NEWS

Stabilimenti della Fiat ancora fermi per lo sciopero dei Tir

26 gennaio 2012

Terzo giorno di stop in molti impianti. La protesta degli autotrasportatori “costa” al Lingotto 4200 vetture al giorno.

MANCANO I COMPONENTI - Gli stabilimenti Fiat di Melfi, Cassino, Pomigliano d’Arco e Mirafiori, oltre a quello della Sevel di Atessa resteranno sostanzialmente fermi anche oggi, a causa dello sciopero degli autotrasportatori che impedisce l’approvvigionamento dei componenti. Dopo il blocco totale delle linee avvenuto martedì e mercoledì, anche gli odierni primi due turni di lavoro sono stati sospesi. Ancora nulla è stato invece deciso per quanto riguarda il terzo turno, previsto però soltanto a Melfi e alla Sevel: molto dipenderà dall’evoluzione dello sciopero nel corso della giornata. A ogni modo, si parla di circa 4200 vetture in meno per ogni giorno di stop. Fatti due conti, se il blocco del Tir non dovesse rientrare, il saldo diventerebbe pertanto negativo di circa 12.600 macchine.





Aggiungi un commento
Ritratto di mustang54
26 gennaio 2012 - 14:43
2
stato e del governo. Altrimenti non saremmo finiti in questa situazione, in questi giorni ci stiamo veramente sacrificando tutti...
Ritratto di frabio
26 gennaio 2012 - 15:24
E poi si pretende che si produca solo in Italia, per restare ostaggio di questo paese di cooperazioni!
Ritratto di AyrtonTheMagic
27 gennaio 2012 - 17:54
2
veramente.. gran commento, ci hai anche pensato e ti è venuto di botto?
Ritratto di carlo1967
26 gennaio 2012 - 16:09
Poi finalmente andranno a produrre In Usa. Ciao.
Ritratto di J-B
27 gennaio 2012 - 12:27
1
Questa "grande multinazionale dell'auto", già nel lontano 1990, pretendeva gli mandassi un bilico con un pallet di batterie altrimenti avrebbero dovuto fermare la produzione! Si faccia un magazzino di un centinaio di metri quadri anzichè inquinare l'Italia con tanti fornitori sempre in viaggio!!!
Ritratto di 19miki90
26 gennaio 2012 - 16:26
2
Come mai Marchionne voglia andarsene... Tra il governo con stipendi assurdi, gente che dorme al posto di lavorare e nessuno che prende gli evasori, scioperi che ne conseguono perché si spremono i soliti che non possono scappare, é normale che uno voglia produrre dove almeno ha la garanzia di poter fare il suo mestiere... ogni giorno di sciopero, per quanto giusto possa essere, é una perdita per tutte le categorie ad essa collegate...
Ritratto di Raoul4x4
26 gennaio 2012 - 17:20
Lo sciopero è un diritto , quello che si sta facendo in questi giorni è invece tirarci la zappa sui piedi. Molte aziende sono in ginocchio , specie quelle che producono merci deperibili , il danno creatosi in questi giorni metterà molti imprenditori in serie difficoltà e tutto il sitema ne risentirà , già eravamo sull'orlo del precipizio , ora assisteremo alla caduta libera. Ho già notizie di qualche impresa che ha iniziato a sfoltire il "parco operai " e non penso che al calmarsi delle acque assisteremo a delle riassunzioni. Non sono contrario alla sciopero , sono contrario allo sciopero sciocco , al fratricidio che ci sta imponendo questa manifestazione, perchè alla fine toccherà sempre ai soliti andare a pagare .... e stiamo già pagando . Intanto i ns. beneamati politici CON MOLTA CALMA stanno cercando di capire se è il caso ( ma no, dai ! ) di adeguare il proprio stipendio agli standard europei , ma con ESTREMA URGENZA e maestria alla velocità della luce sono intervenuti su carburanti, iva , addizionali ecc.ecc.ecc.ecc. Non mi sento di aggiungere altro ......
Ritratto di pujentil
26 gennaio 2012 - 17:38
siete contenti??? gettare altro fango a sfavore della fiat e rallentarla...complimenti! poi fa bene ad avere altri stabilimenti in altri paesi...che italia! colpa dei politici, ovvio che in Germania la VW vola, come le altre marche, in Germania lo stato funziona, il 60% dei giovani in italia dichiarano che se ne vogliono andare a lavorare all'estero perche' qui' il lavoro non si trova, vedo un italia che sta andando sempre piu' in fondo..bello vero? mi sembra di vedere la Romania o l'India che se ne' vengono tutti in italia per trovare lavoro, e ora lo stanno facendo anche l'italiani. Al fine di tutto cio' concludo dicendo che questa cosa fa solo male alla nostra FIAT. Saluti
Ritratto di delta96
26 gennaio 2012 - 17:47
mi dipiace per la FIAT ma sono d'accordissimo con gli autotrasportatori, hanno perfettamnte ragione, i carburanti sono carissimi, le autostrade pure insieme alle assicuarazioni e il bollo.
Ritratto di fogliato giancarlo
26 gennaio 2012 - 21:52
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Pagine