NEWS

Opel GT X Experimental: il nuovo stile parte da qui

1 agosto 2018

La Opel ha in programma di cambiare look ai suoi nuovi modelli e ha scelto il prototipo GT X Experimental come fonte d'ispirazione.

Opel GT X Experimental: il nuovo stile parte da qui

GRINTOSA, MA SENZA ECCESSI - Basta un piccolo “scorcio” della mascherina per far capire quanto saranno importanti le novità allo stile in programma sulla Opel GT X Experimental, il prototipo atteso entro fine anno che sarà la fonte di ispirazione per tutte le auto della casa tedesca in vendita da metà 2020. Sarà il capo dello stile Mark Adams a guidare il passaggio delle linee attuali a quelle in arrivo fra due anni, che stando a quanto dichiarato si svilupperanno nel solco di tre linee guida: il carattere tedesco, l’accessibilità e l’emozione. Ciò significa che la GT X Experimental e tutte le nuove Opel avranno linee decise ma senza “cadere” in esagerazioni, visto che le auto della casa tedesca si rivolgeranno pur sempre alle famiglie, a cui potrebbero non piacere modelli troppo grintosi o estremi.

ADDIO AL FREGIO CROMATO - Dalla fotografia diffusa oggi (qui sopra), nella quale il Ceo della Opel Michael Lohscheller mostra uno scorcio della vettura, si nota che la Opel GT X Exprerimental avrà una mascherina profondamente aggiornata, priva del fregio cromato diventato una caratteristica delle Opel più moderne. Al suo posto ci sarà un inserto nero dal look essenziale, che ricorda vagamente quello visto sulle Opel degli Anni 80, dove al pari della GT X Experimental copriva per intero la larghezza dello scudo anteriore. Al suo interno sono presenti i fari anteriori, non più tondeggianti come in passato ma sottili e con il motivo a L ben marcato. Il fascione invece sarà molto semplice e pulito. La casa tedesca non ha rivelato per il momento che tipo di auto sarà la Opel GT X Experimental, ma è probabile che questa sarà una suv o una crossover, visto che la lettera X è usata dalla casa tedesca per questo genere di modelli. A giudicare dalla mascherina e dal fascione è probabile inoltre che il motore sarà elettrico, perché dall'immagine non si vedono le prese d'aria indispensabili per raffreddare un motore termico.

Aggiungi un commento
1 agosto 2018 - 20:37
Le Opel più belle sono quelle fatte tra gli anni '70 e' 80, soprattutto dai '00 hanno raggiunto il massimo della standardizzazione, diventando meno personali e meno autentiche per adattarsi a numerosi marchi e piacere in tutto il globo, infatti in USA le rispettive Saturn e Buick venivano talvolta esteticamente modificate. Curioso ispirarsi agli anni '80, tutti si ispirano ai '50 e '60, molto audace da parte loro e galvanizzante a chi piacciono le vettura di quegli anni.
Ritratto di Giuliopedrali
1 agosto 2018 - 21:48
In realtà erano piuttosto caratteristiche negli anni 60 e poi iniziarono pian piano una perdita di immagine. Davvero affascinanti le Rekord tardi anni 60 e derivate. Con un design caratteristico Opel può davvero rinascere, e l'articolo aggiunge che le Opel non devono essere mai eccessive perché hanno un pubblico tradizionale nelle famiglie.
Ritratto di Magnificus
2 agosto 2018 - 11:20
Heila' Giulio perche' non proponi a opel di ispirarsi all Fantastica 33imola?...;-)))
Ritratto di Giuliopedrali
2 agosto 2018 - 12:14
Be guarda la Jaguar I-pace... Sembra una Alfa 33 prima serie gigante, e tra l'altro verrà copiata a destra e a manca.
Ritratto di GeorgeN
4 agosto 2018 - 08:05
che hai detto Giulio????? I-pace sembra un alfa 33 gigante???? ma dove????
Ritratto di Giuliopedrali
5 agosto 2018 - 15:36
La forma della fiancata segue lo stesso disegno, poi essendo passati quasi 40 anni sono comunque diverse. Però ha lo stesso identico concetto.
Ritratto di MAXTONE
2 agosto 2018 - 00:30
La Opel ha vissuto un periodo aureo proprio negli anni 80: Omega, Senator, Monza, Manta e Vectra. Tutte auto dalla personalità forte e peculiare del marchio, ancora nei 90 ha saputo stupire con la Calibra (cx di 0,26 nata nel 1989, semplicemente impressionante), la Omega Lotus da 380 cv, l'Astra GSi da oltre 220 km/h (la prima segmento C, oltre alla Golf III a curare la sicurezza passiva in modo maniacale, la Tigra, nel 94 unica nel suo genere in Europa...sicuramente anche gli anni 70 sono stati particolarmente proficui con la prima Manta, la A, le Ascona e Rekord e l'ammiraglia di gran lusso Diplomat (senza dimenticare la GT1900 ovvero la Sting Ray europea). Da sotto il telo non si capisce bene che genere di auto sia, certo non un suv perché troppo bassa, forse un crossover...mah, certo ho gioito di più nel 2013 quando presentò lo straordinario concept Monza e sarebbe giusto fare il remake di Manta per il cinquantenario del modello nel 2020: Potrebbero, avendo una joint-venture con Toyota, entrare nel merito dello sviluppo congiunto delle nuove GT86/BRZ in modo tale da avere una Manta TP come le progenitrici e a Toyota e Subaru diminuirebbero ulteriormente i costi di sviluppo.
Ritratto di MAXTONE
2 agosto 2018 - 00:37
In verità un guizzo di creatività nei primi anni 2000 lo ebbe con la Speedster fatta in collaborazione con Lotus tra il 2001 e il 2005: Un oggetto estremamente particolare seppure fortemente imparentato con la seconda Elise dalla quale si differenziava tuttavia per la meccanica, di origine Toyota sulla Lotus e completamente Opel sulla Speedster.
Ritratto di Challenger RT
2 agosto 2018 - 02:06
Mamma Chevrolet ancora insegna! Nessuno nota una certa somiglianza con lo stile della mascherina anteriore della Camaro del 2010?
2 agosto 2018 - 10:09
Vero. Dopotutto se Opel si ispirerà ai modelli del passato dovrà per forza avere uno stile americano.
Pagine