Toyota Concept-i Ride: l’auto che capisce il guidatore

16 ottobre 2017

Pratica e dotata di ampie portiere, ha un sistema di guida automatizzata e usa l’intelligenza artificiale.

Toyota Concept-i Ride: l’auto che capisce il guidatore

L’AUTO COME COMPAGNA DI VIAGGIO - Il prototipo Toyota Concept-i, svelato al CES 2017, ha mostrato quale direzione potrebbe seguire la Toyota con le automobili del futuro, destinate a trasformarsi da semplici mezzi di trasporto a veri e propri compagni di viaggio, attraverso un software di intelligenza artificiale che si arricchisce e perfeziona sulla base delle abitudini del guidaotre: il sistema riconosce ad esempio quando è stanco e attiva la guida automatizzata. Lo stesso approccio viene seguito con la proposta denominata Toyota Concept-i Ride (nelle foto) , utilitaria a tre ruote (due anteriori, una dietro) lunga 250 cm destinata a trasportare facilmente anche persone con difficoltà motorie, che in futuro potranno spostarsi a bordo di vetture molto tecnologiche in grado di sopperire ai loro deficit fisici e trasformarsi in assistenti: la guida automatizzata, alla base dei prototipi Concept-i, consentirà anche alle persone con disabilità gravi di raggiungere una destinazione in totale autonomia.

SI GUIDA CON UNA MANO - Il principale vantaggio della Toyota Concept-i Ride sta nelle portiere apribili verso l’alto, soluzione già vista su alcune coupé ad alte prestazioni qui rielaborata per facilitare l’accesso a bordo: la soglia del pavimento ribassata e le portiere molto allungate consentono al guidatore di salire a bordo anche dalla sedia a rotelle, complice il sedile elettrico ruotatile verso l’esterno che facilita questa operazione: il comportamento dell’auto si gestisce usando solo le mani. La sedia a rotelle può essere caricata a bordo grazie ad alcuni appigli nelle portiere, stando alla Toyota, che ha sostituito il volante e la pedaliera con un joystick simile a quelli per i videogiochi. A bordo è presente un secondo sedile, dotato della seduta ripiegabile e scorrevole lungo un binario: può essere affiancato a quello di guida (montato al centro) oppure spostato all’indietro per rubare meno spazio.

PER GLI ANZIANI - Il prototipo Toyota Concept-i Ride è dotato di un motore elettrico e percorre fino a 150 chilometri prima di dover ricaricare le batterie, secondo le informazioni ufficiali, che ha installato a bordo un sistema di guida automatizzata per semplificare il parcheggio dell’auto: la funzione Automated Valet Parking permette all’utilitaria di raggiungere da sola un parcheggio libero, cosicché il guidatore possa scendere dove gli torna più comodo. La Toyota Concept-i Ride verrà mostrata al Salone dell’automobile di Tokyo (27 ottobre-5 novembre) insieme ad un altro veicolo-laboratorio, la Concept-i Walk, un dispositivo per il trasporto personale alimentato a batterie che differisce da altri analoghi per il sistema di controllo: non muovendo il corpo in avanti o indietro, ma con un pomello da muovere sul manubrio. Secondo la Toyota, questa novità rende la Concept-i Ride un veicolo adatto anche agli anziani.

Aggiungi un commento
Ritratto di hulk74
16 ottobre 2017 - 18:23
Una bellissima Nightmare car
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
16 ottobre 2017 - 18:50
Se è per anziani sarà la mia auto del futuro, ma anche la vostra.
Ritratto di Agl75
17 ottobre 2017 - 06:52
Il sedile pare una sedia da dentisti.