NEWS

Finale di Champions, anche la Nissan scende in campo

28 maggio 2016

Abbiamo scambiato qualche battuta con Bruno Mattucci (ad della Nissan Italia) e con Clarence Seedorf sul ruolo del marchio giapponese nel grande evento sportivo.

Finale di Champions, anche la Nissan scende in campo

UNA CITTÀ “ELETTRIZZATA” - A poche ore dall’inizio della finale di Champions fra Atlético Madrid e Real Madrid (ore 20.45 a San Siro), Milano è una città “elettrizzata”. A essere… in tensione sono i tifosi della capitale spagnola, riversatisi in massa all’ombra della Madonnina. Ma il merito è anche della Nissan (main sponsor della massima competizione calcistica per club dal 2015 e fino al 2018) che per l’occasione ha donato a Milano 12 colonnine di ricarica rapida a beneficio di chi ha un’auto a batteria (vedi qui). Ne abbiamo parlato con Bruno Mattucci (amministratore delegato della Nissan Italia, foto qui sotto).

La Nissan come celebra l’evento?
“Dedichiamo a cittadini e turisti una serie di eventi che animeranno alcune delle piazze più importanti della città, oltre alla stazione Garibaldi FS Nissan della metropolitana M5 Lilla di Porta Garibaldi. È anche un modo per promuovere una mobilità più sostenibile. Sono arrivati e arriveranno in città migliaia di appassionati di calcio dall’Italia e dall’estero, ai quali la Nissan consentirà di entrare in strettissimo contatto con la propria gamma ‘green’. Lo staff Uefa e gli sponsor potranno usufruire di 100 veicoli a ridotte emissioni per trasferire ospiti e collaboratori, mentre il trofeo viaggerà a bordo del veicolo commerciale elettrico eNV200. La Coppa verrà poi spostata allo stadio su una versione speciale della berlina compatta Leaf”.

Perché questo connubio Champions-Nissan?
“Perché la Champions emoziona, proprio come vogliamo fare con Nissan. C’è una condivisione di valori come l’emozione, l’innovazione e la sostenibilità. E poi perché ha un riscontro mediatico enorme nel mondo, che ci garantisce visibilità. La conoscenza del marchio Nissan è già molto alta. La sponsorizzazione della Champions fa sì che tra gli appassionati di sport, e in particolare di questa manifestazione, aumenti l’associazione fra Nissan e mondo del calcio”.

Le colonnine di ricarica a Milano: solo un punto di partenza?
“Sì. La Nissan, l’azienda fornitrice di servizi A2A e il Comune hanno inaugurato il più grande piano urbano in Italia per la ricarica rapida dei veicoli. Un progetto che dota il capoluogo meneghino di 12 colonnine veloci, raddoppiandone il numero totale presente sul territorio nazionale. Questo consente di ricaricare l’80% della batteria dei veicoli elettrici in massimo 30 minuti. Ora puntiamo anche agli aeroporti di Linate e Malpensa. Un’infrastruttura pubblica all’avanguardia, da espandere in futuro sia a Milano sia nel resto d’Italia. È inoltre fondamentale affrontare il tema dei punti di ricarica sulle strade a grande e grandissima percorrenza, a partire dalla rete autostradale italiana. Pensiamo anche a un ‘corridoio verde’, che parta dall’Austria, attraversi tutto lo Stivale per poi arrivare in Sicilia: un percorso per far sì che l’auto elettrica venga vista come un mezzo adatto anche ai lunghi spostamenti, e non solo a quelli medi e brevi. Ovviamente, per far decollare le elettriche, serve il sostegno della politica centrale e locale, tra incentivi e sviluppo delle infrastrutture”.

LA PAROLA… ALL’ESPERTO - Anche Clarence Seedorf (foto qui sopra), ambasciatore della Nissan per la finale di Champions, è pienamente autorizzato a parlare di questa partita, avendone vinte la bellezza di quattro quand’era calciatore.

Come collegare un finale di Champions con la Nissan?
“Rispondo con un paragone. L’allenatore di una squadra di calcio è la tecnologia di un’auto. Se il mister è moderno e funzionale, anche i suoi uomini in campo potranno dare il meglio. Proprio come avviene per una vettura ad alto contenuto tecnologico, che rende la mobilità pulita e proiettata nel futuro”.

Si può quindi fare un parallelo fra la Nissan e il Seedorf calciatore?
“Sì. Le persone amano le emozioni, l’avventura, l’adrenalina e la velocità. Il calcio è tutto questo. Nissan si è unita alla Champions, proprio come io ho fatto nella mia carriera calcistica, rappresentando i valori di innovazione, tecnologia e qualità. E di sicuro la finale di stasera sarà molto emozionante”.

Aggiungi un commento