NEWS

New Stratos: probabile una piccola serie

29 novembre 2010

Dalla Ferrari 430 Scuderia riprende la meccanica, ma è stata completamente riprogettata. È più corta, leggera e ha un cambio ancora più veloce. Da più parti viene data come probabile una produzione in serie limitata.

DIVENTA “REALTÀ” - Torniamo a parlare della New Stratos, la reinterpretazione in chiave moderna della mitica Lancia Stratos, realizzata come esemplare unico su base Ferrari 430 Scuderia dalla Pininfarina per Michael Stoschek, un imprenditore nel settore automobilistico, “gentleman driver” e collezionista di auto storiche (nella foto in alto al volante della sua creatura). La Pininfarina ha diffuso un comunicato dove si annuncia che l'auto ha superato l'omologazione del TÜV, l'ente certificatore tedesco, per poter circolare su strada, e nel quale vengono svelati i dettagli tecnici del progetto New Stratos.

New stratos


RIPROGETTATA
- L'obiettivo della Pininfarina era quello di creare un'auto che assomigliasse all'originale Stratos non solo nelle forme, ma anche nell' “anima”: motore centrale, passo corto, peso contenuto e grande agilità tra le curve. Per questo, il telaio della Ferrari 430 Scuderia è stato accorciato di 20 cm (il passo misura solo 240 cm) e tutte le tarature dell'assetto (l'altezza dell'auto, campanatura, convergenza e incidenza delle ruote, regolazione degli ammortizzatori e delle molle) sono state riviste. Inoltre, sono state impiegate nuove boccole e riprogrammata la centralina elettronica che gestisce le regolazioni delle sospensioni tramite il “manettino” posto sul volante. Parte dello sviluppo dell'assetto è stato affidato al pilota portoghese Tiago Moteiro, ex Formula 1, ora impegnato nel campionato WTCC.

New stratos 07
In primo piano la Stratos del 1975.


PESA MENO DELLA SCUDERIA
- Per incrementare la rigidità dell'auto, il telaio in alluminio è abbinato a una gabbia di sicurezza con tubi in acciaio dal peso di circa 55 kg. Per contenere il peso, la scocca e gli interni sono realizzati in fibra di carbonio e alluminio. La Pininfarina dichiara che la New Stratos, con i suoi 1240 kg, è circa 80 kg più leggera della Ferrari 430 Scuderia dalla quale deriva. I cerchi di 19 pollici "calzano" pneumatici 265/30 davanti e 315/30 dietro. Mentre l'impianto frenante, realizzato dalla Brembo, utilizza dischi carboceramici:gli anteriori hanno un diametro di 398 mm e sono “morsi” da pinze a sei pistoncini, i posteriori misurano 350 mm e hanno una pinza a quattro pistoncini.

New stratos 02
Presente e passato a confronto.

CAMBIO PIÙ VELOCE - Rispetto alla Stratos originale che utilizzava il V6 della Dino, la New Stratos è dotata del 4.3 V8 della Scuderia rivisto nella gestione elettronica e dotato di un inedito impianto di scarico, composto da nuovi collettori e catalizzatore. Il motore in posizione centrale-posteriore invia il moto alle ruote dietro tramite un nuovo differenziale autobloccante meccanico e al cambio robotizzato a sei rapporti F1 ritarato: secondo la casa ora esegue i passaggi di marcia in meno di 60 millisecondi. Le prestazioni della New Stratos non sono state ancora dichiarate, ma è facile ipotizzare uno scatto da 0 a 100 km/h in circa 3,5 secondi e una velocità massima superiore ai 300 km/h.

New stratos 10

SERIE LIMITATA - Lunga solo 418 cm, larga 197 e alta 126, la New Stratos, al momento, è stata realizzata come esemplare unico. Ma, come aveva dichiarato lo stesso Stoschek, potrebbe essere realizzata una piccola serie. Un'ipotesi ribadita anche dalla Pininfarina: “l’eventuale produzione di una tiratura limitata dipenderà dalla domanda” afferma la casa torinese. E il fatto che Luca Cordero di Montezemolo, presidente della Ferrari, abbia provato in persona l'auto, secondo i "ben informati" è quasi una garanzia che la New Stratos non resterà un esemplare unico.



Aggiungi un commento
Ritratto di audi94
29 novembre 2010 - 19:40
1
se può servire a ridare le P:A:L:L:E alla lancia (a cui ormai per essere una signorina mancano solo i tacchi e il rossetto sul paraurti) ben venga la New Stratos...
Ritratto di Nikotrix
29 novembre 2010 - 20:35
non fatela in piccola serie, queste sono le Lancia buone, rifacciano anche la Fulvia, la Delta Integrale, la Beta Montecarlo... altro che musa e y! RIDATECI LE CAMPIONESSE DEI RALLY
Ritratto di pietro 9
30 novembre 2010 - 00:02
Santissime parole...quelle si che erano degne di chiamarsi Lancia...
Ritratto di tomkranick
29 novembre 2010 - 20:46
Non credo che la New Stratos possa ridare le p.a.l.l.e. alla Lancia, per il semplice motivo che questa è un auto di nicchia, per pochi.Bisognerebbe adottare una linea più muscolosa.Ovviamente con muscolosa non intendo appiccicare lo scudetto Lancia sulle americane muscolose.Per intenderci, una linea che distingua le vetture, come, nel 1985, veniva distinta una Thema da una Croma (gemelle meccanicamente), senza far apparire la prima troppo femminile rispetto alla seconda.Per quanto riguarda la New Stratos, derivando dalla 430 Scuderia, è stupenda.
Ritratto di okorop
29 novembre 2010 - 20:59
son dei geni, le macchine che dovrebbero commercializzare non in serie limitata (alfa 8c competizione) e questa stratos le fanno solo limited... non capisco il perchè di sta scelta, i misteri degli Agnelli
Ritratto di 19miki90
29 novembre 2010 - 21:01
2
Pininfarina ha fatto veramente un ottimo lavoro... esteticamente é stupenda e le prestazioni sono ottime...prendessero esempio le lancia di serie!! Invece, dove prima stava una casa campione del mondo di rally, ora sta un salottino chic...
Ritratto di Limousine
29 novembre 2010 - 21:25
L'idea è molto buona e potrebbe giovare moltissimo all'appannatissima immagine Lancia. Quanto al fatto che è prevista solo in serie limitata, ricordo ai più che pure l'originale Stratos anni '70 del secolo scorso, fu prodotta in piccola serie, giusto il numero di vetture utile per garantire alla Mitica Lancia l'omologazione per le competizioni cui era destinata.
Ritratto di apm
29 novembre 2010 - 21:26
Ma mi sa che in pochi hanno capito che la Lancia è da 40 anni la Fiat di lusso, non ci sono solo i rally (che per carità, mica li schifo). Quante Lancia sono NATE effettivamente muscolose e sportive? Una sola, la Stratos, tutte le altre erano versioni sportive di un modello fiat in veste lussuosa: Y10 (che alla fine è Lancia) = Panda di lusso, Thema = Croma di lusso, Delta (la normale, mica esiste solo la HF) = Ritmo di lusso per cui è giusto che ancora oggi la Lancia continui a vedere verso il lusso, verso lo chic, certo magari anche con UNA versione sportiva per modello, inutile lamentarsi adesso del salottino femminile e degli interni in pelle frau quando 20 anni fa li montava anche l'Y10 Avenue
Ritratto di tomkranick
29 novembre 2010 - 21:27
Y10 Ego
Ritratto di apm
29 novembre 2010 - 21:32
Si giusto, nella Avenue erano in alcantara, ma il concetto non cambia.
Pagine