Da Mopar una Wrangler speciale. E tanto altro

10 marzo 2017

Arriva il kit ufficiale per la Wrangler. Ne abbiamo approfittato per fare una chiacchierata con Santo Ficili, il numero uno di Mopar in Europa. 

Da Mopar una Wrangler speciale. E tanto altro

MOPAR, L’ASSISTENZA PER FCA - Negli Stati Uniti, Mopar è ben nota fra gli automobilisti: dal 1937, il nome derivato dalle iniziali di Motor e Parts (ricambi) contraddistingue il comparto postvendita della Chrysler. Quando il gruppo americano è confluito in quello Fiat (andando nel 2014 a formare la FCA) tutte le attività sono state conglobate, e oggi Mopar gestisce anche l’assistenza, i ricambi e gli accessori originali per le Fiat, Alfa Romeo, Lancia, Abarth e Maserati. Il postvendita è un’attività sempre più complessa e cruciale per le case, perché contribuisce alla soddisfazione (e, quindi, alla fedeltà a un marchio) degli automobilisti: al Salone di Ginevra abbiamo approfittato per parlarne con il responsabile per l’Europa, il Medio Oriente e l’Africa di Mopar, Santo Ficili (foto qui sopra).

WRANGLER “PRONTA DUNE” A 8.900 EURO - Negli stand FCA era ben rappresentato il lato più “spettacolare” di Mopar: gli accessori, che contribuiscono a impreziosire l’abitacolo e la carrozzeria, ma che possono anche spaziare sul lato tecnico. Proprio al Salone debutta la prima personalizzazione completa effettivamente acquistabile in Europa, ovvero l’aggressivo kit Mopar One per la Jeep Wrangler (foto sopra): sospensioni rialzate di ben cinque centimetri (con ammortizzatori, molle e barre antirollio nuovi), cerchi in lega di 17” neri (come il tappo del serbatoio) con pneumatici Hankook Dynapro AT-M 265/75, adatti a un uso fuoristradistico “duro”, e paraspruzzi anteriori e posteriori. Il kit è omologato per l’uso stradale e va richiesto al momento dell’ordine di una nuova Wrangler (non può essere fornito per quelle già immatricolate, proprio per motivi di omologazione); costa 8.900 euro, viene prodotto negli Usa e installato a Mirafiori, e ha la stessa garanzia (due anni) dell’auto.

ANCHE LA COMPASS SARÀ PERSONALIZZABILE - Gli accessori sono realizzati per tutti i marchi. Come spiega Ficili, “stiamo sviluppando prodotti che soddisfino la crescente voglia di personalizzazione, che è molto diversa da una casa all’altra. Per esempio, con l’Alfa Romeo puntiamo sulla sportività, mentre per le Jeep, ma anche per il nuovo pick-up Fiat Fullback (foto qui sotto), accentuiamo l’aspetto “avventuroso” e la praticità. Lo sviluppo è continuo: basti dire che per la Jeep Compass, al debutto in Europa proprio qui a Ginevra, vogliamo arrivare a proporre ben 90 accessori. I paesi in cui la richiesta è maggiore sono Danimarca, Svizzera e Austria, perché vi circola un maggior numero di veicoli di alta gamma; comunque, tutti i mercati sono in crescita.” 

MAGAZZINO STERMINATO  - Gli accessori sono “glamour”, ma le attività principali di Mopar sono altre. Innanzitutto c’è la distribuzione dei ricambi per tutti i marchi del gruppo, che ha il “cuore” nel maxi-magazzino di Volvera, in provincia di Torino. Si tratta della sede storica della Fiat Ricambi, che “ospita 500.000 tipi di pezzi differenti, spediti alle concessionarie di tutto il mondo grazie all’impegno di 650 persone che lavorano su doppio turno.” 

RIPARAZIONI AL GIUSTO PREZZO - E poi c’è la riparazione. “Stiamo investendo molto nei corsi di formazione - puntualizza Ficili - con particolare attenzione alla figura dell’accettatore, che cumula un numero elevato di competenze: deve essere un tecnico competente, ma deve anche sapersi relazionare con il cliente”. Quali sono, invece, le principali motivazioni di scelta di un’officina? “Capacità di porre rimedio al problema, vicinanza, orario di apertura, prezzo. Che non deve essere il più basso possibile, ma corretto per il tipo di intervento. Su tutti questi punti stiamo cercando di migliorare. C’è ancora del lavoro da fare, certo, ma dalle nostri indagini risulta che un sempre maggior numero di clienti raccomanderebbe i nostri punti di assistenza.”

TUTTO IL MONDO CHIAMA ARESE - Mopar gestisce anche il call center di Arese, vicino a Milano (negli ex stabilimenti Alfa Romeo). “Qui rispondiamo alle richieste dei clienti di tutto il mondo. È un nostro fiore all’occhiello: abbiamo 500 operatori che parlano 25 lingue diverse, e il 90% è madrelingua. La soddisfazione dei clienti è molto elevata, ma non ci fermiamo. Per esempio, abbiamo persone che si dedicano esclusivamente a clienti specifici, che hanno esigenze particolari: dai camperisti ai proprietari di vetture Alfa Romeo e Jeep.”

TAGLIANDI IN PACCHETTO: Li SCELGONO IN TANTI - Mopar si occupa anche delle estensioni di garanzia per i veicoli nuovi (fino a cinque anni di copertura) e dei pacchetti di manutenzione, che possono essere più o meno completi ed estesi nel tempo. “Lo scorso anno - dice Ficili - ben il 64% di chi ha comprato un’auto FCA ha aggiunto un servizio di manutenzione.” E non finisce qui: “L’offerta va aggiornata continuamente. Per dire, da qualche tempo le concessionarie hanno aggiunto il servizio di stoccaggio dei pneumatici per chi fa il cambio tra gomme invernali ed estive. E poi cerchiamo di dialogare con il cliente sfruttando i moderni mezzi di comunicazione, social inclusi, con lo scopo di informare senza essere invadenti. Ecco allora che ricordiamo quando è arrivato il momento di fare manutenzione o di sottoporre il veicolo alla revisione periodica, e avvisiamo quando ci sono offerte convenienti, per la manutenzione e per gli accessori.” 



Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
10 marzo 2017 - 10:42
2
Io aspetto il Wrangler pickup.
Ritratto di Shakito
13 marzo 2017 - 12:50
1
8900 euro per avere 5 cm di rialzo e una misura di gomme per la quale non esistono gomme da fango nuove (non ricostruite). Jeep non si smentisce mai, purtroppo.
Ritratto di caronte
28 maggio 2017 - 14:53
Una bella personalizzazione.