Tata Aria: crossover "made in India"

3 dicembre 2010

Sarà in vendita dalla prossima primavera con due o quattro ruote motrici. Il motore è un turbodiesel 2.2 da 140 CV e i prezzi partiranno da circa 20.000 euro.

Tata Aria: crossover "made in India"

DEBUTTO ITALIANO - Dopo averla presentata ad inizio anno al Salone di Delhi, la Tata ha portato al Motor Show di Bologna la Aria, una crossover a metà strada tra una suv e una station wagon, che sarà in vendita anche in Italia dalla prossima primavera con prezzi compresi tra i 20 e i 25.000 euro.

MECCANICA “RAFFINATA” - La Tata Aria sarà disponibile con un 2.2 turbodiesel da 140 CV abbinato al cambio manuale o automatico e alla trazione anteriore o integrale a controllo elettronico. Particolarmente “raffinato” il gruppo sospension dell'Aria, che all'anteriore adotta uno schema a doppio triangolo e un multi-link al posteriore, soluzioni riservate solitamente ad auto sportive.

Tata aria motor show 2010 1 2

È SPAZIOSA - Lunga 478 cm, larga 190 e alta 178, l'Aria ha un abitacolo in grado di ospitare fino a sette passeggeri su tre file, con l'ultima a scomparsa nel bagagliaio. Il volume di quest'ultimo non è stato dichiarato ma, da quello che abbiamo potuto vedere al Motor Show, con tutti i sedili in posizione resta solo lo spazio necessario per due confezioni di bottiglie da 1,5 litri d'acqua e la soglia di carico è molto alta da terra: ben 79 cm. Sulla fila centrale viaggiano comodi anche tre adulti, ma il meccanismo che permette di spostare i sedili laterali per accedere ai posti dietro (dove stanno comodi solo due bambini) è un po' macchinoso: bisogna azionare una ben poco agevole leva.

Tata aria motor show 2010 2 2

DOTAZIONE OK - La plancia si presenta semplice nell'impostazione con plastiche di scarsa qualità, ma che sembrano robuste. Nonostante una qualità costruttiva inferiore a quanto ci hanno abituato i modelli europei sulla Tata Aria non mancano “attenzioni” come le bocchette del climatizzatore sui montanti posteriori per i passeggeri della seconda e terza fila. Curata è anche la dotazione degli accessori: in base agli allestimenti sulla Tata Aria si possono avere il climatizzatore automatico bi-zona, l'Esp con il controllo di trazione, gli airbag frontali, laterali e per la testa, gli specchietti retrovisori regolabili elettricamente, il navigatore satellitare, la radio cd mp3 con le prese Aux-in e Usb, il regolatore di velocità e la telecamera posteriore per fare manovra.

 

Aggiungi un commento
Ritratto di audi94
3 dicembre 2010 - 21:35
1
davvero nnt male...
Ritratto di Al86
3 dicembre 2010 - 22:54
Bè non colpisce certo per la linea, un po' troppo semplice fuori ma sopratutto dentro, comunque può essere una buona scelta per chi vuole una crossover senza spendere troppo
Ritratto di P206xs
4 dicembre 2010 - 09:38
ma è orribile ...è quasi meglio la rodius di questa!!!
Ritratto di Zack TS
6 dicembre 2010 - 19:34
1
eh si se la giocano ;-)
Ritratto di pippuzzo
4 dicembre 2010 - 15:00
...è viziata! Auto cinesi mai!!!
Ritratto di ayrton
4 dicembre 2010 - 15:23
è indiana...c'è scritto a caratteri cubitali nel titolo...sicuramente sarà migliore delle cinesi e punterà più sui mercati emergenti che sull'Italia
Ritratto di pippuzzo
4 dicembre 2010 - 20:18
ALLORA SE E' INDIANA E' UNA GARANZIA!!! GARANZIA A CARATTERI CUBITALI PROPRIO!!!
Ritratto di ayrton
4 dicembre 2010 - 20:45
una macchina vale quanto la paghi...specificando che fosse indiana non intendevo che fosse migliore per forza delle cinesi, ma semplicemente che non hai letto l'articolo. Poi la Tata ha una storia dietro alle spalle, non è nata ieri come le cinesi. Non offrirà prodotti lussuosi, ma sono molto robusti (visto che sono destinati a mercati emergenti dove non ci sono strade perfette) e non cadono subito a pezzi. La Tata è presente da molto sul mercato occidentale e detiene sia la Jaguar che la Land Rover.
Ritratto di gio_the_boy
7 dicembre 2010 - 14:58
non è vero che un'auto la paghi quanto vale......perxhè secondo te la panda vale 12.600 euro?? infatti le tata non cadono subito a pezzi, ma il giorno dopo
Ritratto di Alessandro
4 dicembre 2010 - 16:28
La Duster "full optional",costa 20 mila euro,questa oltre che essere molto più grande,con qualche optional tipo il metallizzato e qualche altra cosuccia arriva a 21\22........Certo bisognerà vedere se la base avrà la trazione integrale,sennò duster al 100%........
Pagine