NEWS

Toyota C-HR: annunciati i prezzi

5 ottobre 2016

La Toyota C-HR, crossover dalle linee audaci, rivale della Nissan Qashqai, si può ordinare con due motori e in tre allestimenti. Di serie il cambio automatico.

Toyota C-HR: annunciati i prezzi

PUNTA SULL’ESTETICA - La Toyota C-HR è già ordinabile anche se le consegne avranno inizio solo a partire da dicembre 2016. Le versioni disponibili sono Active, Style e Lounge, con prezzi da 25.700 euro a 30.400 euro. Dalla sua la crossover giapponese ha un’estetica molto “spinta” pensata appositamente dalla Toyota per distinguersi in una categoria già molto affollata. La Toyota C-HR è lunga 436 cm  le sue concorrenti sono Nissan Qashqai, Renault Kadjar e Seat Ateca, indicate per la città ma capaci all’occorrenza di trasportare una famiglia e relativi bagagli. Il prezzo più basso si riferisce alla Active con motore a benzina 1.2 a 4 cilindri. Quest'ultimo, grazie anche al turbo, eroga 116 CV, ma è disponibile anche una versione ibrida della C-HR,  dotata del motore 1.8 abbinato ad un motore elettrico per una potenza complessiva di 122 CV. Il prezzo della 1.8 Hybrid parte da 28.400 euro.

C'È LA TRAZIONE INTEGRALE - Il motore 1.2 può essere abbinato alla trazione anteriore (solo con l’allestimento Active) o integrale, ma in questo caso la soglia d’accesso si sposta a 27.700 euro. La Toyota C-HR 1.8 Hybrid si può ordinare invece solo con la trazione anteriore. Per tutte è di serie il cambio automatico a variazione continua. La Active ha una dotazione già piuttosto completa, nella quale rientrano i cerchi in lega da 17 pollici, i fendinebbia, il sistema d’ingresso senza chiavi, il climatizzatore automatico bizona, lo schermo touch da 8 pollici e il pacchetto Toyota Safety Sense Plus, composto dai sistemi anticollisione, per il riconoscimento della segnaletica, per il superamento della corsia, per la disattivazione automatica degli abbaglianti e dal regolatore di velocità adattivo.

PER LO STILE O LA QUALITÀ - Gli allestimenti Style e Lounge della Toyota C-HR costano entrambi 2.000 euro in più. La Style privilegia l’estetica e include i cerchi da 18 pollici, i vetri posteriori oscurati, la vernice esterna bicolore e la finitura blu elettrico sulla plancia, mentre la Lounge dà maggior risalto alla qualità e include i cerchi in lega bruniti da 18 pollici, l’assistenza al parcheggio, i sedili in pelle e tessuto e finiture interne color marrone. Nel nostro paese la Toyota confida di vendere la versione ibrida per il 90% dei casi, in virtù anche dei minori costi di gestione: il sistema ibrido garantisce percorrenze medie dichiarate superiori a 26 km/l e fa risparmiare sul bollo (nelle regioni in cui è previsto).

Toyota C-HR
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
119
52
37
24
38
VOTO MEDIO
3,7
3.703705
270


Aggiungi un commento
Ritratto di MAXTONE
5 ottobre 2016 - 19:07
1
Semplicemente spettacolare. Sposta verso l'alto l'asticella di design e qualità effettiva e si propone con prezzi di lancio assai aggressivi. Successo assicurato e ulteriore impennata nella quota di penetrazione delle ibride insieme, si spera alla Kia Niro la quale non mi dice molto ma spero che venda altrettanto: Hybrid Power.
Ritratto di Luzzo
5 ottobre 2016 - 19:19
Quella delle immagini è una style? ommagini delle versioni più economiche ce ne sono?
Ritratto di MAXTONE
5 ottobre 2016 - 19:33
1
Quelle del salone coi 17 ma stanno male a mio avviso perché la linea di cintura e' altissima, le fiancate troppo piene e il cerchio giusto e' il 18.
Ritratto di CiccioBe
6 ottobre 2016 - 13:21
Prezzi aggressivi???? sono appena andato a vedere la Qashqai e guardacaso stesso motore d'attacco è un 1.2 da 115 cv circa e parte da 20.000 .... premesso che non sono andato ad indagare sulla dotazione di accessori di serie, ma questa Toyota è più cara.Kadjar base ha un 1.2 da 130 cv e costa sempre 20 mila...altro che prezzo aggressivo questa CH-R!!!
Ritratto di MAXTONE
6 ottobre 2016 - 13:37
1
E' aggressivo in base ai contenuti near-Premium. La QQ, senza nulla togliere al pur valido progetto di base non può vantare altrettanto raffinati contenuti tecnici ne' stilistici e devi considerare l'handling e il piacere di guida offerti da questa yota: Sono stati gli obiettivi prioritari del progetto.
Ritratto di CiccioBe
6 ottobre 2016 - 13:58
Sui contenuti tecnici hanno di più solo il sistema ibrido, ma mancano di un diesel (che nel segmento va per la maggiore); sullo stile è una cosa soggetiva quindi non lo metterei nel piatto de "...è meglio di...."; su handling e piacere di guida affermi a priori che sia meglio delle altre MAX, falla arrivare intanto su strada e poi vedremo. Solo una cosa, riguardo al fattore piacere di guida: Toyota, Nissan, Renault sono marchi generalisti che non hanno mai messo l'accento su questo aspetto (al contrario di marchi come Alfa o BMW), quindi non credo che sarà determinante per l'acquirente nello scegliere un marchio piuttosto che un altro.
Ritratto di Fr4ncesco
6 ottobre 2016 - 14:58
Non sono molto convinto su alcune affermazioni: prima di tutto il confronto tra Toyota, Nissan e Renault con Alfa e BMW che sono marchi di impronta sportiva. Poi le Renault a me risultatano piacevoli da guidare, per esperienza mia e di altri con cui ho avuto modo di discutere (e da quanto leggo).
Ritratto di CiccioBe
6 ottobre 2016 - 17:13
Fr4 ma io non volevo paragonare le tre generaliste col duo Alfa-BMW...forse mi sono espresso male (o ho capito male io le tue parole): volevo dire che nel caso delle tre generaliste non penso che il potenziale acquirente propenda per la Toyota rispetto a Nissan e Renault perchè ha un feeling di guida migliore, ma saranno altri i fattori a spingere a scegliere la Toyota (estetia, immagine green, trazione ibrida e tanto altro). Invece, se volessi comprare una segmento D per esempio, potrei mettere sullo stesso piatto Volvo-Alfa-Bmw-Mercedes-Audi-Jaguar ed alla fine propendere per la Bmw (o Alfa) perchè quel che voglio è un prodotto premium che privilegi la guida sportiva. Spero di essermi spiegato...e scusa per il mio esser un po' prolisso :P
Ritratto di MAXTONE
6 ottobre 2016 - 17:21
1
Privilegi la guida e prendi in considerazione certi brand chelasciamo stare quando l'attuale benchmark del segmento D e' la IS e lo hanno certificato carie comparative effettuate negli USA, stranamente i confronti tra Lexus e i marchi rivali in Italia non si effettuano mai.
Ritratto di MAXTONE
6 ottobre 2016 - 17:21
1
*varie
Pagine