NEWS

Sono Sion: l’auto “solare” è attesa nel 2019

31 luglio 2017

Svelato il prototipo dell’auto elettrica della Sono Motors pensata per ricaricarsi (in parte) con l’energia del Sole.

Sono Sion: l’auto “solare” è attesa nel 2019

NATA CON IL CROWDFUNDING - Annunciata nel 2016 (qui la news), ora diviene reale con la presentazione ufficiale del primo prototipo di quello che dovrebbe essere il modello definitivo. Stiamo parlando della Sion della tedesca Sono Motors, l’auto “solare” progettata da tre giovani imprenditori di Monaco di Baviera e divenuta realtà grazie a una raccolta fondi su internet che ha consentito di raccogliere oltre 600.000 euro per avviare la produzione e più di 1.100 ordini. 

30 KM CON IL SOLE - Rispetto al redering svelato lo scorso anno cambiano molte cose, a cominciare dall’estetica dalle linee più squadrate e moderne. La carrozzeria della Sono Sion rimane ricoperta da celle solari (sono 330) capaci di catturare energia destinata alla ricarica delle batterie. Un’alimentazione “naturale” che, secondo i responsabili della Sono Motors, dovrebbe garantire “corrente” sufficiente per percorrere circa 29 km al giorno. Un dato, per la verità, ottenibile soltanto in condizioni atmosferiche ottimali e durante il periodo estivo, quando l’irraggiamento solare è più intenso. Inoltre, la capacità di accumulo dovrebbe variare sensibilmente in funzione del luogo d’uso della vettura, con i Paesi del Sud Europa come l’Italia ad avvantaggiarsi rispetto a quelli del Nord dove luce e calore della Stella della Terra sono meno intensi. Di fatto, riteniamo plausibile un’autonomia “solare” reale intorno ai 15-20 km. 

ADDIO URBAN, SOLO EXTENDER - A variare rispetto al passato sono pure i piani industriali. La versione Urban della Sono Sion equipaggiata con batterie da 14,4 kWh e con autonomia dichiarata di 120 km è stata abbandonata, almeno per il momento, a causa della modesta percorrenza e della scarsa richiesta. Gli sforzi dei tre giovani tedeschi si concentreranno, dunque, sulla variante Extender con accumulatori da 30 kWh in grado di assicurare autonomie teoriche di 250 km, che nella realtà si dovrebbero attestare intorno ai 170-190 km. Si tratta di batterie abilitate alla ricarica veloce e che dovrebbero consentire la bi-direzionalità, ossia permettere alla rete elettrica di prelevare l’energia dall’auto collegata alla colonnina quando la domanda di “corrente” è alta. Abbandonata pure l’idea di avere un abitacolo a 6 posti per una più tradizionale configurazione a 5 posti. Altra variazione rispetto ai piani originali riguarda la produzione, non più avviata nel 2018, ma prorogata al 2019. 

LE BATTERIE SONO A NOLO - La Sono Sion sarà proposta a 16.000 euro escluse le batterie per il quale si prevede una spesa supplementare di 4.000 euro o un contratto di nolo in linea con quello già attuato da Renault per la sua gamma di veicoli elettrici. Un prezzo che può diventare più competitivo con l’acquisto in anticipo della vettura effettuato versando una caparra di 500, 2.000 o 8.000 euro che danno diritto a sconti rispettivamente del 2, del 4 e del 6%, percentuale quest’ultima che fa scendere il listino fino a 15.040 euro. Viceversa, chi decide di sborsare l’intero importo avrà uno sconto dell’8% per un prezzo finale di 14.720 euro.





Aggiungi un commento
Ritratto di otttoz
31 luglio 2017 - 18:13
Ottimo,lasciata al sole della Nigeria ottiene il moto perpetuo...
Ritratto di Agl75
31 luglio 2017 - 19:49
O a quello di questi giorni in Italia. Il nome dell'auto è di un brutto ma di un brutto che era difficile fare peggio
Ritratto di IloveDR
1 agosto 2017 - 10:36
4
fake
Ritratto di puccipaolo
31 luglio 2017 - 21:53
6
Pronto Amore, si è annuvolato...tardo un pò...ci vediamo domani..forse!
Ritratto di Thresher3253
1 agosto 2017 - 02:06
Meglio una Tesla. Caricare energia dal pannello solare é un'opzione improponibile per le automobili.
Ritratto di Dr.Torque
1 agosto 2017 - 09:26
Iniziativa lodevole dal punto di vista della ricerca ma proposta commerciale sterile a mio parere. Per inciso mi piacerebbe sapere quanti altri milioni sono stati spesi oltre a quei 600.000 euro per realizzare il progetto fino ad ora.
Ritratto di Alfiere
1 agosto 2017 - 10:13
1
Certo che sentire dei tedeschi che fanno un'auto che si chiama Sion...qualche problemino devono avercelo. E suona male anche in inglese...
Ritratto di Robespierre
1 agosto 2017 - 14:11
Amici, sappiamo tutti su un litro di carburante quanti soldi in accise ci mangia il governo. Pensate proprio che sparito il motore termico lo stato ci rinuncerà creando un buco nelle casse di centinaia di miliardi? Avanti pure con l'elettrico ma non illudiamoci, il costo dellla corrente schizzerà alle stelle e non ce ne sarà a sufficienza per tutti.
Ritratto di Bruno91
1 agosto 2017 - 22:36
1
Con quel nome pensavo che fosse una presentazione. Comunque per me è bruttina.
Ritratto di caronte
10 settembre 2017 - 21:30
Premetto che considero le Audi delle auto di m... perché preferisco altri marchi come BMWo Mercedes ciodetto non sapevo e lo trovo scandaloso e vergognoso che un azienda con un fatturato da sogno debba attuare tagli per finanziare la progettazione e la realizzazione di auto che con la tecnologia attuale sono poco appetibili e servono a nulla o quasi quindi qualsiasi cosa venga fatta sono per prima cosa soldi spesi male perché sottrarre soldi e quindi risparmiare per la ricerca e sviluppo non è mai una buona cosa secondo perché il mercato non risponderà bene alla vendita di auto elettriche rendendo tutto ciò solo uno spreco di denaro e uno spreco di energie.
Pagine