NEWS

Seat Ibiza e Arona 2021: il nuovo listino

Pubblicato 16 luglio 2021

Le versioni ristilizzate di Ibiza e Arona sono disponibili da agosto con prezzi rispettivamente di 13.900 e 16.000 euro.

Seat Ibiza e Arona 2021: il nuovo listino

ARRIVANO INSIEME - Le Seat Ibiza e Seat Arona, sono state recentemente sottoposte a restyling. La casa spagnola a distanza di pochi mesi dalla presentazione rende noti gli allestimenti e i prezzi per il mercato italiano, con arrivo nelle concessionarie previsto ad agosto. L’Ibiza sarà disponibile a partire da 13.900 euro per la Reference 1.0 MPI da 80 CV e l’Arona da 16.000 euro per la variante turbo benzina da 95 CV.

LA SEAT IBIZA - La gamma dei motori della Seat Ibiza (nella foto qui sopra) si compone di sole unità a benzina. Alla base troviamo il 3 cilindri 1.0 da 80 CV e 93 Nm di coppia, seguito dalla sua versione turbo disponibile nel duplice step di potenza: da 95 CV con 175 Nm di coppia massima (abbinato al cambio manuale a cinque marce) e da 110 CV con 200 Nm di coppia (abbinabile sia al manuale a sei velocità che all’automatico DSG a doppia frizione). Al top si posiziona il 4 cilindri 1.5 turbo da 150 CV e 250 Nm di coppia. Interessante anche la versione a metano, col 1.0 TGI da 90 CV, un carburante in cui la Seat crede molto, per le sue doti di economicità di gestione.

La Seat Ibiza è disponibile in quattro diversi allestimenti: Reference, Style, Business e FR. L’equipaggiamento di serie, previsto anche dalla Reference, dispone di: sistema multimediale con schermo di 8,25”, fari anteriori Ecoled, volante multifunzione, Bluetooth, “clima”, 2 prese usb tipo C, interconnessione con lo smartphone da remoto (versione base), sistema anticollisione frontale con riconoscimento di pedoni, sistema di mantenimento della corsia, limitatore di velocità e sistema di riconoscimento stanchezza.

L’allestimento Style aggiunge la connessione senza fili dello smartphone, i cerchi in lega da 15”, il volante multifunzione in pelle e il cruise control. La Business rispetto alla Style, prevede il navigatore visibile sullo schermo del sistema multimediale da 9,2”, la vernice metallizzata e la versione completa dei servizi Seat Connect (consentono di controllare da remoto alcuni parametri dell’auto).

L’allestimento top di gamma FR, include in più i cerchi in lega da 17”, i fari fendinebbia, i doppi terminali di scarico, i vetri posteriori oscurati, il “clima” bi-zona, il cielo dell’abitacolo nero, i sedili sportivi, il volante FR, la plancia in materiale di tipo soft touch, la luce ambientale rossa, gli specchietti ripiegabili elettronicamente, i sensori luce e pioggia, e il selettore della modalità di guida Seat Drive Profile.

Si pagano a parte alcuni sistemi di assistenza alla guida come il Travel Assist, che rendono conforme la vettura al sistema 2 di guida autonoma.

È possibile acquistare l’Ibiza anche con finanziamento, con una rata di 119 euro al mese (anticipo 3.193 euro, TAN 3,99% fisso TAEG 5,67%) per la versione Reference con motore 1.0 MPI 80 CV che costa 13.900 euro. La variante con motore a metano costa 15.500 euro o 119 euro al mese (anticipo di 3.327 euro, TAN 3,99% fisso - TAEG 5,46%).

LA SEAT ARONA - Servono invece 16.000 euro per portarsi a casa la Seat Arona (nella foto qui sopra) equipaggiata con il 1.0 TSI da 95 CV. I motori sono i medesimi dell’Ibiza, compresa la variante metano, a eccezione del tre cilindri “mille” di accesso che invece della variante da 80 CV è il turbo benzina da 95 CV abbinato al manuale a cinque marce.

La Arona è disponibile in quattro diversi allestimenti: Reference, Style, FR ed Experience. Quest’ultima si affianca alla versione FR e sostituisce la precedente Xcellence; si tratta di un allestimento che enfatizza il “carattere” outdoor, con finiture in alluminio, visibili sullo spoiler anteriore, la cornice della calandra e sul paraurti posteriore che integra i doppi terminali di scarico.

L’allestimento base Reference include le seguenti dotazioni standard: sistema multimediale con schermo da 8,25”, cerchi in acciaio da 16”, fari anteriori Eco led, volante multifunzione, Bluetooth, “clima” e due prese usb di tipo C, Seat Connect, assistente anticollisione anteriore con sistema di riconoscimento dei pedoni, mantenimento della corsia e limitatore della velocità oltre al sistema di riconoscimento della stanchezza. 

L’allestimento Style aggiunge la connessione wireless per gli smartphone, due altoparlanti aggiuntivi, cerchi in lega da 16”, mascherina frontale cromata, volante multifunzione in pelle, sensori di parcheggi posteriori, e cruise control.

L’allestimento Xperience prevede rispetto alla versione Style: cerchi in lega da 17”, fari full led, tetto e specchietti a contrasto, mancorrenti al tetto, cielo abitacolo nero, sistema di accesso senza chiave, bracciolo centrale, “clima” bi-zona, specchietti ripiegabili elettricamente e sensori di luce e pioggia.

