NEWS

Occhio alle patenti “con il coupon”

31 luglio 2013

L'Unione Nazionale delle Autoscuole punta il dito sulle offerte via Internet, che promettono corsi per conseguire la patente di guida a 100 euro o poco più.

Occhio alle patenti “con il coupon”
SU INTERNET - Attenzione alle patenti low cost”: il grido d'allarme proviene dall'Unasca, cioè dall'Unione Nazionale Autoscuole. Nel mirino dell'associazione finiscono i corsi offerti via Internet a costi nettamente inferiori ai prezzi di mercato, tipicamente venduti con il sistema dei coupon: l'utente acquista il diritto a una prestazione, che deve riscuotere sul posto concordato, potendo comunque farsi rimborsare l'acquisto in maniera tutto sommato semplice.
 
COSTI NASCOSTI - L'Unasca punta il dito sui costi nascosti: “Abbiamo trovato - si legge in una nota - corsi offerti a 100 euro, tutto compreso”. Teoria, pratica, foglio rosa, esami e anche qualche lezione di guida. Tutto allettante, ma con qualche nota a margine: l'associazione ha acquistato un coupon e seguito la trafila, per giungere a una conclusione sconcertante. “Una volta in autoscuola abbiamo appreso che la data dell’esame era già stata fissate e per spostarla avremmo dovuto pagare 50 euro di differenza. Altri 150 euro erano invece previsti, in caso di bocciatura, per richiedere un nuovo esame di teoria, mentre ripetere la pratica avrebbe richiesto ulteriori 200 euro”, ha dichiarato Emilio Patella, segretario dell'Unasca.
 
COSTI IN AUMENTO - La posizione dell'Unasca è certamente di parte, ma va considerato che la sua analisi - negativa verso le offerte via Internet - si rivela critica verso autoscuole che, verosimilmente, sono a loro volta associate. Di fronte a un costo che, per la patente B, può arrivare anche a un migliaio di euro tutto compreso, la spiegazione dell'Unasca è questa: “Un istruttore professionale costa più di 20 euro allora, mentre il prezzo della benzina continua a lievitare”. 
 
ONLINE DA SCARTARE? - Visti i tempi di magra, il ricorso a Internet e al sistema dei coupon è una tentazione forte, forse da non scartare a priori. Meglio partire da un presupposto: quello pubblicato è, nella maggior parte dei casi, un prezzo che può salire a seconda di molte variabili, non necessariamente segnalate. Se si pensa che il gioco possa valere la candela, è utile contattare l'autore dell'offerta e farsi spiegare, in dettaglio, le varie opzioni di spesa: nella maggior parte dei casi, è qualcosa che non è possibile fare per telefono. Da ultimo, bisogna ricordare che le offerte prevedono la possibilità di recesso (ovviamente prima di usufruire dell'offerta): se ci si pente, bastano pochi clic e un paio di giorni lavorativi per farsi rifondere la spesa.
Aggiungi un commento
Ritratto di osmica
1 agosto 2013 - 13:05
Dovrebbero vietarlo! Tutti dovrebbero spendere 1000€ all'autoscuola! E cmq a vedere come guida la gente si potrebbe aprire un dibattitto interessante,
Ritratto di 911 Carrera
1 agosto 2013 - 13:40
I costi nascosti, restiamo a meno della metà, comunque conveniente.
Ritratto di Yellowt
1 agosto 2013 - 15:03
Le autoscuole sono un bel covo di l... Io ho dato l'esame da privatista 10 anni fa ed era appena passata la norma che obbligava anche i privatisti ad avere i doppi comandi obbligandoli di fatto ad andare alla scuola guida. Anche con tutti i costi eventuali, si resta abbondantemente sotto alla cifra che vogliono le autoscuole. Poi facessero bene il loro lavoro invece neanche quello. truffe e mazzette per far passare i propri clienti sono all'ordine del giorno in tantissime parti d'Italia col risultato che la patente potrebbe averla anche il mio cane...