NEWS

La Tesla a gonfie vele, nonostante tutto

di Fabio Madaro
Pubblicato 14 aprile 2020

La Tesla non sembra, almeno fino ad ora, risentire dalla della crisi sanitaria mondiale, come dimostrano i dati del primo trimestre 2020.

La Tesla a gonfie vele, nonostante tutto

IN CONTROTENDENZA - Nel corso della settimana passata, la Tesla ha annunciato i risultati commerciali del primo trimestre 2020. Risultati che per la casa americana sono i migliori di sempre con 88.400 vetture vendute nel mondo. E ora sono arrivati i dati del mercato cinese, quello almeno fino ad oggi più colpito dalla crisi dell’epidemia di coronavirus con un crollo a marzo del 40% delle immatricolazioni. Ebbene in questo caso Tesla sorprende tutti con 3.563 unità immatricolati in Cina a gennaio, 3.900 a febbraio e ben 10.160 a marzo. Marzo 2020: il mese nel quale Tesla ha venduto più auto della sua storia. Ma quali sono i motivi di questi risultati in netta controtendenza?

MODELLO DI VENDITA VINCENTE - E al di là di ogni possibile spiegazione (dalla crescita continua del brand al progressivo radicamento della cultura “elettrica” nel mondo), i motivi di questo successo globale della Tesla, forse, risiede nel modello di vendita. Del resto, lo avevamo già segnalato lo scorso 2 aprile: Tesla crede fermamente nelle vendite online con consegna dell’auto negli showroom o direttamente a casa. Una soluzione quest’ultima, a quanto pare molto utile e gradita di questi tempi, durante i quali i cinesi in pratica non si sono mai allontanati da casa. Ma ora Tesla ha anche inventato i cosiddetti test drive "contactless": in altre parole l'auto viene parcheggiata in un luogo comodo per il potenziale acquirente, igienizzata e chiusa per poi essere aperta da remoto per il test stradale. Ed è probabile che nei prossimi mesi Tesla raccoglierà i frutti di questa iniziativa, dal momento che è l'unica casa automobilistica in grado di far provare un modello in totale sicurezza.

POCHE VARIANTI - Altro elemento a favore della casa americana è che la Tesla è ha pochi modelli in gamma e ciascuno ha configurazioni praticamente “bloccate”. Per esempio, chi acquista online una Model 3 sceglie motore, batteria, colore di esterni e interni e decide se aggiungere anche l’Autopilot. Impossibile fare lo stesso con altri brand che molto spesso hanno a catalogo decine di modelli, centinaia di varianti e altrettante possibilità di personalizzazione con i mille optional disponibili.
 

Tesla Model 3
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
393
70
46
27
71
VOTO MEDIO
4,1
4.131795
607




Aggiungi un commento
Ritratto di Ivan92
14 aprile 2020 - 10:57
8
Anche in Svizzera nel periodo gennaio - marzo 2020 la Tesla Model 3 è stata la quarta auto più venduta, oltre ad essere la quarta auto più venduta dell'intero 2019. Qua la possibilità di usufruire gratuitamente della consegna a domicilio c'è sempre stata (anche se personalmente preferisco mille volte andarla a ritirarla di persona, che è un emozione completamente diversa) oltre alla ricarica gratuita offerta per la prima sosta al Supercharger. A distanza di 8 mesi e 27'000 km percorsi, 13 nazioni europee visitate e numerosi track day posso confermare che quest'auto è eccellente sotto ogni punto di vista e offre un rapporto prestazioni/costi che 10 anni fa poteva sembrare fantascienza. L'accelerazione da 0 a 100 km/h è di 3,4 secondi, la ripresa da 80 a 120 km/h è di 2,1 secondi, l'accelerazione da 0 a 200 km/h è inferiore ai 15 secondi, la velocità massima è di 261 km/h e i tempi in pista rilevati da Autozeitung e Top Gear sono di 1:38.40 e 1:21.50, il tutto al prezzo di soli 4 € per macinare 100 km con una guida normale o 100% gratuitamente viaggiando in Italia, Ungheria, Serbia, ecc.. visto che i Supercharger sono (per ora) gratuiti in queste nazioni per tutte le Tesla.
Ritratto di remor
14 aprile 2020 - 12:21
La 3 è di certo un'auto, o meglio l'auto, l'unica (al momento) imho, che ha rivoluzionato in valori in campo relativamente alle elettriche, e che si merita e meriterà il giusto tributo quando probabilmente un domani che viaggeremo tutti in elettrico si dovrà assegnare a una vettura il compito di reale capostipite della specie. Non sottovaluterei il fatto di tenerla a lungo (lunghissimo) tempo per un recupero di valore, grazie alle suddette motivazioni, anche quando magari risulterà superata tecnologicamente ma avrà mantenuto ed incrementato il suo valore storico
Ritratto di remor
14 aprile 2020 - 12:23
Unico rammarico: che per molta utenza automobilistica italica (me incluso) resta un mezzo ""ancora""" abbastanza fuori target (sia economico che a livello di possibilità di usufrutto causa infrastrutture)
Ritratto di Giuliopedrali
14 aprile 2020 - 12:27
remor si anche per me è fuori target però una Leaf, una Zoe o la nuova 500 elettrica o una Hyundai kina elettrica non costano che un 10.000 Euro di meno, non poi così tanto di meno, poi arrivano le Tesla killer.
Ritratto di remor
14 aprile 2020 - 12:44
Quando arriverà, almeno rifacendosi a quanto annunciato in merito, solo la id3 sembra si possa per il momento mettere in scia all'Americana (nel senso di proporre un non troppo lontano rapporto fra contenuti e costo, seppur scalato di un segmento più in basso e quindi anche meglio abbordabile). Resto personalmente tuttavia sempre convinto che se una "reale" avanzata dell'elettrico ci dovrà essere in Italia sarà necessariamente dal basso, ossia al limite dei classici quadricicli pesanti con ottica di uso prettamente cittadina, ovviamente se/quando ne arriveranno ad un prezzo "giusto" (NB è una previsione, ed anche relativamente al buio, quindi più che smentibile poi dai fatti)
Ritratto di Giuliopedrali
14 aprile 2020 - 12:50
Lo dico ormai da due anni o uno comprerà utilitario o low cost, ma oltre il livello della Golf e quindi forse anche ID3, uno passa direttamente (facilmente) all'elettrico che magari con incentivi vari con meno di 40.000 Euro si porta a casa una Model3 o tra poco qualche imitazioine. Cioè c'è quel discrimine sopra i 50.000 Euro circa dove la presenza dell'elettrico e quindi di nuovi player non sarà più tanto simbolica, a parte che già da mesi elettrico e metano ad esempio rappresentano da noi tutti e due all'incirca il 2 % del mercato.
Ritratto di tramsi
14 aprile 2020 - 16:25
La Leaf parte da € 30.700 ovvero € 20.000 in meno!!! Al solito, fai disinformazione.
Ritratto di Zot27
14 aprile 2020 - 16:45
Con batteria abbastanza piccola però
Ritratto di tramsi
14 aprile 2020 - 18:10
270 km di autonomia, più che sufficienti la stragrande maggioranza degli automobilisti.
Ritratto di Zot27
14 aprile 2020 - 19:53
Mi pare che il discorso parte da un confronto del prezzo della Model 3 rispetto alla concorrenza. Quindi quella differenza andrebbe valutata a parità di autonomia, e c'è un abisso di differenza a favore della Tesla.
Pagine