NEWS

Nasce Fabbrica Italia Pomigliano

27 luglio 2010

La Fiat avrebbe costituito una nuova società per la gestione dello stabilimento di Pomigliano con il compito di riassumere i suoi 5.000 lavoratori. Inoltre starebbe pensando di disdire il contratto di lavoro nazionale che regola il rapporto con i dipendenti del gruppo.

UN NUOVO CAPITOLO - Secondo quanto emerge da un comunicato dell'agenzia Ansa, si chiama Fabbrica Italia Pomigliano la nuova società della Fiat  presieduta da Sergio Marchionne, che dovrebbe dare il via ad una nuova gestione dello stabilimento di Pomigliano (nella foto). Il piano sarebbe quello di riassumere, con un nuovo contratto, i 5.000 lavoratori impegnati nella fabbrica campana.

SEMPRE PER FARE AUTO - Come riporta l'Ansa, questa “newco”, ha nell'oggetto sociale l'“l'attività di produzione, assemblaggio e vendita di autoveicoli e loro parti. A tal fine può costruire, acquistare, vendere, prendere e dare in affitto o in locazione finanziaria, trasformare e gestire stabilimenti, immobili e aziende”. La società può compiere inoltre “le operazioni commerciali, industriali, immobiliari e finanziarie, queste ultime non nei confronti del pubblico, necessarie o utili per il conseguimento dell'oggetto sociale, ivi comprese l'assunzione e la dismissione di partecipazioni ed interessenze in enti o società, anche intervenendo alla loro costituzione”.

NUOVI SVILUPPI - Secondo alcune indiscrezioni, riportate anche da Il Sole 24 Ore, con la creazione di Fabbrica Italia Pomigliano, la Fiat si preparerebbe anche ad uscire da Federmeccanica e a disdire il contratto nazionale dei metalmeccanici che regola il rapporto con i dipendenti del gruppo. L'annuncio potrebbe arrivare giovedì all'Unione Industriale di Torino, dove la Fiat ha convocato i sindacati. L'eventuale disdetta interesserebbe 25.000 dipendenti: i lavoratori degli stabilimenti di Mirafiori, Cassino, Pomigliano e Termini Imerese e degli impiegati degli enti centrali e diventerebbe operativa il 31 dicembre 2012, quando scadrà l'attuale contratto di lavoro e quindi la Fiat uscirebbe dalla Federmeccanica il primo gennaio 2013.

