NEWS

Museo Alfa Romeo, a ottobre partono i lavori

30 luglio 2014

La Fiat e il ministero dei Beni Culturali avrebbero trovato un’intesa sulla sorte della collezione della casa italiana e la ristrutturazione della sua sede.

Museo Alfa Romeo, a ottobre partono i lavori
CHIUSO DA TRE ANNI - Sembra finalmente giunto a una soluzione il contenzioso fra la Fiat e il ministero dei Beni Culturali sulle sorti del museo Alfa Romeo di Arese (aperto nel 1976, ospita 250 vetture storiche), ormai da tre anni chiuso al pubblico. Grazie anche alla mediazione della regione Lombardia e di altri enti, a ottobre dovrebbero prendere il via i lavori per la sua ristrutturazione. Oltre al museo, potrebbe essere riattivato l’attiguo piccolo circuito di prova degli ex stabilimenti Alfa Romeo e aperti uno show room per i nuovi modelli della casa italiana, oltre a un punto di ristoro. La struttura dovrebbe riaprire al pubblico nell’estate 2015, giusto in tempo per attrarre almeno una parte dei visitatori del vicino Expo di Milano.
 
SALVATI I “DOPPIONI” - Il rapporto tra la Fiat, proprietaria dell’Alfa Romeo dal 1986, e il ministero dei Beni Culturali (tramite la soprintendenza lombarda) si era bruscamente arrestato lo scorso marzo, quando il Tar aveva rigettato la richiesta di annullamento del vincolo sul Museo pretesa dal Lingotto,  rinviando le decisioni alla nuova udienza prevista proprio per il prossimo ottobre. Oggetto del contendere, erano anche gli otto “doppioni” di Alfa storiche che la Fiat intendeva vendere per ricavarne fondi, da destinare alla ristrutturazione. Cosa cui la soprintendenza aveva risposto con un fermo rifiuto. 
 
RAGION DI STATO - Oltre all’Expo, che offre una vetrina di risonanza mondiale per l’Alfa Romeo, a sbloccare la situazione dando impulso alla riapertura del museo è stato anche l’ultimo piano industriale presentato da FCA, che colloca in una posizione chiave il marchio del Biscione. Per il rilancio, la collezione gioca un ruolo fondamentale in tutta la sua interezza. Perché, mutilarla dei famosi otto “doppioni”, potrebbe rivelarsi un clamoroso autogol. La riqualificazione del museo dovrebbe svolgersi sempre con la supervisione della soprintendenza, in quanto il vincolo per la sua sede e per le sue auto dovrebbe rimanere. Non solo per gli alfisti e per gli appassionati, ma anche per chi a cuore il patrimonio storico italiano, questa riapertura è una buona notizia.


Aggiungi un commento
Ritratto di Sprint105
30 luglio 2014 - 12:42
sarebbe veramente ora. Oltre al suo valore storico, il museo è un formidabile mezzo per promuovere la vendita delle nuove Alfa e, per la Fiat, l'occasione di riconquistare le simpatie degli alfisti. Una lezione che i tedeschi hanno imparato già da tempo. Vi ricordate lo spot in cui una Mercedes nuova entrava nel museo storico di Stoccarda? L'idea di vendere pezzi del museo Alfa per finanziarsi è vergognosa. I soldi potrebbero risparmiarli dalla patetica sponsorizzazione Alfa nelle corse di moto e di eventi che in pochi seguono. E, poi, con tutti i soldi che la Regione Lombardia butta via (l'ultima, i milioni per il meeting di CL a Rimini), non possono recuperarne un po' per il museo?
Ritratto di Montreal70
30 luglio 2014 - 12:45
Finalmente un'ottima notizia a riguardo. Per quanto possa essere condivisibile il voler vendere dei doppioni, le alfa sono un patrimonio artistico e quante più possibili devono essere a disposizione del pubblico. Benissimo ha fatto la sovrintendenza a non cedere e sebbene tardamente, fca ha finalmente intrapreso la strada più ragionevole. Non vedo l'ora di andare a visitare il museo il prossimo anno.
Ritratto di MatteFonta92
30 luglio 2014 - 12:47
3
Se è tutto confermato allora è davvero un'ottima notizia! Non solo quindi il museo tornerà ad aprire (ristrutturato e modernizzato) dopo tutto questo tempo, ma i "doppioni" presenti nella collezione di auto non saranno venduti all'estero, e anche questa è un'ottima notizia! Se non ho capito male sarà pronto probabilmente per l'estate del 2015... quando aprirà andrò sicuramente a farci un salto!
Ritratto di SINISTRO
30 luglio 2014 - 14:30
3
Ma vi prego: Lapo Lappo, NOOOOOOOOOOOO!!!!!
Ritratto di Simon Le Boss
30 luglio 2014 - 14:44
5
La notizia che ogni alfista aspettava. Solo pochi marchi automobilistici al mondo hanno una storia tale da potersi permettere un museo. E Alfa Romeo non era da meno.
Ritratto di supernapolmen
30 luglio 2014 - 15:34
..all'inaugurazione ci saro' :)
Ritratto di impala
30 luglio 2014 - 17:25
grande notizia ... finalmente la rinascita di questo stupendo muséo
Ritratto di NelSeprio
30 luglio 2014 - 23:58
Molto bene! Speriamo non finisca all italiana! Già che aprono in estate quando l expo inizia in primavera...
Ritratto di poyel38
31 luglio 2014 - 12:38
Di solito al museo si mettono le cose finite morte! Significa che Alfa è ufficialmente morta??
Ritratto di Francesco Noto
31 luglio 2014 - 12:55
non predisporre nel museo una bacheca con: un Cappello, una Toga, una Mortadella ed un Maglione.