NEWS

Torna la Radford, con la Type 62-2

Pubblicato 12 agosto 2021

La carrozzeria londinese, famosa tra gli Anni 40 e 60 per le sue elaborazioni di modelli inglesi, rinasce a Los Angeles con la nuova Type 62-2.

Torna la Radford, con la Type 62-2

DA LONDRA A LOS ANGELES - Nel 1948, a South Kensigton, nel cuore di Londra, una piccola carrozzeria, la Harold Radford Coachbuilders Limited, cominciava a farsi un nome nella creazione di scocche in stile Countryman per modelli Bentley e Rolls-Royce. Una ventina d’anni più tardi, nella City, con le sue lussuose personalizzazioni la Radford divenne un’istituzione in materia di Mini. Oggi, a sessant’anni di distanza, il sogno imprenditoriale rivive grazie a Mark Stubbs (ex progettista di Bentley, Aston Martin e Bugatti), Ant Astead (volto noto di Affari a quattro ruote nel Regno Unito) Jenson Button (Campione del mondo di Formula 1 nel 2009) e Roger Behle (avvocato e business manager della nuova azienda). Il nuovo corso della Radford, inaugurato qualche giorno fa nella contea di Orange County, in California, è improntato più alle corse che al lusso e non a caso riparte da un modello dalla forte caratterizzazione sportiva che omaggia un simbolo del motorsport britannico: la Lotus Type 62.

I COLORI DELLA LEGGENDA - La casa di Hethel - fondata da Colin Chapman nel 1948, nello stesso anno in cui aprì i battenti la Radford - costruì la Type 62 in soli due esemplari nel 1969 come naturale evoluzione della Type 47 e con un obiettivo preciso: testare sul raffinato telaio progettato da Martin Waide il motore quattro cilindri bialbero 907 che di lì a breve avrebbe equipaggiato la Elite, la Esprit, la Eclat e la Excel. Ben altre sono le ambizioni della nuova Radford Type 62-2, che sarà costruita in soli 80 esemplari che i fortunati clienti potranno personalizzare secondo i propri desideri e il proprio gusto. Per il modello svelato in anteprima alle porte di Los Angeles, Button e compagni hanno scelto il bianco panna, l’oro e il rosso della mitica livrea Gold Leaf, apparsa per la prima volta sulla Lotus 49 al Gran Premio di Monaco del 1968 (vittoria di Graham Hill, terzo posto per Jo Siffert). 

DA 430 A 500 CV - La Radford Type 62-2, benché costruita da zero, con tecnologie ultramoderne, a partire da un telaio realizzato in materiali compositi e alluminio - ricalca il layout e lo stile del modello originale degli Anni 60. È alta da terra appena 1.133 mm, sfoggia passaruota ampi e muscolosi ed è munita di grosse prese d’aria, indispensabili per dare fiato al potente motore V6 sovralimentato di derivazione Toyota da 3,5 litri di cilindrata, un’unità già vista sulla nuova Lotus Emira. Due le opzioni per la trasmissione: per i buoni guidatori che desiderano provare sensazioni antiche c’è un bel cambio manuale a sei marce, per tutti gli altri un velocissimo automatico a sette rapporti con doppia frizione. A richiesta, per esaltare il look racing della macchina, è possibile far montare in fabbrica uno spoiler a coda d’anatra. La Radford Type 62-2 è disponibile in due versioni: la Classic, che con i suoi 430 CV vanta un invidiabile rapporto peso-potenza di 1:1, e la più performante Gold Leaf, che grazie a nuovi pistoni, alberi a camme dal profilo più spinto e una specifica mappatura della centralina guadagna una settantina di CV, raggiungendo quota 500.

BUTTON APPROVED - La Radford Type 62-2 vuole essere un’auto sportiva “lussuosa e confortevole, ma anche bella da guidare”. Parola di Jenson Button, che ha descritto la nuova creatura della Radford come “una macchina per piloti veri. Quando ci si siede al volante - ha spiegato l’ex pilota di Williams, Benetton, Renault, BAR, Honda, Brawn e McLaren - dal parabrezza curvo si vedono i passaruota anteriori, come sulle sportprototipo che correvano a Le Mans negli Anni 70”. Una sana iniezione di adrenalina per ricreare le sensazioni e il brivido della guida vecchio stile, omaggiando due miti della storia automobilistica britannica.





Aggiungi un commento
Ritratto di Trattoretto
14 agosto 2021 - 11:43
Altra roba di antiquariato termico. Adatta a chi vuol dimostrare al mondo di guidare obsolescenza motoristica e di fregarsene di farci morire di caldo e piogge torrenziali. Inutile e dannosa.
Ritratto di PONKIO 78
14 agosto 2021 - 20:56
Trattoretto, come mai su tutti i blog scrivi sempre le stesse cose? Per te tutte le auto a combustione sono dannose soprattutto le Hypercar.... ma posso illuminarti su una cosa? Quando vai in bagno e tiri lo sciacquone e i tuoi bisogni arrivano sino al mare ed un povero cristo in vacanza sguazza in mezzo ai tuoi bisogni, pensi che non sia una cosa dannosa? Le malattie legate alla mancanza d’acqua potabile, pozzi neri o fognature, sono classificate come le malattie della povertà. Le più gravi sono queste quattro. Colera. Si stima che, ogni anno, ci siano da 1,3 a quattro milioni di casi di colera e da 21mila a 143mila decessi causati dal colera. Diarrea. La diarrea provoca, a livello globale, il 4% dei decessi e il 5% dei casi di disabilità.... più colpiti sono i bambini. Epatite. Nel 2015, 325 milioni di persone vivevano con infezioni croniche da epatite. Nello stesso anno, 1,34 milioni di persone sono morte a causa di un’epatite virale. Poliomielite. La poliomielite colpisce prevalentemente i bambini di età inferiore a 5 anni. In un caso su 200, si arriva alla paralisi irreversibile. Tra gli effetti da paralisi, il blocco dei muscoli respiratori porta alla morte nel 5-10% dei casi. Quindi non credo un auto A combustine sia tanto dannosa come la nostra cacca....
Ritratto di Trattoretto
15 agosto 2021 - 09:54
Ma si può sapere cosa c'entra tutto questo questo pipp0ne con l'evoluzione tecnologica dell'auto verso una migliore compatibilità con l'ambiente? Discorso che vale per tutte le auto, non può valere solo quando fa comodo. Io sono coerente nel ritenere che il progresso tecnologico va bene se è orientato in direzione utile anche all'ambiente, sempre, per qualsiasi auto, dalla Panda alla Ferrari. Senza contare che qua c'è gente che non ha altri argomenti che attacchi personali o divagazioni al di fuori del mondo auto.
Ritratto di gbvalli
15 agosto 2021 - 11:22
1
Potrebbe essere un bel prodotto, se avrà un prezzo equo, magari potrebbe fare concorrenza a qualche Lotus. Uno sfizio per regalarsi un "sogno". E non saranno un po' di motori termici in più che determineranno il disastro ambientale finale.
Ritratto di Road Runner Superbird
16 agosto 2021 - 16:57
V6, peso contenuto, cambio manuale, una linea semplice. Top.
Ritratto di PONKIO 78
16 agosto 2021 - 20:38
Trattoretto ti rispondo sul blog.... Lamborghini Countach LPI 800-4