I tanti volti della Opel Monza Concept

21 agosto 2013

Dalla linea, ai possibili motori, sino alla innovativa dotazione di bordo: la proposta Opel è un grande contenitore di spunti per il futuro.

I tanti volti della Opel Monza Concept
TUTTO SU UNA CONCEPT - La Opel ha svelato per intero - fotograficamente parlando - la concept car Monza che presenterà all’imminente salone di Francoforte. Data la linea certamente “forte” si potrebbe pensare che si tratti di una proposta mirante a saggiare nuovi concetti stilistici, ma in realtà la Opel Monza Concept è qualcosa di più. 
 
IBRIDA MA NON SOLO - Con essa infatti la Opel intende sì presentare nuove tendenze stilistiche, ma anche dimostrare l’adattabilità del modulo a diversi motori, il che dovrebbe dire che in futuro potrebbe anche esserci delle Opel Monza di diverso tipo, a motore termico ma anche elettrico e ibrido. Del resto l’esemplare che sarà esposto a Francoforte va già abbondantemente in tale direzione: il motore è elettrico, ma abbinato a una piccola unità a tre cilindri a metano con scopo di aumentare l’autonomia. Oltre a ciò la casa tedesca nell’introdurre la Opel Monza Concept  sottolinea i suoi contenuti in tema di sistemi informatici di bordo e connettività. 
 
 
NON SOLO AUTO - In pratica questa nuova Opel Monza (la precedente era una coupé 6 cilindri prodotta dal 1977 al 1986, che peraltro la concept car di oggi nello stile non evoca neanche lontanamente) si potrebbe definire una console informatica su quattro ruote motorizzate. Nell’abitacolo è previsto infatti di tutto: dalla connessione internet a un sistema di proiezione finora mai visto in auto. 
 
UNO SGUARDO SUL FUTURO OPEL - Secondo quanto dichiarato dai dirigenti della Opel, queste tante sfaccettature della Opel Monza Concept non sono una pura esercitazione per l’appuntamento del salone, ma mostrano che cosa saranno “le Opel di domani,” ha dichiarato il Karl-Thomas Neumann, a capo della casa tedesca. “Da un lato incarna tutti gli aspetti caratteristici di Opel: la precisione tedesca associata a tecnologie innovative accompagnate da un design affascinante. Affronta inoltre i temi che saranno oggetto di sviluppo nella prossima generazione di modelli Opel: massima connettività ed efficienza ottimale.” 
 
 
IL CINEMA NELL’AUTO - Tra le novità tecnologiche impiegate sulla concept car c’è un inedito schermo a led per la strumentazione che per certi versi si potrebbe considerare l’ispiratore del nome della vettura. La Opel Monza di trenta e più anni fa fu infatti la prima auto ad adottare un display digitale. Oggi, la novità tecnologica si preannuncia come rivoluzionaria per la resa dei sistemi di informazione e intrattenimento e per tutto ciò che a bordo ha a che fare con le immagini. Sulla Monza Concept e sulle Opel del futuro. Grandi novità anche per quel che riguarda comandi e informazioni tecniche per chi guida. Il principio di fondo è quello di offrire a chi è al volante della Monza ogni informazione possibile, ma non sempre e non contemporaneamente: solo quando servono e solo a richiesta. È la logica che viene chiamata Human-Machine-Interface cioè interfaccia uomo macchina.
 
CONNESSIONE TOTALE - Per quanto riguarda la connettività il sistema della Opel Monza Concept permette di poter scegliere tra tre modalità di funzionamento. È infatti possibile “isolare” la vettura, per dedicarsi completamente alla guida, disconnettendo lo smartphone di chi è al volante, oppure di limitare la connettività a un ristretto gruppo di persone, scelte dai passeggeri, e infine c’è la terza soluzione, con la quale la vettura è completamente “aperta” alla connessione via smartphone. Significativi i nomi delle tre modalità: Me, Us, All. 
 
