NEWS

Milano, accordo a tre per le “colonnine veloci”

17 maggio 2016

Il capoluogo lombardo è il primo a dotarsi di “colonnine veloci” pubbliche per le elettriche.

Milano, accordo a tre per le “colonnine veloci”

DAL 28 MAGGIO 2016 - Una partnership a tre per l’auto elettrica. Nissan, A2A e Comune di Milano hanno presentato il loro progetto di mobilità pulita: il capoluogo lombardo diventa la prima città italiana a dotarsi di colonnine pubbliche a ricarica veloce per le auto a corrente, che consentono di ripristinare l’80% dell’energia della batteria in 30 minuti. Ne verranno attivate 12 (tante quante quelle operative oggi in tutta Italia) dal 28 maggio 2016: data non casuale, dal momento che proprio quel giorno, in occasione della finale della Uefa Champions League di calcio che si disputerà a Milano, la Nissan metterà 100 veicoli elettrici a disposizione della stessa Unione europea delle federazioni calcistiche. Le 12 colonnine di ricarica veloce si sommeranno alle 34, a ricarica normale, già esistenti sul territorio meneghino. Il “pieno” elettrico sarà gratuito, ma richiederà l’attivazione di una tessera del costo di 5 euro mensili: per accedere alla infrastruttura di ricarica A2A, infatti, occorre abbonarsi al servizio E-moving attraverso il sito www.e-moving.it, avendo così diritto a ricariche illimitate. Le 12 colonnine a ricarica veloce sono dislocate in via Santa Valeria 5, in via Durando 10, in via Melchiorre Gioia 39, in via Manin 37, in piazza Leonardo da Vinci, in piazzale Egeo, in via Taramelli 2, in corso Indipendenza 23, in via Sassetti, in piazza VI febbraio 24, in via Freguglia 2 e in corso Lodi 39.

INCENTIVI IN VISTA? - A margine della presentazione dell’iniziativa sulla mobilità elettrica, l'amministratore delegato di A2A, Valerio Camerano, ha detto che "a Palazzo Chigi è stato organizzato un gruppo di lavoro molto ampio, in cui sono state analizzate diverse proposte finalizzate a razionalizzare, in un intervento organico, gli incentivi sulla mobilità elettrica, forse attraverso un decreto legge entro fine maggio". Sul tema, gli ha fatto eco l’ad della Nissan Italia Bruno Mattucci: "Da tempo chiediamo un intervento in questa direzione, con detrazioni di carattere fiscale. Ho letto anche che si va anche in direzione di detrazioni Iva: vedremo".

Aggiungi un commento
Ritratto di caronte
18 settembre 2016 - 13:57
Un passo importante per uniformarsi al resto del nondo e vitale per la città per ridurre l'inquinamento anche se il fatto che siano poche le auto elettriche non so fino a che punto siano utili.