NEWS

Parte da Verona il car sharing dell'ACI

30 gennaio 2015

Inizia a primavera nella città scaligera il servizio di auto in condivisione gestito da ACI Global che dovrebbe estendersi in altre località d'Italia.

Parte da Verona il car sharing dell'ACI
GESTISCE L'ACI GLOBAL - L'auto in condivisione riscuote sempre maggiore successo attirando nel settore nuovi operatori. L'ultimo in ordine di tempo a debuttare sul mercato è l'Automobile Club d'Italia attraverso l'ACI Global, società già attiva nell'assistenza tecnica ai veicoli e nel servizio di soccorso stradale. Un debutto che negli intenti della dirigenza aziendale rappresenta il “primo passo verso una concezione innovativa di assistenza, rivolta a chi sceglie nuove forme di mobilità, più economiche, funzionali e, soprattutto, rispettose dell’ambiente”. 
 
35 UP! PER VERONA - La proposta di car sharing di ACI Global partirà nella prossima primavera a Verona grazie a un accordo con il Comune che ha reso disponibili una serie di agevolazioni agli aderenti al servizio, quali l'accesso nelle zone ZTL, la sosta gratuita nelle “strisce blu”, nei parcheggi residenti e in nelle aree riservate alla “condivisione” in centro, presso la stazione ferroviaria e in altri punti strategici della città. La flotta iniziale è costituita da 35 Volkswagen up! a 5 porte, delle quali dieci e-up! elettriche, che si potranno prenotare tramite app per smartphone, sito internet e call center. Non sono previsti costi di abbonamento, ma soltanto per l'uso del veicolo: 0,39 euro al minuto fino ai 50 km di percorrenza, superati i quali si devono aggiungere altri 0,10 euro per ogni km in eccesso. Tra le varie opzioni c'è pure quella di trattenere l'auto durante la sosta, soluzione comoda per quando si va a fare la spesa o una commissione, pagando una tariffa ridotta (0,05 euro/minuto) durante il fermo della vettura. 
 
PRESTO IN ALTRE CITTÀ - L'idea di ACI Global è di estendere progressivamente il servizio anche in altre città della Penisola, sempre in collaborazione con le amministrazioni locali. Una ramificazione che consentirà agli iscritti di usufruire delle auto in condivisione anche lontano da casa grazie alla Card ICS IoGuido che consentirà di noleggiare le auto nelle altre località. Per farlo basterà sboccare la vettura con la tessera, digitare il PIN di riconoscimento che attiva pure il pagamento con addebito su carta di credito.


Aggiungi un commento
Ritratto di UnAltroFiattaro
30 gennaio 2015 - 23:19
Secondo me ogni operatore dovrebbe scegliere una macchina in particolare, così il riconoscimento sarebbe ancora più immediato...
Ritratto di tonymart
1 febbraio 2015 - 08:58
1
A parte che sono 2 differenti citta, ma che problema ti da avere due auto uguali? Manco a chiedere 2 colori differenti...
Ritratto di romeo64
31 gennaio 2015 - 10:49
é evidente che abbia avuto un peso importante questo sulla scelta del tipo di vetture.
Ritratto di NURS
2 febbraio 2015 - 13:17
Il costo della sosta è ridicolo e va bene, ma 0,39 €/min sono troppi! Mi spiace, non ci salirei a quel prezzo, salvo casi di ESTREMA necessità.