NEWS

Stress da traffico: a Roma la maglia nera

30 aprile 2015

Secondo una ricerca della Ford, per gli europei il tragitto casa-lavoro è più stressante del lavoro stesso.

Stress da traffico: a Roma la maglia nera
ROMA MAGLIA NERA - Stress da traffico? Sì, grazie. A queste conclusioni giunge la ricerca denominata European Commuter Survey e realizzata dalla Ford: il campione è di 5.500 cittadini di sei metropoli europee. Tra Barcellona, Berlino, Londra, Madrid, Parigi e Roma, è la capitale italiana a vivere la situazione peggiore: per i romani, il tragitto casa-ufficio-casa spesso assume la tempistica di un vero e proprio viaggio (111 minuti in media, contro i 104 di Londra o i 100 di Madrid) e crea le stesse condizioni di ansia e di nervosismo di un trasloco. Per chi pensa che questa possa essere un'esagerazione, basti pensare che i compassati londinesi preferirebbero andare dal dentista piuttosto che affrontare il traffico urbano...
 
PIÙ STRESS IN AUTO - I pendolari che trovano stressante il viaggio per andare e tornare dall'ufficio sono il 26%: più di quanti (23%) attribuiscono la propria tensione a quanto accade sul posto di lavoro stesso. Un intervistato su tre pensa che il tragitto casa-lavoro stia diventando ogni giorno più stressante, mentre uno su quattro ritiene la durata ormai imprevedibile: in tema di ritardi, il 78% di chi abita a Roma non è puntuale almeno una volta al mese a causa del traffico, con una situazione analoga che si verifica per l'80% dei londinesi. Chi usa l'auto attribuisce a questo mezzo il 59% dei ritardi: peggio va a chi si muove con il trasporto urbano (72%) o con il treno (78%).
 
INTERCONNESSI - La soluzione? Potrebbe essere nelle parole di Andreas Ostendorf, vicepresidente di Ford Europa con responsabilità per sostenibilità, ambiente e ingegneria della sicurezza: “La società sta diventando sempre più urbana, con le città che crescono in dimensioni e numero, e abbiamo bisogno di una infrastruttura di trasporto in grado di tenere il passo con tale espansione”. La parola chiave sembra essere interconnessione, con infrastrutture migliori ma soprattutto un insieme di percorsi pedonali, biciclette, autobus, treni, autoveicoli, tram, bus navetta. Qualcosa, insomma, che sia corollario di una società in cui l'auto è asse nodale - senza dimenticare che lo stress da traffico si può alleviare anche grazie a dotazioni migliorate in termini di comfort e vivibilità a bordo.
Ford Fiesta
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
101
124
78
32
32
VOTO MEDIO
3,6
3.626705
367
Aggiungi un commento
Ritratto di pad
30 aprile 2015 - 11:24
Ci si stressa solo nel tragitto casa lavoro , poi tutto finisce si timbra il cartellinoe e invece di iniziare a lavorare si esce per andare al bar a fare colazione e poi via a far shopping. Poi se avanza tempo si può' fare anche qualcosa in ufficio.
Ritratto di aquilone
4 maggio 2015 - 13:59
Scusa Pad, ragiona, sei un pò superficiale o prevenuto, oppure ti lasci trascinare dalla solita corrente di pensiero (politico) contro gli impiegati statali. Da poco sono andato in pensione (lavoravo in banca) e per raggiungere la banca, al mattino, impiegavo un'ora e mezza (da Ostia a viale Liegi). Più i tempi di parcheggio che non ti dico. A volte anche 30 minuti. Lo stesso per tornare a casa. Ma qui, per fortuna, non perdevo tempo a parcheggiare perchè avevo un posto auto. In agosto andava meglio. Massimo tre quarti d'ora. La cosa che mi ha convinto ad anticipare l'andare in pensione? Il tragitto casa-lavoro-casa. Ma ho conosciuto colleghi del nord, abitanti in piccoli paesi di 10/20 mila abitanti, che rifiutavano il trasferimento in paesi limitrofi perchè questo comportava quasi mezz'ora di tempo per il raggiungimento del nuovo posto di lavoro. Dicevano: fanc... la carriera, meglio che mezz'ora di macchina. Ecco, tutto qui. Ad ognuno i propri egoismi. Ad ognuno i propri giudizi, specie quando si parla di sacrifici sulla pelle degli altri e non ci toccano direttamente
Ritratto di lucios
30 aprile 2015 - 15:57
4
......proprio l'altro ieri uno mi ha detto, solo perchè sono ripartito un po' più velocemente di lui al semaforo:"...... A PEZZO DE ME........TE STACCO A TESTA CE GIOCO A PALLONE"! Ditemi voi se è normale!!!!!
Ritratto di PongoII
30 aprile 2015 - 16:03
7
Scusa, ma a Roma fa già tanto caldo da girare coi finestrini abbassati oppure hai bruciato al verde un lontano parente di Stentore ("araldo dei guerrieri greci, descritti da Omero durante la guerra di Troi@ nell'Iliade che aveva la caratteristica di possedere una voce pari a quella di cinquanta uomini, tanto potente da sentirsi a miglia di distanza" - Fonte Wikipedia)?
Ritratto di lucios
30 aprile 2015 - 18:05
4
....questa è pura tragedia romana.........tuscolana, io avevo il finestrino dx un filino aperto, questi, un po' perchè la strada si restringeva, un po' perchè al semaforo forse non se l'aspettava che partivo prima io, si è affiancato, al semaforo successivo, ha aperto il finestrino e mi ha fatto questo gran complimento, e senza considerare il fatto che lui era sulla 60ina, ed io sono più giovane, alto 1,80 x un quintaluccio...........ma non preoccuparti, mi è capitato spesso nella capitale! Le donne poi non ne parliamo!
Ritratto di Andrea Ford
30 aprile 2015 - 19:02
Pura curiosità: Che auto guidava il tuo antagonista:)?
Ritratto di lucios
1 maggio 2015 - 08:56
4
....penultima generazione!
Ritratto di osmica
1 maggio 2015 - 19:24
Anticipo andrea ford: era stressato in quanto non guidava una Toyota/Lexus ibrida!
Ritratto di Andrea Ford
1 maggio 2015 - 21:33
La Clio mi è sempre piaciuta dalla prima generazione ma la penultima serie è stata la meno riuscita di tutte a mio avviso...scherzi a parte: si vede che era uscito di casa con la luna storta e in questi casi è davvero facile che praticamente "dal nulla" possa nascere una lite furibonda fino a sfociare allo scontro fisico, è meglio far finta di nulla e andarsene, l'altro, non vedendo alcuna reazione da parte nostra si calmerà da solo, ancor meglio, se ci saranno altri semafori a seguire, cambiare strada, se possibile, per evitare di trovarselo vicino successivamente.
Ritratto di lucios
1 maggio 2015 - 22:17
4
.....tipica patologia meridionale!
Pagine