I prezzi della crossover partono da 16.000 euro per la versione Reference con il motore 1.0 TSI 95 CV. In alternativa è possibile acquistarla a rate a partire da 139 euro al mese (anticipo 3.129 euro, TAN 3,99 % fisso - TAEG 5,42 %).

Seat Arona
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
41
61
82
52
78
VOTO MEDIO
2,8
2.792995
314




Aggiungi un commento
Ritratto di PARRELLA GIOVANNI
18 luglio 2021 - 15:54
Ragazzi non guardate alla potenza, che dice molto poco nell'uso quotidiano su strada, ma guardate la COPPIA ed a quale REGIME si ottiene, altrimenti sballate completamente l'acquisto, con il risultato di mettersi a piangere oppure dover rivendere l'auto immediatamente con ovvie perdite economiche. Seat Ibiza con 80 cv. Qualcuno penserà: ok 80 cv sono sufficienti per una segmento B. Ma la coppia? 93 nm a 3.750 giri sono scarsi persino su una segmento A con 200 kg in meno. Ed allora? Ci si porta a casa una 80 cv ma che devo usare sempre a 4.000 giri per farla andare decente anche in città, altrimenti devo viaggiare da solo, senza saliscendi, senza valige e senza accendere clima. Ottimo acquisto per qualche nonnetto tranquillo, ma che se abita in una città con saliscendi bestemmierà anche lui perchè piantata e con consumi esagerati dovendoci viaggiare a 4.000 giri costanti (state certi che le prove di consumo medio vengono fatte anche dalle riviste con rotazioni motore umane - non certo oltre i 4.000). Figuriamoci in autostrada con 4 a bordo clima e pendenze. Mi meraviglio sempre dei lamenti di chi ha speso 15/16.000 euro ed ha fatto male i conti.  Certo, poi il prezzo sale, ma tant'è. E questo vale non solo per Ibiza ma per tutte.
Ritratto di giulio21
18 luglio 2021 - 19:06
applausi
Ritratto di Orgoglio_Italiano
18 luglio 2021 - 20:54
Parella hai dimenticato che auto del genere, purtroppo, servono per i neopatentati, a causa delle limitazioni del menga poste dal C.d.s. Tant'è...
Ritratto di PARRELLA GIOVANNI
18 luglio 2021 - 22:25
No non l'ho dimenticato. Io mi riferivo a chi, come riferivo appunto, "ha fatto male i conti" ovvero coloro (tanti) non neopatentati che spesso scquistano una segmento B quale unica auto per la famiglia.
Ritratto di PARRELLA GIOVANNI
18 luglio 2021 - 19:49
Non credo di meritare applausi. Sono solo un osservatore attento. Quando ho comprato la mia segmento B della concorrenza, ho preso la turbo benzina invece della aspirata, pagandola a parità di accessori solo 500 Euro in più della aspirata (costruttore serio per quanto riguarda il delta prezzo non legato evidentemente a logiche commerciali - mi è costato di più il metallizzato!). Ebbene, nei Forum del marchio in tanti si lamentano del fatto che l'aspirata è seduta e consuma tanto, con i suoi 75 cv e 107 nm (Ibiza 93 nm) con gara di 980 kg incluso conducente (più leggera di Ibiza). La turbo mediamente percorre almeno 3 km in più a litro in tutte le condizioni (urbano-extraurbano-autostrada) ed ha un rapporto peso/potenza in overboost migliore di una Alfa Giulietta 1.400 turbo benzina da 120 cv. Solo attento osservatore, appunto.
Ritratto di Pintun
19 luglio 2021 - 07:21
Giovanni, considerando che ormai le seg B sono delle medie e possono essere per molti senza alcun problema l'unica auto di famiglia, e che tutte superano i 1000 kg e alcune sfiorano i 1100, , a benzina le versioni turbo sono le più equilibrate. Le aspirate servono certamente per i neopatentati e in alcuni casi per far credere che il listino parte da prezzi concorrenziali, ad esempio Corsa da meno di 16000, C3 da poco sopra i 14000. Poi, certo trovi sempre chi compra senza valutare bene, come chi prendeva il diesel per fare anche meno di 10000 km annui, magari in urbano e poi si lamentava del Fap intasato.
Ritratto di Il bue
19 luglio 2021 - 10:08
6
Altra auto interessante, Ibiza, che dovrò bocciare per la mancanza del diesel, per me ancora fondamentale. Metano no, scomodo, eventualmente gpl sarebbe interessante. Altre soluzioni neanche le prendo in considerazione.
Ritratto di Alex1111
19 luglio 2021 - 14:02
1
Non la comprerei ma meglio la Arona come linea che la renault captur. Da più solidità che il gingillino renaut pieno di gadget a caro prezzo ma che sembra una panda gonfiata
Ritratto di Pintun
19 luglio 2021 - 22:00
La linea può ovviamente piacere o meno, per il resto la Captur è più versatile, ha il divano scorrevole e più scelta come motori, mentre Arona è un pochino più Suv. Se Kamiq avesse il divano scorrevole la sceglierei senza esitazioni se mai considerassi questa tipologia di auto.
Pagine