NEWS

Telepass europeo, debutto in vista?

13 febbraio 2018

Pagamento dei pedaggi omogeneo in Europa: entro la fine del 2018 dovrebbe arrivare l’ok definitivo dell’Unione europea.

Telepass europeo, debutto in vista?

UN PASSO ALLA VOLTA… - Ci siamo quasi: entro la fine del 2018 l’Unione europea dovrebbe emanare la direttiva sul Telepass comune a tutto il Vecchio Continente (ne abbiamo già parlato qui). Come riporta il Sole 24 Ore, è probabile che al pagamento saranno abilitati i tradizionali Telepass utilizzati in Italia (e in altri Paesi europei), oltre ad apparecchi analoghi. Restano in gioco altre opzioni, come i dispositivi Gsm e satellitari. E le “”vignette”, cioè i bollini adesivi che cetificano il pagamento di una tassa forfettaria? Si cercano criteri di tariffazione più omogenea, con pedaggi proporzionati alla distanza. Sul fronte del recupero dei pedaggi non pagati dagli stranieri, infine, i collegamenti telematici fra Stati dovrebbero favorire il recupero dei mancati incassi.

Aggiungi un commento
Ritratto di Strige
13 febbraio 2018 - 17:29
Ma guarda un po', esce l'UK dall'europa e di colpa in un anno sono state approvate leggi per l'unificazione dell'europa. Direi, finalmente.
Ritratto di otttoz
13 febbraio 2018 - 21:58
a toglierci le pensioni l'europa è stata lesta per una comodità come il telepass europeo ci son voluti 50 anni! comodo specie in francia che son rimasti indietro e ci son caselli quasi ad ogni città!
Ritratto di Lo Stregone
15 febbraio 2018 - 10:47
E' sempre più facile "prendere", che "dare".
Ritratto di Dr.Torque
14 febbraio 2018 - 09:38
Perché in questo caso l'Europa non si unifica sulla base del modello tedesco?
Ritratto di rebatour
14 febbraio 2018 - 10:44
Perché vorrebbe dire aumentare le tasse a tutti, anche a chi non usa l'autostrada.
Ritratto di Lo Stregone
15 febbraio 2018 - 10:52
Ecco il nuovo sistema di prendere soldi dalle tasche dei cittadini europei: tutti pagano tutto, anche coloro che non utilizzano certi servizi.
Ritratto di lucios
15 febbraio 2018 - 16:12
4
Domanda: la quota fissa aumenterà?