NEWS

Ricco bonus ai dipendenti della Porsche

16 marzo 2016

L’azienda chiude il miglior anno di sempre, il 2015, e premia i dipendenti con un bonus di 8.911 euro.

Ricco bonus ai dipendenti della Porsche
ANNATA RECORD - Lo straordinario 2015 vissuto dalla Porsche regala una grossa soddisfazione ai suoi dipendenti, premiati dall’azienda con un bonus d’importo pari ad 8.911 euro. La casa tedesca distribuisce in tal modo parte degli utili e gratifica le maestranze dopo la miglior annata della sua storia: la Porsche ha chiuso il 2015 incrementando le vendite del 19% rispetto al 2014 e toccando quota 225.121 esemplari, fatturando 21,5 miliardi di euro e dichiarando un profitto operativo di 3,4 miliardi. Il bonus verrà assegnato a parte dei 15.600 dipendenti, che verranno ricompensati in forma variabile: l’importo crescerà in relazione alle ore lavorate ed al grado di anzianità. Il bonus vero e proprio consiste in 8.211 euro, mentre i restanti 700 euro verranno integrati al fondo pensione.
 
BOOM DELLE SUV - Un così significativo incremento delle vendite si spiega con gli ottimi risultati conseguiti dalle suv Macan e Cayenne, modelli apprezzati in tutto il mondo e capaci nel tempo di superare le vendite delle sportive classiche: l’azienda ha calcolato che le Macan e Cayenne hanno pesato nel 2015 per il 68% delle vendite complessive. La Macan, da sola, ha venduto più delle 911, Boxster, Cayman e Panamera sommate. Un risultato simile è giustificato dalla popolarità di cui godono le suv, e nello specifico anche da un prezzo d’acquisto più contenuto. Il fatturato e gli utili sono entrambi aumentati del 25% circa. L’inizio del 2016 non è stato meno negativo, dal momento che le vendite registrate nei mesi gennaio-febbraio sono aumentate del 14% rispetto al medesimo periodo dell’anno scorso.
Aggiungi un commento
16 marzo 2016 - 16:50
8."911" € :D
Ritratto di SINESTRO
16 marzo 2016 - 17:43
3
Per arrotondare...
Ritratto di AyrtonTheMagic
18 marzo 2016 - 09:48
2
ahahah ottima osservazione!
Ritratto di domenicofevi
16 marzo 2016 - 18:57
bnonus da congelare visto che il gruppo vag deve pagare miliardi di euro per la vicenda dieselgate.......
Ritratto di Strige
17 marzo 2016 - 00:42
Ogni marchio paga la sua quota, la quota di porsche non è chissa cosa, senza contare che i diesel incriminati, quelli della porsche, sono tutti in USA.
Ritratto di domenicofevi
17 marzo 2016 - 09:09
"i diesel incriminati sono tutti in USA"??? stanno anche in europa, in australia, in cina, in korea.... insomma in tutto il mondo e il conto da pagare è salatissimo
Ritratto di Strige
17 marzo 2016 - 20:12
si parla di porsche, non di VW. La sola porsche ha problemi su 150 vetture vendute in USA. Il resto, che tu dici giustamente, è del gruppo vw con audi, vw e seat. La porsche c'entra solo negli usa. Il conto salatissimo??? te dici? conoscendo gli americani, se gli fanno pagare 1 miliardo è già tanto (vedesi toyota)
Ritratto di Porsche
17 marzo 2016 - 10:37
da congelare ? La competenza e responsabilità del dieselgate è Vw, quà si parla di Porsche.
Ritratto di Vrooooom
17 marzo 2016 - 11:07
Vedo che ci caschi pure tu allora!! Compri Porsche, Paghi Porsche Prosche risponde delle eventuali manchevolezze,. Poi al limite si regola i conti all'interno del gruppo; solo che si cerca di far passare il problema del diesel come un problema ,appunto , di VW , che è una parte del gruppo VAG esattamente come lo è Porsche. Forse per tenere linda e pinta l'immagine della cavallina nera? Mi sa di sì...... e gli allocchi non mancano mai, a quanto pare!!
Ritratto di Porsche
17 marzo 2016 - 14:01
hai scritto un sacco di sciocchezze. Ma sono stufo di rispondere a gente disinformata.
Pagine