Aggiungi un commento
Ritratto di spoch
27 luglio 2010 - 20:28
cosa sono questi giochini da amministrazione "creativa"?? la dirigenza pensa di prendere in giro i dipendenti, che rinunceranno al cotratto dei metalmeccanici senza fiatare? è chiaro che si vuole arrivare allo scontro per poi avere un altro motivo per spostare tutto all'estero, vedi serbia, dove un operaio prende 300 euro al mese... va bene, basta però che la fiat restituisca tutti i soldi pubblici ricevuti in tanti anni...
Ritratto di spoch
27 luglio 2010 - 21:30
perchè credete che gli attuali dipendenti rinunceranno ai diritti acquisiti e specificati nel contratto nazionale dei metalmeccanici? il fatto è che, causa disoccupazione, se un operaio non accetta, per la dirigenza non c'è problema, fuori c'è la fila per prendere il suo posto...e chi sta in fila ovviamente non protesta per il contratto, anzi, è già contenta di avere un lavoro... questa cosa sta succedendo in tantissimi settori ed è molto grave, si rischia di arrivare come in cina che se tanto ne muore qualcuno sul lavoro, tanto ce ne sono molti altri subito disponibili...
Ritratto di spoch
27 luglio 2010 - 21:30
perchè credete che gli attuali dipendenti rinunceranno ai diritti acquisiti e specificati nel contratto nazionale dei metalmeccanici? il fatto è che, causa disoccupazione, se un operaio non accetta, per la dirigenza non c'è problema, fuori c'è la fila per prendere il suo posto...e chi sta in fila ovviamente non protesta per il contratto, anzi, è già contenta di avere un lavoro... questa cosa sta succedendo in tantissimi settori ed è molto grave, si rischia di arrivare come in cina che se tanto ne muore qualcuno sul lavoro, tanto ce ne sono molti altri subito disponibili...
Ritratto di madeinchina
27 luglio 2010 - 22:59
siamo ormai all'assurdo!!!!!! pomigliano contrasto all'assenteismo: in caso di assenze collettive non riconducibili a forme epidemiologiche ma correlate con particolari eventi esterni (tipo gioca la nazionale) (o permessi elettorali ),o mancanza di forniture l'azienda si riserva di pagare i 3 giorni di malattia. Allora io dicho : se un dipendente e' d'accordo sul fatto che l'azienda non paghi la malattia durante questi erventi particolari tipo partita di calcio o permessi elettorali ma protesta perche' il camion dei paraurti si e' fermato e non arriva materiale e l'azienda gli dice senti anche se ti sei svegliato alle 4 del mattino e hai fatto 60 km e hai speso i soldi x il gasolio te ne vai a casa alle 8 e non ti pago. Dico io questo dipendente e' un fannullone un o sfaticato o e' uno che vuole farsi rispettare i propri diritti?
Ritratto di mix1977
28 luglio 2010 - 09:05
basta dire che la fiat è la fabbrica italianta automobili torino solo quando ne hanno bisogno... poi diventa una spa appena presi i soldi.... è ora di dire basta a marchionne di fare sempre il doppiogiochista.... prima propone un contratto capestro e poi ritratta nuovamente.... tra poco reintrodurrà la schiavitù....
Ritratto di giogione
28 luglio 2010 - 09:40
Ma Marchionne fino all'anno scorso non era il manager che tutti acclamavano per i risultati fiat grazie agli ecoincentivi governativi, non certo alle sue strategie, e non appena finiti chiude Termini Imerese, stravolge i contratti per i dipendenti di Pomigliano, si propone per produrre con i due gruppi fiat-chrysler 6 milioni di auto l'anno ma che perde il 25% ogni mese di quota di Italia. Che grande manager che ha la Fiat
Ritratto di bananajoe24
28 luglio 2010 - 10:00
con la manodopera a basso costo nei paesi dell est le fabbriche europee hanno i giorni contati.dispiace per i lavoratori
Ritratto di haps
28 luglio 2010 - 11:55
alla schiavitu' e' questo che si vuole, e inutile che si gira la frittata il buon marchionne e come tutti gli altri sa fare le cose buone con i soldi dello stato poi i primi acciacchi tutti a casa, nn era lui che diceva che la fiat poteva andare avanti anche senza incentivi sei un PAGLIACCIO. voglio vedere che fine si fara' con tutto quello che sta succedendo nel mondo del lavoro,faremo la fine della ROMANIA,ETC ETC,POVERI NOI....
Ritratto di Pito28
28 luglio 2010 - 12:14
che qualcuno si sta rendendo conto di quali porcate sta facendo st'infame col golfino. Uscire dalle associazioni di categoria per non applicare il contratto nazionale è una cosa abominevole (anche è esattamente quello che propone il governo ogni 4 mesi niente contratto nazionale, solo contrattazione azienda dipendente). Sul fatto che non ci sia nessunissimo rispetto per chi lavora e si voglia reintrodurre la schiavitù è un dato di fatto. credo sia anche da sottolineare l'assoluta imbecillità di questa politica economica di Fiat ( e di tantissime altre aziende): vogliono raddopiare la produzione e poi ci tolgono i soldi per comprare le auto. Ma a chi ca**o pensano di venderle???
Ritratto di carlo1967
28 luglio 2010 - 12:29
Mai comprero' prodotti da questo fantomatico manager. Saluti. Carlo Ferrazzoli
Pagine