NEWS

Monopattini: a Roma gare clandestine

Pubblicato 14 settembre 2020

Come Parigi, anche Roma è teatro di gare tra giovani in monopattino, secondo quanto riporta il quotidiano La Repubblica.

Monopattini: a Roma gare clandestine

PER LE VIE DE CENTRO - Non è ancora un fenomeno di moda, ma poco ci manca. Forse. Trasformare le strade del centro città in una sorta di circuito e organizzare in tempo reale Gran Premi. Non in auto, ma con il monopattino. È successo, succede e probabilmente accadrà ancora: la prima volta ne hanno dato conto i quotidiani francesi illustrando le folli giravolte di giovani parigini a bordo di questi due ruote elettrici e ora ne torna a parlare il quotidiano La Repubblica in un articolo all’interno della cronaca di Roma. Sì, perché, a quanto pare, anche nella capitale si organizzano mini Gp a due ruote. In piena notte tra la centralissima via del Corso e il Colosseo: partenza da Piazza Venezia e arrivo davanti a Palazzo Chigi. Così il cronista documenta queste corse lungo le vie della capitale con giovani che si rincorrono si sorpassano e si risorpassano ignorando i semafori e zigzagando tra mezzi pubblici e le auto dei cittadini spesso increduli. E chi non possiede un monopattino per queste gare clandestine può trovarne uno spendendo pochi euro con facilità. A Roma ce ne sono 8.500 in affitto e sono gestiti da sei operatori autorizzati dal Comune. E alla fine i risultati sono demoralizzanti: ogni giorno decine e decine di monopattini vengono abbandonati dove capita, nei posti più impensabili spesso provocando la rabbia dei residenti che a volte sono costretti ad autentici slalom di fronte al portone di casa. 





Aggiungi un commento
Ritratto di Kranio71
14 settembre 2020 - 17:37
Siamo alla frutta...speriamo nella selezione naturale della specie
Ritratto di katayama
14 settembre 2020 - 17:44
Per carità, non intavoliamo il discorso sulla specie... È solo un modo per lasciarsi alle spalle il coronavirus.
Ritratto di Meandro78
14 settembre 2020 - 18:34
Ci vorrebbe un percorso alla Takeshi's Castle.
Ritratto di katayama
14 settembre 2020 - 18:55
Aggiungici le scommesse e siamo al top.
Ritratto di Miti
15 settembre 2020 - 11:47
1
Chi sa katayama come mai per lasciare dietro una cosa negativa o grave o meno piacevole... chiamala come vuoi fai una cosa ancora più imbe..le di prima.
Ritratto di katayama
16 settembre 2020 - 13:35
Ma sì, è tutto un nonsense.
Ritratto di Miti
16 settembre 2020 - 17:41
1
La cosa tremenda è che vedi le bici nelle corsie delle bici e poi vedi questi def..ti che non sono obbligatorio giovani ma ben più in età in mezzo alla carreggiata. Ieri ad esempio uno trainava un altro perché la batteria era scarica. Ma come fin quando non uscirà un pandemonio con uno di questi che lo raccoglieranno con il cucchiaino dalla battistrada di un autoarticolato le cose andranno così. Non dovevi essere attento ai motorini e varie. Adesso mancavano questi. Per non dire che praticamente ho visto che davanti a fiera Milano città un ammasso di queste robe lasciate in mezzo alle strisce pedonali. Io capisco mobilità sostenibile ma qui di sostenere sarebbe il cervello della gente. Che di educazione ... Un altro mi è uscito davanti un altro che ha quella specie di monopattino elettrico con il supporto tra le ginocchia. Praticamente faceva corsia al semaforo seguiva le strisce poi usciva in corsia poi di nuovo le strisce pedonali. Tutto vestito con una tutta da moto con casco integrale. E guardate che quel va veramente veloce. Sui 50 km/h. Non si rendono conto che a quella velocità se prendi un palo sei chiaramente cliente di un rep di neurovegetativi. Ma che danni puoi fare ad una persona che cammina tranquillo sul marciapiede se tu ti fai un volo da una decina di metri ? Il mondo veramente va allo sbaraglio.
Ritratto di Luca Cagnesco 90
14 settembre 2020 - 20:05
2
Basterebbe una tempesta magnetica!!
Ritratto di flavio84
14 settembre 2020 - 19:34
Che tristezza i millenials....ai miei tempi le corse si facevano sulla cagiva mito e l aprilia rs....
Ritratto di katayama
14 settembre 2020 - 19:49
Con quelle ti facevi la sparata fino a Piazza del Popolo.
Pagine