NEWS

Test Euro NCAP per gli ADAS: non tutti mantengono le promesse

Pubblicato 26 novembre 2021

L’ente indipendente Euro NCAP mette alla prova i sistemi di assistenza alla guida di sette nuovi modelli: ecco i risultati.

Test Euro NCAP per gli ADAS: non tutti mantengono le promesse

SISTEMI ADAS IN AUTOSTRADA, COME VANNO? - È la prima tornata di test Euro NCAP in autostrada per i sistemi di assistenza ADAS. I risultati sono piuttosto diversi, ma sembrano ricalcare il livello delle automobili provate. Il miglior funzionamento complessivo è stato raggiunto dalla BMW iX3, i cui sistemi di assistenza hanno meritato il giudizio di “Molto buono”. L’attualità del progetto ha fatto si che la iX3,  versione elettrica della gamma X3, abbia sistemi di assistenza alla guida più moderni e performanti, non ancora disponibili per i modelli con motore tradizionale. Seguono poi la Ford Mustang Mach-E e la Cupra Formentor, valutate con “Buono”, mentre la Polestar 2 e la Hyundai Ioniq 5 hanno conseguito la valutazione “Medio”. A chiudere la classifica di questi test la Toyota Yaris e l’Opel Mokka-e, che offrono sistemi ad un livello definito come “Base”.

EQUILIBRIO IMPORTANTE PER LA SICUREZZA - Euro NCAP ha comunque evidenziato che le automobili valutate in questa serie di test hanno mostrato un buon equilibrio tra Assistance Competence, che è l’efficacia con la quale il sistema aiuta il guidatore, e il Driver Engagement, ossia quanto il guidatore percepisce di dover mantenere il controllo del veicolo. Michiel van Ratingen, segretario generale di Euro NCAP, spiega che “Questo equilibrio tra assistenza e coinvolgimento è cruciale. Le auto non sono ancora in grado di guidare in maniera completamente automatica e i conducenti non dovrebbero essere indotti in errore pensando che lo siano. Diverse notizie dagli Stati Uniti hanno evidenziato i seri problemi che possono verificarsi sia quando le persone hanno un'aspettativa irrealistica di ciò che questi sistemi possono offrire sia se il veicolo non li coinvolge di nuovo attivamente se la situazione lo richiede. Siamo quindi lieti del fatto che i costruttori delle automobili provate in questa tornata di test abbiano detto chiaramente il livello di supporto che esse possono fornire”. Questo è importante perché nei precedenti test dedicati alla guida assistita (2018 e 2020), Euro NCAP ha messo in evidenza che alcuni modelli promettevano più di quanto effettivamente offrissero. 

DIFFUSIONE IN IN CRESCITA - Tutti i modelli testati hanno evidenziato un buon livello di assistenza alla guida e anche i sistemi di assistenza valutati “Base”, pur offrendo meno funzionalità rispetto a quelli più performanti, offrono un’assistenza che alza il livello di sicurezza complessivo della vettura. Queste tecnologie, un tempo presenti solo sulle automobili di alta gamma, oggi sono disponibile in tutte le categorie, anche se con livelli di prestazioni e costi diversi. La tecnologia si sta sviluppando molto rapidamente e gli enti regolatori stanno esaminando il grado di automazione consentito e le azioni che l'auto deve mettere in atto quando, ad esempio, cerca di restituire il controllo a un guidatore che non risponde. I futuri test di Euro NCAP terranno in debito conto queste modifiche normative. Leggendo la tabella qui sotto si vede che la Polestar 2 ha ottenuto una valutazione media, limitata dalle sue prestazioni nell'assistenza del veicolo che sono apparse discontinue, ma che non hanno inficiato il suo elevato supporto alla sicurezza. Il costruttore ha già annunciato che effettuerà prossimamente un aggiornamento over-the-air (OTA) del software dell'auto e Euro NCAP ha già annunciato che valuterà nuovamente il veicolo aggiornato. Al Volante seguirà la vicenda e pubblicherà le prove sulla vettura modificata.

TEST GUIDA ASSISTITA: I RISULTATI IN SINTESI

Modello

Valutazione Finale

Assistenza del Veicolo

Supporto alla sicurezza

BMW iX3

Molto buono

83%

86%

Cupra Formentor

Buono

70%

74%

Ford Mustang Mach-E

Buono

69%

83%

Hyundai IONIQ 5

Medio

77%

50%

Polestar 2

Medio

50%

85%

Opel Mokka-e

Base

57%

44%

Toyota YARIS

Base

56%

53%





Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
26 novembre 2021 - 10:34
4
gli sforzi per rendere sempre più sicure le Auto sono tanti, ma è avvilente che tante persone ancora non utilizzano le cinture di sicurezza e i sistemi di ritenuta per i bambini, la base per la sicurezza passiva
Ritratto di Gianni.ark
26 novembre 2021 - 11:59
... e troppe mine vaganti con il telefono in mano...
Ritratto di Asburgico
28 novembre 2021 - 12:00
chi usa il telefono con la macchina in movimento è un criminale
Ritratto di rebatour
29 novembre 2021 - 09:56
O il tablet appoggiato sulle gambe
Ritratto di Volpe bianca
26 novembre 2021 - 10:43
Mah, sembrano valutazioni non molto chiare. Come non sono chiare le "prestazioni discontinue nell'assistenza del veicolo" per quanto riguarda Polestar. Come si arriva ad attribuire ogni percentuale di giudizio? È solo in base alla dotazione o anche all'efficacia degli adas? E l'equilibrio tra assistenza e coinvolgimento del guidatore come la si stabilisce? Forse sarebbe stato meglio paragonare tutti modelli dello stesso segmento e pari o simile dotazione, una ix3 e una yaris...
Ritratto di Gordo88
26 novembre 2021 - 12:26
1
Non sono scesi nei dettagli ma hanno fatto dei test per valutare appunto l' efficacia degli adas in autostrada.. Sulla base delle valutazioni hanno espresso un giudizio complessivo finale che tiene conto delle funzionalità presenti (supporto alla sicurezza) e dell' efficacia degli stessi ( assistenza al veicolo).
Ritratto di Volpe bianca
26 novembre 2021 - 12:58
Forse serviva qualcosa di più chiaro, più dettagliato. Almeno illustrare il metro di giudizio con il quale hanno assegnato le varie percentuali. Restare così sul vago, alimenta più i dubbi che non la fiducia in questi dispositivi. Potenzialmente sarebbe stato un test molto interessante, poi in pratica sembra il test del test vero e proprio.
Ritratto di gv83
27 novembre 2021 - 13:01
Se apri il sito euroncap ti accorgi quale allestimento dell'auto e' stato testato. La mokka testata ha un'allestimento con ADAS incompleti, se avessero scelto la full optional sicuramente avrebbe fatto meglio. Curiosita': la opel 208 del 2012 ha sistemi di assistenza alla guida che fanno uno score migliore di quelli della versione 2019...
Ritratto di Miti
26 novembre 2021 - 15:05
1
Concordo Volpe ... Poi la vera verifica si svolge in strada. No con due auto interno. Ma con decine e decine di auto con diverse tipologie di guida. Come ho sempre detto l'avviso di frenata è utilissimo. l'ESP e l'ABS come normale le inserisce l'auto. Ma le altre, tipo avviso di corsia, le tolgo subito
Ritratto di nafto
26 novembre 2021 - 10:46
"...hanno evidenziato i seri problemi che possono verificarsi sia quando le persone hanno un'aspettativa irrealistica di ciò che questi sistemi possono offrire." Ma vaglielo a spiegare a tanti
Pagine