NEWS

Scatta l’obbligo per i seggiolini anti-abbandono

Pubblicato 07 novembre 2019

Da oggi 7 novembre, chi ne è sprovvisto riceve una multa da 81 euro e perde 5 punti dalla patente.

Scatta l’obbligo per i seggiolini anti-abbandono

SCATTA L’OBBLIGO - Dal 7 novembre 2019 entra in vigore l’obbligo di dispositivi anti-abbandono nei seggiolini, sistemi di allarme che segnalano la presenza di un bambino di età fino a 4 anni all’interno di un veicolo in sosta, al fine di evitarne l’abbandono. Lo ha chiarito il ministero dei Trasporti, spiegando che l’obbligo vale da 15 giorni dopo la pubblicazione del regolamento di attuazione in Gazzetta Ufficiale, avvenuta il 23 ottobre. Da oggi, perciò, chi trasgredisce all’obbligo riceve una sanzione amministrativa di 81 euro e perde 5 punti dalla patente, ma in caso di recidiva nel biennio successivo arriva a pagare fino a 326 euro e subisce la sospensione della patente da 15 giorni a 2 mesi. 

ATTIVAZIONE AUTOMATICA - I dispositivi anti-abbandono possono essere di vari tipi secondo la normativa: integrati nei seggiolini di nuovo acquisto, un accessorio da acquistare separatamente per seggiolini già in uso oppure una dotazione dell’auto, purché inseriti nel fascicolo di omologazione dell’auto stessa. È fondamentale però che questi si attivino automaticamente ad ogni utilizzo, senza ulteriori azioni da parte del conducente; l’apparecchio inoltre deve emettere un segnale di conferma non appena è operativo. In caso di pericolo i sistemi anti-abbandono devono generare un allarme visivo, attraverso la vibrazione o acustico, udibile anche fuori dall’auto. Non è obbligatorio un sistema per l’invio di messaggi o chiamate, tramite il quale ricevere un’allerta sul telefonino, ma tanti dispositivi anti-abbandono funzionano proprio in questo modo: si connettono via bluetooth allo smartphone e inviano una notifica in caso di pericolo. 

BONUS DI 30 EURO - Il Governo ha creato un fondo da 15,1 milioni di euro per il 2019 e 1 milione di euro per il 2020, disponibile fino ad esaurimento, per aiutare economicamente chi deve acquistare un dispositivo o seggiolino anti-abbandono: ciò equivale ad un contributo di 30 euro per dispositivo.



Aggiungi un commento
Ritratto di Stefano1985
7 novembre 2019 - 15:44
Ottimo venirlo a sapere da alVolante
Ritratto di Al Volant
7 novembre 2019 - 16:10
C'è da dire però che seggiolini conformi alla normativa NON sono ancora in commercio ( a parte forse uno solo )... Solita italianata..
Ritratto di deutsch
7 novembre 2019 - 18:37
4
ci sono i dispositivi indipendenti
Ritratto di Sancri
7 novembre 2019 - 17:45
1
Questo fa pensare a come ci siamo ridotti: serve un segnalatore per ricordarci (!) che in macchina abbiamo nostro figlio.
Ritratto di Andre_a
7 novembre 2019 - 18:06
Li mettessero in parlamento i seggiolini antiabbandono!
Ritratto di Adry83
7 novembre 2019 - 20:36
L ha detto stamattina al tg5 delle 7.00 e studio aperto alle 12.30 oggi
Ritratto di Edoardo98
7 novembre 2019 - 22:13
5
Che disastro. La società è sempre più degradata, i figli dovrebbero essere la cosa più importante per un genitore bisogna essere proprio dei deficenti per dimenticarseli in macchina. Questi dispositivi oltretutto provocano danni alla salute e non è assolutamente giusto che per colpa di certa gente tutti devono prendere questi provvedimenti, inoltre affinchè questi sistemi funzionino bisogna tenere il blutooth del telefono operativo e uno che si dimentica del figlio a maggior ragione si dimentica anche del cellulare quindi è possibile che continuino a morire anche con questi dispositivi
Ritratto di ziobell0
8 novembre 2019 - 09:12
basta leggere i commenti dell'articolo di qualche settimana fa. Ci sono dei pecoroni che non sono capaci di pensare con la propria testa e subiscono le più assurde imposizioni. Per la serie: io posso essere multato perchè non ho un dispositivo che suona e intorno vedo centinaia di persone che guidano con il cellulare in mano provocando ogni giorno morti e feriti, certi di essere impuniti. Bravi!!!
Ritratto di Paolo-Brugherio
8 novembre 2019 - 10:49
6
E che dire di quei ciclisti che girano di sera senza luci? A volte te li trovi all'improvviso anche su strade extraurbane non illuminate... ma non ho mai visto un vigile, un poliziotto o un carabiniere fermare e multare questi irresponsabili.
Ritratto di Paolo-Brugherio
8 novembre 2019 - 10:45
6
E così, per colpa di quattro irresponsabili, migliaia di italiani coscienziosi si devono accollare un maggior costo... costo che sarebbe da far pagare a quelli che si sono dimenticati i figli in auto.
Pagine