 
GRANDI ALI - Tutto ciò su una coupé abbondante (è lunga 469 cm e alta 131 cm) che offre anche un vano bagagli di 500 litri. Le due porte (una per lato) si aprono verso l’alto - la casa dice ad “ali di condor”, evidentemente consapevole che le dimensioni non consentono di parlare di ali di gabbiano - e mostrano un’apertura ampissima che indurrebbe a pensare alla presenza di un montante centrale, che invece non c’è. Tanto di cappello alla Opel e ai suoi ingegneri se una soluzione del genere verrà adottata per un modello di serie. Grintosa, forte e con tutti i numeri per essere ritenuta bella dai più, è la veduta anteriore, con ottimo equilibrio tra le linee, i gruppi ottici e le abbondanti prese d’aria. Analogamente il profilo laterale è un bel mix di linee fluenti ed eleganza, così da conferire alla Monza Concept una sportività non “muscolare” ma leggera, che ispira maneggevolezza. Per contro la parte posteriore ha un profilo da definire, almeno, inusuale.
VIDEO
Aggiungi un commento
Ritratto di Andrea Ford
21 agosto 2013 - 10:31
La Monza degli anni 70-80 era una splendida coupé dalla linea affilata,elegante e sportiva al tempo stesso. Di gran classe. Questa è uno scarafaggione informe che ricorda cose gia'viste tipo l'orrenda Bugatti Galibier. Dopo il primo teaser che mostrava le linee del frontale, tutto sommato la parte piu'gradevole dell'auto, mi aspettavo almeno un minimo richiamo all'antesignana invece trovo questo blob informe. Speriamo non deluda anche l'altro grande ritorno tra le sportivone anni 70-80-90: la Toyota Supra.
Ritratto di elioss
21 agosto 2013 - 12:26
4
e tutt'altro che anonima, non mi viene in mente nessuna auto a cui assomiglia, e l'infotainment di bordo è all'avanguardia se non futuristico con la possibilità di coniugare informazioni all'intrattenimento, e solo per chi vuoi tu, non so come funzioni ma mi affascinerebbe scoprirlo, la linea è moderna e filante, ma non pacchiana o modaiola, brava opel!
Ritratto di cris25
21 agosto 2013 - 11:28
1
ma scusa come fai a definirla anonima??? A me da queste poche immagini, risulta tutto fuorchè anonima...mah! Cmq spero davvero che in futuro la Opel possa essere all'avanguardia della tecnologia come lo sono già oggi le marche "premium" tedesche...sarebbe davvero una bella rivincita!
Ritratto di fabri99
21 agosto 2013 - 11:37
4
Innanzitutto, vorrei dire che mi fa piacere che non abbia niente a che fare con il passato. Abbiamo pieno il listino di auto che riprendono lo stile, il nome eccetera dalle antenate più famose, tipo 500, Mini, DS, SLS o anche di auto che portano avanti la leggenda e rimangono bloccate in essa, come la 911, bloccata con il motore in posizione posteriore, la Defender e la Wrangler, bloccate con il design di mille anni fa, mai cambiato... Basta, non se ne può più... Ed ecco che arriva Opel. Opel è sempre stata innovativa, non ha mai ripreso niente e il coraggio non le manca: si è buttata in un mercato di automobiline chic che riprendevano dalle antenate parecchie cose, con una Adam nuova, fresca e particolare, che non aveva niente a che fare con il passato Opel. Ed ora arrivano con questa interessante Monza Concept: non ha niente a che fare con la vecchia stupenda Monza. Nemmeno la bellezza, purtroppo, dato che con quel posteriore mi ricorda la terribile Opel Signum. Comunque, sembra interessante e innovativa, anche le porte mi piacciono, anche se dubito che il modello di serie le monterà ad ala di...condor... Mi piacerebbe che quest'auto avesse un futuro, come una innovativa coupè di segmento D, senza richiami al posteriore di Opel Signum(anche se ora le Shooting Brake piacciono) e con un design altrettanto particolare, ma meno da concept. In ogni caso, anche se non verrà prodotta, è un bel anticipo su ciò che ci aspetteremo da Opel in futuro, complimenti. Saluti!
Ritratto di cris25
21 agosto 2013 - 11:42
1
concordo con te su tutto ciò che hai detto! La Opel è una delle uniche case al tempo d'oggi ad essere innovativa e che è stata capace di risollevarsi dopo anni davvero nell'ombra e invece di apprezzare questo si sta sempre lì a criticarla per ogni minima idea che propone!
Ritratto di fabri99
21 agosto 2013 - 11:46
4
Non mi sembra Opel non piaccia.. Hanno problemi economici, ma mi pare vendano parecchio. Comunque sono punti di vista, sarà perchè sono giovane, io non sono così attaccato alle auto del passato, perciò mi fa piacere che si proponga qualcosa di innovativo.. Magari non so che mi perdo, ma è soggettivo. Ciao!
Ritratto di cris25
21 agosto 2013 - 20:00
1
anche io sono giovane e ovviamente preferisco le auto moderne, tecnologiche e con un occhio al futuro... quindi appunto ti dico che spero sia realistico questo progetto. Ciao !
Ritratto di Andrea Ford
23 agosto 2013 - 15:45
Appena 5 piu' di te, almeno basandomi sul nick, non è questione di esser giovani o vecchi ma di obiettività, sinceramente rimanendo in questo segmento delle grosse coupe' tedesche, avete mai pensato quanto una BMW Serie 6 attuale sia assai meno bella e fascinosa della prima Serie 6, la splendida E24 degli anni 70-80? O quanto siano diventate grossolane le Mercedes Coupe' odierne della Classe S rispetto alle bellissime SEC anni 80? Quando guardavi un auto del genere ti sentivi quasi realizzato come se l'avessi posseduta tu tale era la gioia per gli occhi, dopo Sacco in poi c'è stato il vuoto assoluto, linee che sembrano fatte quasi esclusivamente per compiacere il mercato cinese pieno di nuovi ricchi, sono certo che anche i centri stile di queste case saprebbero bene come disegnare linee molto piu'belle e longeve di queste, si anche longeve perche'mentre le linee anni 80 sono rimaste moderne,quasi all'avanguardia, quelle dagli anni 90 in poi hanno iniziato ad invecchiare alla velocità della luce, per quello che mi riguarda la mia prossima auto sarà una bella coupe'd'epoca anni 70-80, proprio ieri leggevo che le auto d'epoca sono diventate uno dei migliori investimenti in assoluto dopo il crollo del mattone.
Ritratto di Daniele45
22 agosto 2013 - 09:10
Il muso mi fa pensare un po' alla nuova Mazda 6 o alla Tesla Model S, magari sblaglio... Non male comunque, ma preferisco la versione degli anni '80!
Ritratto di bik73
22 agosto 2013 - 10:39
ci sta che ogniuno ha i propri gusti ...però non si può dire che la vecchia monza era splendida o elegante e questa è anonima o brutta...é chiaro che negli anni 70-80 anche la monza era all'avanguardia e sarà stata criticata come accade al modello odierno. Ma non si può utilizzare, secondo me, lo stesso concetto di 'eleganza' o 'bellezza' per oggetti così distanti nel tempo. E' come paragonare una 'Miss' degli anni '70 con una di oggi!
Pagine