NEWS

Boom di utili per la Ford nel 2017

26 gennaio 2018

Il costruttore americano ha venduto meno auto del 2016 e incassato meno soldi, ma l’utile è cresciuto del 65%.

Boom di utili per la Ford nel 2017

I DIPENDENTI ESULTANO - I primi otto mesi di lavoro del nuovo amministratore delegato Jim Hackett (a destra nella foto insieme al presidente Bill Ford) sono stati positivi per la Ford Motor Company, che ha terminato il 2017 registrando un giro d’affari in crescita del 3% (a 156,8 miliardi di dollari) e guadagni netti pari a 7,6 miliardi di dollari, il 65% in più rispetto al 2016. Lo ha annunciato il costruttore pubblicando il resoconto di fine anno. I numeri contenuti del bilancio rendono felici anche i lavoratori negli Stati Uniti, che riceveranno un bonus pari a 7.500 dollari nell’ambito degli accordi sottoscritti con il potente sindacato UAW. Il costruttore dell’Ovale Blu ha venduto l’anno scorso 6.607.000 milioni di auto nel mondo (-44.000) e incassato da questa attività 145,7 miliardi, 4,2 miliardi in più rispetto l’anno scorso.

PICK-UP SOLITI BEST SELLER - L’area principale rimane quella del Nord America, anche se le vendite sono diminuite di 52.000 unità fra il 2016 e il 2017 e si sono attestate a 2.967.000 esemplari. La Ford si è confermata il marchio più venduto negli Stati Uniti per l’ottavo anno di fila. Ciò anche per merito dei pick-up Serie F, in grado di guadagnare il 9,3% rispetto al 2016 e per il 41° anno di fila i pick-up più di successo nel Paese. In Europa le vendite sono aumentate di 26.000 unità a 1.582.000 unità. La percentuale di crescita migliore è stata registrata in Sud America, dove la Ford ha guadagnato il 14,7% ed è passata dalle 325.000 unità del 2016 alle 373.000 dell’anno scorso. I guadagni dell’azienda però non hanno rispettato le previsioni (0,39 centesimi ad azione contro gli 0,42 stimati), motivo per cui il titolo ha perso il 3% del suo valore alla borsa di New York.

Aggiungi un commento
Ritratto di BARRACUDA74
26 gennaio 2018 - 19:52
Io un so bravo in matemati'a..... ma se vendo meno, e icasso meno soldi, se riesco a fare piu' utili sono un genio!!!!!!!!!!!! Pero' mi suona come quello che non pipava mai la moglie ma lei restava in cinta lo stesso!!!
Ritratto di lucios
28 gennaio 2018 - 10:19
3
Quando si fanno utili in presenza di fatturato basso vuol dire solo una cosa: POLITICA DI ALTI MARGINI. Può avvenire in tre modi: 1 - riducendo al massimo i costi di produzione; 2 - aumentando il prezzo per ogni singolo prodotto venduto; 3 - entrambe la strade (ovviamente contemperate). In generale, sono buone politiche ma si rischia di rimanere piccoli come lo sono attualmente FORD e FCA. Con il conseguente pericolo di essere acquistati da qualcuno o quanto meno, nel gioco delle alleanze o joint venture, non si ha un grande potere contrattuale.
Ritratto di Fr4ncesco
28 gennaio 2018 - 11:27
Ford non è piccola, ha una presenza di vendita importante in tutto il mondo con più di un modello nella top vendite globale, una gamma che copre dalle citycar alle hypercar e modelli specifici per area geografica, con stabilimenti e centri di sviluppo ovunque, piste, join venture... Escludendo i marchi premium, a parità di prodotto, nessuna fa meglio, o preferisce spiccare in qualcosa trascurandone un'altra.
Ritratto di lucios
28 gennaio 2018 - 15:13
3
6,250 milioni e passa, sesta in graduatoria, -1,4 % rispetto all'anno precedente. Mi sembra un po' pochino rispetto alle prime 4 in graduatoria e soprattutto rispetto al fatto che è una casa che ha sede nella prima potenza mondiale. I numeri sono importanti ma non certo da big e la necessità di doversi alleare con qualcuno per sopravvivere in futuro è dietro l'angolo. FCA peggio ancora. Ad ogni modo, per chi produce principalmente marchi generalisti, la necessità di fare grandi volumi è importante.
Ritratto di Fr4ncesco
26 gennaio 2018 - 20:16
E' un successo meritato perchè la Ford ha una gamma completa che risponde a tutte le esigenze e fa ottimi prodotti, a partire dal comparto tecnico-meccanico fino alla tecnologia di bordo, con un rapporto contenuti/prezzo davvero buono. Ad esempio la Ka+ è venduta ad un prezzo da citycar ma è una vettura di segmento B derivata dalla Fiesta, oppure la Mustang che costa la metà di rivali meno potenti. Oltre a ciò, per riportare qualche altro esempio, la Focus a fine carriera è ancora uno dei punti di riferimento della categoria o la nuova Fiesta, oltre a riconfermare le doti della precedente, è ulteriormente migliorata. Ne ho citata qualcuna ma sono pregi che non escludono alcun modello della gamma, sono tutte fatte bene.
Ritratto di Leonal1980
28 gennaio 2018 - 10:24
Una cosa non mi è chiara, come fa a fare più utili con fatturati minori, se non abbassa la qualità come ad esempio gli interni orribili della nuova fiesta, che è tutta finta qualità, almeno è quello che che si percepisce.
Ritratto di Fr4ncesco
28 gennaio 2018 - 11:33
E' una percezione tua e direi distorta dalla realtà perchè a partire dalla riviste specializzate viene elogiata da tutti. Riguardo alla domanda perchè forse risparmia in miliardi di dollari di multe, riacquisti, richiami e spese processuali rispetto ad altre case che iniziano per V e finisco W(c).
Ritratto di tramsi
29 gennaio 2018 - 01:00
Il tuo giudizio sugli interni della Fiesta non trovano riscontro alcuno nella realtà né in quello che hanno scritto i media che hanno testato l'automobile.
Ritratto di anarchico2
29 gennaio 2018 - 14:55
Provata per una settimana come vettura sostitutiva, buona precisione di guida con i cerchi da 17, interni non male ma sedili scomodissimi.
Ritratto di dottorstrange
26 gennaio 2018 - 22:18
Veramente su automotive news (che è la rivista più autorevole al mondo nel campo dei motori) è scritto: For the full year, Ford's 2017 pretax profits fell 19 percent to $8.4 billion, slicing its operating profit margin to 5.0 percent from 6.7 percent in 2016. Net income was up 65 percent to $7.6 billion, as revenue rose 3.3 percent to $156.8 billion. Quindi l'utile netto è salito x motivi straordinari, mentre i margini industriali sono in netto calo. Infatti le azioni sono crollate dopo i conti. Ma fate pubblicità o giornalismo, scusate?
Pagine