NEWS

Il prototipo della Swift ibrida per il centenario Suzuki

4 ottobre 2009

La Casa giapponese festeggia i 100 anni con la versione ecologica della piccola Swift, che vedremo al Salone di Tokyo a fine mese.

APPUNTAMENTO AL SALONE - Al prossimo Tokyo Motor Show (in programma dal 21 ottobre al 4 novembre 2009), la Suzuki presenterà il prototipo Swift Plug-in Hybrid (nella foto in alto). Si tratta di un’auto ecologica che, a detta della Casa, dovrebbe arrivare presto sul mercato: in Giappone le ibride sono richiestissime e i Costruttori stanno concentrando i loro sforzi nella progettazione di nuovi modelli.

SWIFT PLUG-IN Hybrid - È la versione ibrida (con il motore a benzina abbinato a uno elettrico) dell’utilitaria giapponese, progettata per rendere più “pulito” l’uso dell’auto in città. Infatti, con le sue batterie ricaricabili (collegandole a una tradizionale presa di corrente), è in grado di percorrere circa 20 chilometri in modalità solo elettrica, a emissioni zero. Potrebbe arrivare presto sul mercato.

 

suzuki_sx4_fuel_cell_1.jpg

SX4-FCV - A Tokyo ci sarà anche la Suv elettrica SX4-FCV (foto qui sopra), già vista nel 2008, che sfrutta la tecnologia delle celle a combustibile sviluppate da General Motors e alimentate a idrogeno (contenuto in un serbatoio ad alta pressione, progettato dalla Casa giapponese). Alcuni esemplari stanno già effettuando test su strada in Giappone in vista di una possibile commercializzazione nei prossimi anni.

 

suzuki_alto_concept_1.jpg

ALTO CONCEPT - Basata sull’attuale citycar, è il prototipo (foto qui sopra) di una vettura più economa nei consumi e più rispettosa dell’ambiente nelle emissioni di CO2. Anche l’abitacolo è diverso da quello dell’auto di serie: la Casa giapponese dichiara che è stato migliorato nella praticità.

CENTO CANDELINE  - Il Salone di Tokyo 2009 è particolarmente importante per la Suzuki, perché quest’anno ricorre il suo centesimo anniversario; fu fondata, infatti, ad Hamamatsu nell’ottobre 1909, da Michio Suzuki.

Nel 1920 l’azienda cambia nome in Suzuki Loom Manufacturing Co e 32 anni dopo comincia a produrre biciclette a motore (nasce la “Suzuki Power Free”); nel 1954 viene ribattezzata “Suzuki Motor Corporation Ltd”. Nell’ottobre 1955 vede la luce la prima automobile compatta e leggera, con un motore motociclistico di soli 360 centimetri cubi a due tempi: la “Suzulight”. Oltre alle automobili, oggi il gruppo produce motociclette e motori fuoribordo.

Aggiungi un commento
Ritratto di Stockhausen
5 ottobre 2009 - 10:14
Quella delle auto ibride con un po' di autonomia nel funzionamento elettrico è un'ottima soluzione, soprattutto per chi usa molto la macchina in città: si spende meno in carburante (si può andare in ufficio "gratis") e le città tornano poco per volta a essere più pulite. Brava Suzuki!
Ritratto di giuggio
5 ottobre 2009 - 15:36
gratis mi pare un'esagerazione... diciamo spendendo meno!
Ritratto di zot
5 ottobre 2009 - 16:15
Per fortuna ora arrivano anche le piccole elettriche e ibride, anche se 20 km di autonomia sembrano un po' pochini
Ritratto di ricky74
5 ottobre 2009 - 16:26
ma non era possibile migliorare i consumi dei motori attuali? questa corsa alle celle a combustibile mi pare un esagearaaizone