NEWS

Tesla: Q4 positivo, ma resta in rosso

Pubblicato 31 gennaio 2020

Quarto trimestre positivo per la Tesla ma, nel 2019, nonostante le 367.500 auto consegnate resta in passivo per 862 milioni.

Tesla: Q4 positivo, ma resta in rosso

RESTA IN ROSSO - La Tesla ha presentato i dati economici del quarto trimestre del 2019, dove ha registrato un utile netto di 105 milioni di dollari, inferiore del 25% rispetto al quarto trimestre del 2018, quando l’azienda ha guadagnato 139,5 milioni di dollari. In crescita anche l'utile per azione, salito da 2 a 2,14 dollari (sopra gli 1,77 dollari attesi in media dagli analisti). Le entrate totali del trimestre sono aumentate del 2%, passando da 7,23 a 7,4 miliardi di dollari; i guadagni del settore automobilistico, in crescita dell'1%, hanno raggiunto quota 6,4 miliardi di dollari. Analizzando l’interno 2019, il bilancio annuale mostra ancora un segno rosso con una perdita di 862 milioni di dollari (diminuita rispetto ai 976 milioni del 2018).

QUOTAZIONE RECORD - Nonostante i conti in rosso, grazie all’effetto del secondo trimestre positivo consecutivo e all’avvio in tempi di record della produzione nella Gigafactory di Shanghai, le azioni sono cresciute del 12%, contribuendo a far raggiungere alla Tesla una capitalizzazione in Borsa di 100 miliardi di dollari, superiore rispetto a un colosso come il gruppo Volkswagen.

CALA IL MARGINE - Per quanto riguarda le consegne, la Tesla nel Q4 ha consegnato 112.000 vetture, superando le 106.000 attese dagli analisti. Il trend è quello degli ultimi trimestri, con i modelli di fascia alta Model S e Model X in calo del 29%; cresce invece del 46% la berlina media Model 3. In virtù dello spostamento dalla fascia alta a quella media, il margine operativo lordo è sceso dal 24,3% al 22,5% (secondo gli analisti i prezzi sono calati in media dai 57.000 ai 47.700 dollari dell'intero 2018).

500.000 NEL 2020 - Nel 2019 la Tesla ha consegnato complessivamente 367.500 auto, con un incremento del 50% rispetto al 2018. La casa americana per il 2020 alza ancora l’asticella fissando l’obiettivo di 500.000 veicoli consegnati. Nonostante le incertezze causate dal Coronavirus, che stanno mettendo in apprensione la nuova fabbrica in Cina, la Tesla per incrementare la produttività punta molto su questo impianto. Un altro tassello fondamentale per lo sprint ipotizzato nel 2020 è sicuramente la suv Model Y, la cui uscita è attesa nel mese di marzo.





Aggiungi un commento
Ritratto di 82BOB
31 gennaio 2020 - 11:40
2
Visti gli onvestimenti fatti, anche infrastrutturali, penso che presto il segno rosso scomparirà dai bilanci Tesla! Vedremo se il nuovo modello aumenterà i numeri o cannibalizzerà la Model 3! Speriamo presto nasca una Tesla italiana, magari dalle ceneri di quache marchio perito sotto il peso dei maglioncini...
Ritratto di zero
31 gennaio 2020 - 12:37
Tesla italiana? Cioè?
Ritratto di v8sound
31 gennaio 2020 - 12:42
Lancia.
Ritratto di zero
31 gennaio 2020 - 12:57
Potrebbe essere una strada. Tuttavia, confesso che - se fossi un lancista - me la prenderei a male... Ma forse perché sarei un lancista con la mentalità di un alfista. :-)
Ritratto di v8sound
31 gennaio 2020 - 13:00
Come ti capisco. E' opinione diffusa che il marchio Lancia potrebbe essere rilanciato in tale direzione, opinione che personalmente non condivido, comunque.
Ritratto di remor
31 gennaio 2020 - 14:04
Difficile, visti i dati di fatto... Non ci riesce un colosso tecnologico come Mercedes a tenere poi il passo a livello di vendite in primis rispetto alle elettriche made in Tesla
Ritratto di zero
31 gennaio 2020 - 20:14
Da un lato, se FCA/PSA dovesse proprio scegliere un suo marchio da destinare allo scopo, quello più adatto potrebbe essere proprio Lancia, marchio che in effetti ha all'attivo una lunga serie di innovazioni lanciate sulla produzione in serie (parliamo di moltissimi decenni fa). L'elettrico non è tanto un'innovazione in senso tecnico, ma è più che altro un'innovazione nell'approccio all'uso dell'auto. Dunque, potrebbe starci. Però, ripeto, confinare Lancia a fare solo elettriche prestazionali in un'ottica anti-Tesla, per me e per tutti coloro che hanno ancora negli occhi i rally degli anni Settanta e Ottanta, sarebbe triste.
Ritratto di 82BOB
31 gennaio 2020 - 20:48
2
Triste no, sarebbe un riportare Lancia a quello che era alle origini, come hai fatto notare tu... dopotutto l'essere regina dei rally è stato solo uno dei capitoli del nobile marchio italiano! Poi chissà... dopo la Formula E faranno magari anche l'e-rally! Battute a parte, il marchio Lancia, come tutti gli altri marchi italiani in mano a FCA soffre... sarebbe bello vederla risplendere nuovamente! Tesla è, al momento, inarrivabile sotto molti aspetti, e tra questi il modo di "vendersi" al pubblico! È un brand subito riconoscibile, d'impatto! Per questo, a fronte dei grandi investimenti, credo avrà un futuro radioso!
Ritratto di zero
31 gennaio 2020 - 20:16
@remor Qui si tratterebbe di una cosa diversa: convertire Lancia in toto alla produzione elettrica, con una scelta di campo radicale. Come si suol dire... E' un'idea talmente folle che potrebbe pure funzionare.
Ritratto di pikkoz
31 gennaio 2020 - 13:11
Ce l'avevamo, con la fiat Downtown, andatevi a guardare il filmato su youtube e pensate tutto questo 27 anni fa, immaginatevi oggi.
Pagine