NEWS

Il Museo dell’Automobile di Torino punta su Lapo Elkann

7 gennaio 2011

Al rampollo di casa Fiat il compito di svecchiare la storica struttura, inaugurata nel 1960.

IN CERCA DI “RESTYLING” - Il Museo dell’Automobile di Torino (foto in alto) necessita di una bella spolverata, e chi meglio dell’estroso Lapo Elkann (foto sotto) può portare l’esposizione piemontese nel 21° secolo? Già, perché il rampollo di casa Fiat, nipote dell’avvocato Gianni Agnelli e fratello dell’attuale presidente della casa automobilistica John, è un esperto di tecniche di marketing e affini. A lui, pertanto, il compito di guidare una struttura che, diciamolo pure, negli ultimi tempi non ha brillato per capacità d’attrazione. Le 170 macchine  di un’ottantina di marche diverse e di tutte le epoche, provenienti da otto paesi, costituiscono un patrimonio storico di altissimo livello, che, però, mostra tutta la polvere dei suoi 50 anni di storia (il museo fu inaugurato il 3 novembre 1960).

lapo_elkann_alfa_romeo.jpg


SI PUNTA SUL MULTIMEDIALE
- Toccherà al futuro presidente Lapo Elkann svecchiare una formula espositiva datata a colpi di realtà virtuale, multimedialità, interattività e via discorrendo. L’obiettivo? Rendere il tutto appetibile per un più vasto pubblico di giovani, cercando di non sfigurare nel confronto con gli analoghi musei sparsi per il mondo. E consentire alla Fiat l’ingresso nella gestione del museo, accanto all’Aci e alla Regione Piemonte, oltre che alla Provincia e al Comune di Torino. Attualmente in fase di ristrutturazione, la sede riaprirà i battenti a primavera, nell’ambito dei festeggiamenti per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, e verrà intitolata a Giovanni Agnelli.



Aggiungi un commento
Ritratto di audi94
7 gennaio 2011 - 17:24
1
ahahahahahah
Ritratto di cavalierebianco
7 gennaio 2011 - 17:37
Come mai questa risata?
Ritratto di audi94
7 gennaio 2011 - 19:07
1
non farmi dire nnt... altrimenti mi becco una denuncia...xdxdxdxd
Ritratto di Zack TS
8 gennaio 2011 - 18:51
1
quoto la risata
Ritratto di herm52
7 gennaio 2011 - 18:07
Ma sicuro idea migliore non si poteva avere..... è il degno rappresentante di quella casta che, come le iene attaccano per spolpare una preda agonizzante, così la triade Agnelli/Banche/Marchionne finiscono a morsi l'agonizzante industria metalmeccanica italiana. Un ringraziamento ai Padroni, ai Sindacati a Confindustria, al Governo che non hanno avuto la lungimiranza di investire nella ricerca e nello sviluppo.
Ritratto di oper
13 gennaio 2011 - 11:42
tra tutti i commenti è l'unico degno di nota. purtroppo i politici italiani pensano a riempirsi la pancia oggi senza pensare al domani e conseguentemente non si investe nella ricerca in nessun settore. anzi no, si investe negli enti di ricerca a cui fanno capo gli stessi appartenenti alla casta. ma tanto loro sono abbastanza ricchi da mantenere le loro prossime 20 generazioni e non hanno alcun senso di appartenenza all'italia
Ritratto di Elfonero
7 gennaio 2011 - 20:01
speriamo non vada tutto in fumo o a p.u.t.t.a.n.e..:))
Ritratto di audi94
7 gennaio 2011 - 20:44
1
ahahahahahahah
Ritratto di Claus90
7 gennaio 2011 - 21:54
fra una tirata e un'altra raggiungerà secondo me ottimi risultati perchè è creativo e alla moda
Ritratto di Elfonero
7 gennaio 2011 - 22:07
si..come gli occhiali in carbonio o il camouflage vero?
Pagine