NEWS

Opel OnStar: per la connettività e la sicurezza in auto

6 luglio 2015

Chiama i soccorsi in caso di incidente, fa da antifurto satellitare, permette la connessione 4G a internet ad alta velocità e molto altro.

Opel OnStar: per la connettività e la sicurezza in auto
PULSANTE ANTI-GUAI - C’è un’emergenza? Basta premere un tasto in auto e una centrale operativa risponde immediatamente per fornire assistenza. È una delle funzioni del nuovo sistema Opel OnStar, il servizio di connettività e assistenza personale, che include anche la chiamata automatica d’emergenza in caso di incidente (in Europa sarà obbligatoria solo nel 2018). La prossima Astra, che verrà presentata al pubblico al Salone di Francoforte (dal 17 al 27 settembre prossimo), sarà il primo modello Opel a esserne dotato fin dal lancio. Ma questo sistema potrà essere scelto al momento dell’acquisto anche per altri modelli, quali la Zafira, la Mokka e la Zafira Tourer. In questo caso il debutto (in 13 paesi europei, inclusa l’Italia) è previsto fin da agosto. Questo dispositivo dovrebbe essere di serie per gli allestimenti più ricchi, mentre si parla di un extra di circa 500 euro per le versioni meno equipaggiate. Gli automobilisti che scelgono il nuovo sistema Opel OnStar potranno utilizzare gratuitamente tutti i servizi nei primi 12 mesi: una sorta di periodo di prova. 
 
SALVA-VITA - I pulsanti per contattare l’assistenza sono collocati nella console centrale o, in alcuni modelli, nei pressi dello specchietto retrovisore interno. Ma, come accennato, il sistema si aziona anche da sé in caso di incidente grave: per esempio, se si attiva un airbag, l’Opel OnStar allerta automaticamente i soccorsi. Un consulente contatta il veicolo per capire se è necessario un intervento e, in assenza di risposta, parte una squadra di emergenza: l’auto viene localizzata attraverso le coordinate del Gps. Per tutta Europa, i consulenti si trovano presso il centro servizi di Luton e sono disponibili 24 ore su 24, 365 giorni all’anno. A proposito, una volta impostata la propria lingua (per esempio, l’italiano), la stessa sarà utilizzata dall’assistenza anche se ci si trova all’estero. Una volta contattato il centro servizi, l’operatore resta in linea fino a quando la squadra di soccorso giunge sul luogo dell’incidente. Un sistema analogo è già stato ampiamente testato dal gruppo General Motors (di cui la Opel fa parte) negli Stati Uniti: in quel caso, la centrale operativa ha sede a Detroit. Lo stesso modello è stato poi “esportato” anche in Canada, Cina, Messico e per giungere ora in Europa. In tutto il mondo sono già sette milioni i clienti General Motors che utilizzano questo servizio, con circa cinque milioni di chiamate al mese.
 
 
ULTRARAPIDO - Non solo emergenza, ma anche “divertimento”. Grazie a una velocità di trasferimento dati fino a 10 volte superiore rispetto alle tecnologie 3G, dice la casa, una maggiore reattività e la capacità di supportare simultaneamente connessioni voce e dati, il sistema 4G LTE consentirà di comunicare molto agevolmente a bordo, con vantaggi anche per l’intrattenimento. La connessione abilita un hotspot che permetterà di collegare simultaneamente fino a sette dispositivi mobili per accedere ai social media, giocare on line, vedere film in streaming, utilizzare le proprie app, o lavorare in viaggio. Il sistema è dotato di antenna esterna per massimizzare la connettività e assicurare una connessione internet stabile. “La connettività è uno dei nostri punti di forza di Opel, come dimostra il sistema di infotainment IntelliLink,” ci ha spiegato Karl-Thomas Neumann, amministratore delegato della casa tedesca. “L’Opel OnStar è una tecnologia innovativa: la guida sarà più sicura e allo stesso tempo più confortevole. Il dialogo diretto con i nostri clienti rafforzerà il legame con il marchio".
 
CONNESSIONE DA REMOTO - Chi possiede uno smartphone può collegarsi al proprio veicolo in remoto con una app per smartphone che permetterà di contattare l’OnStar da qualsiasi luogo, per visualizzare importanti dati relativi al veicolo (come la vita residua dell’olio nel motore e la pressione dei pneumatici). E, ancora, in remoto è possibile bloccare o sbloccare le porte (per esempio, se si è chiusa l’auto con le chiavi a bordo), localizzare la vettura online, attivare il clacson e le luci. Il sistema è anche in grado di fornire assistenza al proprietario e alle forze dell’ordine in caso di furto del veicolo: oltre a segnalare il reato, permette di impedire la riaccensione dell’auto e consente di localizzarla. Non ultimo, l’Opel OnStar invia agli abbonati una email mensile contenente la diagnostica con i dati e le informazioni più importanti relative alla vettura. Per questioni di privacy, i clienti potranno chiedere in qualunque momento (basta premere un pulsante a bordo) che non sia visibile la propria posizione agli operatori. Questa richiesta, però, decade nel caso di chiamata di emergenza automatica: il salvataggio di vite umane ha la priorità su tutto.
Aggiungi un commento
Ritratto di antoniogodino
7 luglio 2015 - 12:46
Mi sembra un servizio eccezionale, però non dice quanto costa all'anno e se si può avere anche su modelli non elencat (come insignia o antara). Avendolo è previsto uno sconto del premio per la Ass. furto?