLS (3 cm in meno) e la Classe E (3 cm in più), ed è la variante completamente elettrica (ma con una meccanica completamente diversa) di quest’ultima. A prima vista, la nuova Mercedes EQE svelata dalla casa della Stella al salone di Monaco, lunga 4,95 metri, larga 1,96 e alta 1,51, potrebbe sembrare una EQS in scala lievemente ridotta. E numerosi sono, in effetti, i punti di contatto con la “Classe S delle elettriche”: stessa piattaforma Eva2, un’architettura progettata ad hoc per supportare auto d’alta gamma a batteria, e stesso, inconfondibile profilo ad arco che, nella vista laterale, unisce muso e coda senza soluzione di continuità. Cambia però il look, che sulla EQE si concede qualche spunto di sportività in più, con un frontale più aggressivo e una linea di cintura un po’ più alta, proprio per distaccarsi dall’eleganza formale che caratterizza l’ammiraglia a basso impatto ambientale della stella a tre punte.

SUPERTECNOLOGICA - Quello che non muta, e anzi viene ribadito, è il livello di tecnologia, altissimo della Mercedes EQE. Qualche esempio? L’autotelaio, il cui schema sospensivo è analogo a quello della Classe S e della EQS, è dotato, come sulle sorelle maggiori, dell’asse posteriore sterzante, che girando le ruote fino a 10° riduce il diametro di sterzata da 19,7 a 12,5 metri. Tantissima tecnologia anche a bordo, dove a richiesta è disponibile lo stesso Hyperscreen della EQS, uno schermo panoramico che occupa tutta la superficie della plancia, estendendosi per ben 1,41 metri. Il pannello vetrato racchiude tre diversi display: quadro strumenti, infotainment e, infine, un monitor per il passeggero dove è possibile guarda un film o navigare su internet. Sia con l’Hyperscreen che con lo schermo di serie, l’Mbux rinuncia ai tradizionali menù e gestisce le principali funzioni dell’auto attraverso l’intelligenza artificiale, anche se rimangono naturalmente disponibili i normali comandi manuali per gestire la navigazione, la radio e il telefono.

FINO A 660 KM DI AUTONOMIA - Due i motori disponibili al lancio per la Mercedes EQE, previsto per la metà del 2022 sui mercati globali, anche se al momento la Mercedes ha diffuso qualche dettaglio solamente sulla EQE 350, che avrà un motore elettrico posteriore da 292 CV e 530 Nm. In futuro sono previsti, naturalmente, anche versioni 4Matic con un secondo motore elettrico montato sull’asse anteriore. Le batterie, da 90kWh, sono agli ioni di litio con catodo al nichel-cobalto-manganese, ma più ecologiche dei tradizionali accumulatori, perché la presenza del cobalto, il materiale più inquinante, è inferiore al 10%. Con una potenza di ricarica in corrente continua fino a 170 kW, bastano 32 minuti per passare dal 10 all’80% della capacità delle batterie, mentre in quarto d’ora è possibile ottenere un’autonomia di 250 chilometri.

Nel ciclo Wltp, secondo i dati dichiarati per la Mercedes EQE, si possono percorrere al massimo 660 chilometri, un valore raggiunto anche grazie a un sofisticato sistema di recupero dell’energia che nelle fasi di decelerazione può essere regolato secondo quattro diverse modalità dal guidatore. Per concludere, qualche cenno ai sistemi di assistenza alla guida: tra gli equipaggiamenti di serie e quelli a richiesta, sono compresi l’assistenza attiva allo sterzo con cambio di corsia autonomo, la frenata attiva d’emergenza e il sistema di regolazione della distanza dal veicolo che precede.

VIDEO
Mercedes EQE
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
6
4
6
4
4
VOTO MEDIO
3,2
3.166665
24




Aggiungi un commento
Ritratto di Cilindrata
5 settembre 2021 - 21:16
Un telefono Android da 350€ funziona meglio di tutto l'hyperscreen da 20k "hey Mercedes".
Ritratto di deutsch
5 settembre 2021 - 21:26
4
Fatti portare in giro dal cellulare
Ritratto di bebbo
5 settembre 2021 - 21:53
Che è esattamente quello che fanno in tanti, con un semplice supporto smartphone da appoggiare alla plancia :)
Ritratto di Andre_a
5 settembre 2021 - 23:51
9
Chi produce cellulari non produce auto (non ancora, almeno). Allo stesso modo, non penso che chi produce auto dovrebbe produrre tablet: prendi uno schermo di qualità, reattivo, con un'ottima illuminazione, ci metti Android Auto e il Car Play, e hai già il miglior infotainment possibile.
Ritratto di Verde Passero
6 settembre 2021 - 08:38
A molti piace spendere di più, spesso inutilmente
Ritratto di francyb11
6 settembre 2021 - 09:03
@Verde Passero. Purtroppo si
Ritratto di Oxygenerator
6 settembre 2021 - 09:13
@ francyb11 Perchè purtroppo ? Ognuno spende come vuole, il proprio denaro.
Ritratto di Trattoretto
6 settembre 2021 - 09:57
Questa è la classe E elettrica, che - da sempre - è una auto per chi se la può permettere.
Ritratto di Pintun
6 settembre 2021 - 09:32
Almeno hanno dismesso il doppio tablet. Tra un po' avremo solo schermi su quattro ruote. Poi ci sta che Mercedes punti sul superfluo e se lo faccia pagare bene, il problema e che cercheranno di farlo anche le altre case. Collegando il telefono hai già più di quel che serve e basta un telefono che costa meno di 150 euro
Ritratto di Check_mate
5 settembre 2021 - 21:25
1
Mercedes ci deve spiegare cosa cappero deve mettere sotto a quel cofano da rialzarlo a tal punto da farlo finire sopra la linea di base dei finestrini, come una TA low cost qualunque. Ste berline così sembrano di pullman spiaggiati
Pagine