NEWS

Reddito di cittadinanza: i vincoli legati all’auto

18 gennaio 2019

Il diritto al reddito di cittadinanza è subordinato ad una serie di requisiti, alcuni dei quali riguardanti l’auto posseduta.

Reddito di cittadinanza: i vincoli legati all’auto

I REQUISITI - In data 17 gennaio 2019 il Consiglio del Ministri ha approvato il Decreto Legge che disciplina l’accesso al reddito di cittadinanza, il sussidio tanto dibattuto negli ultimi anni, cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle. Il reddito di cittadinanza consiste in una somma di denaro spendibile attraverso una carta di credito (la cosiddetta Carta Rdc) che verrà riconosciuta ai nuclei familiari e ai disoccupati in possesso di una serie di requisiti. Tra questi, la legge richiede la residenza in Italia da almeno 10 anni, un valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) inferiore a 9.360 euro, e ulteriori requisiti relativi al valore del patrimonio mobiliare e immobiliare posseduto. Il disoccupato che intende accedere al reddito di cittadinanza dovrà firmare il cosiddetto “Patto per il lavoro”, che lo obbliga ad essere immediatamente disponibile al lavoro, ad intraprendere corsi di riqualificazione professionale o concludere il ciclo di studi interrotti. Il quantum del reddito di cittadinanza può raggiungere un massimo di 780 euro mensili a persona e un massimo di 1.330 euro mensili per un nucleo familiare di genitori e tre figli.

IL REQUISITO DELL’AUTO - Il Governo ha però introdotto una serie di requisiti legati anche ai tipi di veicoli posseduti ed alla loro anzianità. Affinché si possa beneficiare del reddito di cittadinanza, nessun componente del nucleo familiare deve risultare intestatario di autoveicoli immatricolati la prima volta nei sei mesi antecedenti la richiesta, né averne la piena disponibilità pur non essendone proprietari (come in caso di leasing o noleggi). C’è di più: non avranno diritto al reddito di cittadinanza neanche gli intestatari di autoveicoli di cilindrata superiore a 1.600 cc, nonché motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati la prima volta nei due anni antecedenti la richiesta di accesso al sussidio, fatti salvi gli automezzi per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità.



Aggiungi un commento
Ritratto di Furai
18 gennaio 2019 - 18:38
Il vincolo legato alla cilindrata per quanto ne capisca il senso non mi sembra la cosa più furba. Giustissimo invece il vincolo dei 6 mesi per l'acquisto, è un sussidio per chi ha veramente bisogno e il solo ISEE non sarebbe bastato per prevenire frodi.(che ovviamente avverranno anche così ma sicuramente è un paletto in più giusto e sacrosanto
Ritratto di ViAdoro
18 gennaio 2019 - 20:23
Nella dichiarazione isee di famiglia rientrano anche le auto di proprietà
Ritratto di Alfiere
18 gennaio 2019 - 18:50
1
Il vincolo della cilindrata appare non-sense: con la politica del downsizing bisogna davvero salire per trovare motori grossi, o pensare ad una mazda.
Ritratto di Gwent
18 gennaio 2019 - 20:05
2
Però col RDC potrei comprarmi una Model 3 non avendo essa alcuna cilindrata. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Gwent.
Ritratto di Alfiere
18 gennaio 2019 - 22:01
1
Neanche avendolo per tre anni arrivi a una Tesla.
Ritratto di Gwent
19 gennaio 2019 - 00:02
2
Usata di dieci anni nel 2025 ci si potrebbe fa n'pensierino.
Ritratto di JNCO
19 gennaio 2019 - 00:28
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di Gwent
20 gennaio 2019 - 17:41
2
Sempre dopo di lei :-) Con rispetto parlando.
Ritratto di dragomic
21 gennaio 2019 - 11:20
1
Dopo il primo mese che ipoteticamente uno dovesse ricevere il sussidio arriveranno proposte di accettare questo o quel lavoro.. proposte che se rifiutate faranno decadere il requisito per percepirlo... altro che 10 anni!
Ritratto di Boys
21 gennaio 2019 - 13:41
1
Giusto cosi ci mancherebbe altro...
Pagine