NEWS

Toyota Mirai a idrogeno: ora si può ordinare

Pubblicato 02 marzo 2021

Arriva in Italia la nuova berlina elettrica a fuel cell Toyota Mirai. La si può comprare con prezzi a partire da 66.000 euro, oppure noleggiare.

Toyota Mirai a idrogeno: ora si può ordinare

IL COLLO DI BOTTIGLIA SONO I DISTRIBUTORI - Avevamo già guidato in anteprima la seconda generazione della Toyota Mirai elettrica a fuel cell alimentata a idrogeno, e ora l’auto è ufficialmente disponibile: in vendita o a noleggio. Nel futuro prossimo, comunque, questa grande e slanciata berlina a emissioni zero è destinata a rimanere una mosca bianca: oltre a costi di esercizio non proprio bassi (per fare 100 km oggi si spendono circa 15 euro di carburante), nel nostro Paese l’unico distributore è a Bolzano, dove già si rifornisce una flotta di una ventina di Hyundai ix35 e Nexo a fuel cell (il costruttore coreano è quello che più crede nell’idrogeno, insieme alla Toyota). L’Eni punta a realizzare (ragionevolmente entro un biennio) altre due stazioni di servizio a San Donato Milanese e a Venezia, e ci sono altri programmi simili, che più a lungo termine dovrebbero consentire di fare il pieno in più zone d’Italia. Con queste prospettive, i responsabili della casa giapponese parlano di una nicchia di mercato molto piccola e tutta da scoprire: auto che saranno destinate principalmente alle flotte, e in generale alle attività che gravitano in aree dove sarà presente un distributore. Ma è anche vero che la Mirai è un prodotto maturo, assai confortevole e realizzato con cura, che già oggi ha ben altre possibilità di diffusione se allarghiamo l’orizzonte oltre i nostri confini.

PRODUZIONE MOLTIPLICATA PER DIECI - In Europa, le stazioni di rifornimento sono più di 140 (90 in Germania) con un’altra quarantina in fase di realizzazione, e questa relativa capillarità ha consentito in sei anni di immatricolare 1.100 esemplari della vecchia Toyota Mirai (11.400 nel mondo): un’auto sempre a idrogeno, ma nemmeno paragonabile a quella attuale nel look, nell’esperienza di guida e nella tecnologia (l’autonomia dichiarata è cresciuta di circa il 30%, arrivando a circa 650 km). Tanto è vero che, puntando sul maggiore appeal del nuovo modello e sulla crescente diffusione dei distributori, la Toyota punta a moltiplicare per dieci la produzione delle celle a combustibile (o fuel cell), ovvero il “cuore” delle auto a idrogeno: al loro interno, il gas proveniente dalle bombole a 700 bar (riempibili in soli cinque minuti, e qui sta uno dei vantaggi rispetto ai più lunghi tempi di ricarica delle auto a batteria) si abbina all’ossigeno presente nell’aria e dà vita a quel flusso di corrente che alimenta il motore elettrico (facendo uscire dallo scarico solo acqua). 

1.200 EURO AL MESE - I prezzi della Toyota Mirai (garantita dieci anni o 250.000 km) partono da 66.000 euro per la Pure, che ha di serie i sedili anteriori regolabili elettricamente, l’hi-fi con 14 altoparlanti, il navigatore con display di 12,3”, la retrocamera e i fari full led, nonché il cruise control adattativo, la frenata automatica d’emergenza e il centraggio in corsia. Più ricchi gli allestimenti Essence (69.000 euro, con anche il monitoraggio degli angoli ciechi e le telecamere con visualizzazione a 360°) ed Essence+ (76.000 euro, con interni in pelle, “clima” a tre zone, tetto in cristallo e cerchi di 20” invece che di 19”). Oppure c'è il noleggio a lungo termine, denominato Kinto One: disporre per 36 mesi di una Essence (con limite di 45.000 km, oltre il quale scatta un costo aggiuntivo) prevede il pagamento di un canone mensile di 1.200 euro, Iva esclusa ma comprese la copertura assicurativa e la manutenzione ordinaria e straordinaria. 

Toyota Mirai
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
57
24
8
4
11
VOTO MEDIO
4,1
4.076925
104




Aggiungi un commento
Ritratto di Check_mate
2 marzo 2021 - 19:07
1
Una tecnologia che sta sviluppando in sordina un settore di nicchia ma che mi auspico rappresenti un'ulteriore alternativa nel mercato, nel medio-lungo termine. Un po' come metano-gpl hanno rappresentato l'alternativa più credibile al benzina fino ad oggi.
Ritratto di desmo3
3 marzo 2021 - 08:06
6
Anche Tesla ha giocato da first mover nell’elettrico in tempi non sospetti e quando il gioco si è fatto serio ha dimostrato esperienza ed evoluzione dei sui prodotti rispetto agli altri costruttori che si affacciavano sul mercato ed erano anni luce indietro. Chissà che non sia lo stesso per Toyota con l’idrogeno. Va detto che anche Hyundai e Renault vogliono investirci. È comunque imho è un’applicazione che ha più senso di esistere (già oggi) su truck e bus, dove le batterie sono un suicidio per autonomia e portata utile, che sull’utilitaria cittadina che fa 30 km.
Ritratto di Check_mate
3 marzo 2021 - 08:22
1
E' vero, chi comincia prima ha già più di una marcia in più quando il mercato inizia ad interessarsi all'idrogeno. Vero è che bisogna avere la lungimiranza di capirne le possibilità nel futuro oltre che la forza di indirizzare le scelte degli acquirenti in questo senso. Ma urgono soluzioni che limitano l'entità delle batterie, ne sto studiando proprio alcuni per la tesi. Vediamo cosa ne uscirà.
Ritratto di desmo3
3 marzo 2021 - 08:48
6
Se ho capito cosa vuoi dire, mi sembrava promettente il tentativo di integrare le batterie nella struttura portante del veicolo, ma non ricordo chi ci stia lavorando sopra.
Ritratto di Mark R
3 marzo 2021 - 12:08
Più che limitare l'entità della batteria bisogna rendere commerciali soluzioni, riguardanti il litio, prive di Ni, Mn, Co così da renderle meno impattanti data la maggior facilità nello smaltimento/riciclo: ora la black mass con gli elementi citati sopra è il problema. Stiamo a vedere anche quelle a stato solido annunciate sempre da Toyota...
Ritratto di desmo3
2 marzo 2021 - 19:08
6
1.200 euro al mese... è uno scherzo, vero?
Ritratto di FlavioD
2 marzo 2021 - 19:13
Se era un'auto per pochissimi prima, così lo è ancora di più. Tra l'altro, col limite così esiguo sui km, pare proprio che ti vogliano tenere nei paraggi di quei pochi distributori, nulla più. Ed è anche velatamente scritto nell'articolo.
Ritratto di kakahonda
2 marzo 2021 - 23:32
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di desmo3
3 marzo 2021 - 07:45
6
no no ti sbagli di grosso, io sono disoccupato da una vita
Ritratto di Quello la
3 marzo 2021 - 08:39
Leggi bene, caro Desmo: 1200 più IVA.
Pagine