NEWS

La Porsche di Claudio Salini viaggiava a 200 km/h

30 novembre 2015

L’incidente fatale è colpa quasi esclusivamente della forte velocità. La presenza di un avvallamento non è stata ritenuta fatale.

La Porsche di Claudio Salini viaggiava a 200 km/h
LA PERIZIA - L’imprenditore Claudio Salini guidava ben oltre i limiti di velocità nei secondi precedenti al terribile impatto (qui sopra nella foto di Leggo) che gli avrebbe tolto la vita. Lo ha stabilito l’ingegner Mario Scipione, a cui è stato affidato il compito di ricostruire le modalità dell’incidente, verificatosi lo scorso 31 agosto sulla strada a scorrimento veloce Cristoforo Colombo. Salini perse il controllo della sua Porsche 911 e finì contro un albero. Il tecnico nominato dalla Procura ha stabilito che l’automobile procedeva ad una velocità compresa fra 190 e 200 km/h, sbandando anche per colpa di un avvallamento del manto stradale.
 
NESSUNA MANOMISSIONE - Scipione ha escluso l’ipotesi del sabotaggio ai freni o alla centralina. Queste illazioni emersero già nelle ore successive al fatto e sono legate ad alcuni episodi ancora poco chiari: all’imprenditore furono indirizzate minacce di morte, subito denunciate alle autorità. Salini rimase vittima anche di un tentativo di estorsione. La relazione elaborata dal tecnico non chiarisce perché il 46enne guidasse a velocità così sostenuta, ma il Corriere della Sera ipotizza che l’uomo volesse provare l’automobile nuova. Scipione non ritiene che vadano imputate responsabilità ai funzionari del comune, che avrebbero dovuto giudicare in altri termini la pericolosità dell’avvallamento.
 
VELOCITÀ SOSTENUTA - Le indagini dimostrano invece che l’automobile ha si perso aderenza per colpa dell’avvallamento, ma soltanto a causa della velocità sostenuta: la depressione sul manto stradale non è stata ritenuta profonda a sufficienza per rivelarsi pericolosa. Salini era amministratore delegato di una grossa azienda nel settore delle costruzioni ed era cugino di Pietro Salini, a capo di un’altra società fra le maggiori nel ramo delle costruzioni e dell'ingegneria.


Aggiungi un commento
Ritratto di Gianni.ark
1 dicembre 2015 - 00:24
...che tra l'altro è solo sbucciato mentre la Porsche è polverizzata!
Ritratto di WolfRam
1 dicembre 2015 - 07:43
3
La forza della natura!
Ritratto di Damien Gelmini
1 dicembre 2015 - 08:30
4
Se la strada ha fatto perdere il controllo alla Porsche a 200 km/h, significa che alla Mito basterebbe andare a 90 km/h per fare la stessa fine, perciò questa strada è un potenziale pericolo per troppa gente, anche se in fondo non sarebbero una grande perdita.
Ritratto di Vrooooom
1 dicembre 2015 - 08:55
come al solito NON sai di che parli,....le Porsche in genere sono ottime vetture ma con qualche peccato originale dato dalla disposizione dei pesi che inc erte situazioni porta l'avantreno letteralmente a decollare.....ok nelle tue pistiine polisitil non succede, ma la vita reale è un'altra cosa, e qualche mito potrebbe spiaccicarsi su di te quindi apri gli occhi quando sei nel passeggino, che ni ti si freghino il ciuccio, cosa inutile.
Ritratto di ignatech
1 dicembre 2015 - 13:32
Maggior ragione per andare piano se non sai guidare la Porsche. (e se sei in città e non in pista).
Ritratto di ilpellegrino
1 dicembre 2015 - 09:18
Damien, probabilmente anche tu non saresti una grande perdita visto come ragioni. Perdere il controllo di un veicolo dipende da molti fattori, non solo dagli avvallamenti che ci sono sulla strada.
Ritratto di SINISTRO
1 dicembre 2015 - 17:26
3
Se dai una sbirciatina su Fb, Twitter, youtube, ecc., t'accorgerai che esibizionista che è.... Per non parlare dei suoi post su stazioni di rifornimento (a suo dire, inquinate da FCA), discoteche (con commenti sulle donne a dir poco sgradevoli), il tutto scorazzando con la sua astronave di Paperino per il canton Ticino...
Ritratto di gmmensi
1 dicembre 2015 - 19:41
2
E tu chi saresti per giudicare la gravità della perdita? Una qualche divinità? Prima di scrivere pensa.
Ritratto di Pellich
1 dicembre 2015 - 10:12
Una persona affermata, che per tale ragione si suppone abbia avuto "buon senso" nelle scelte della propria vita, pare l'abbia perso scegliendo con estrema leggerezza di andare a 200 Km/h per provare l'auto nuova, su STRADA. Inconcepibile perchè non siamo di fronte al solito ragazzino bevuto o a un balordo. E' comunque un miracolo non abbia coinvolto altre persone..
Ritratto di studio75
1 dicembre 2015 - 10:57
5
Mi domando se sia possibile mantere i 200 su quella strada? non la conosco e non so quanto siano lunghi i rettilinei ma a quella velocità in pochi secondi macini davvero centinaia di metri. Forse il perito si è sbagliato a causa della difficoltà di estrapolare dei dati certi dai valori di deformazione della carrozzeria in un auto praticamente disintegrata. Tra l'altro doveva essere una 911 ultimo modello e magari il suo programma non aveva i dati aggiornati con le sue caratteristiche.
Pagine