NEWS

Uber: niente più licenza a Londra

Pubblicato 25 novembre 2019

Uber potrebbe perdere la propria autorizzazione per operare a Londra a causa di una falla di sicurezza nella sua app.

Uber: niente più licenza a Londra

FANNO APPELLO - Secondo quanto riportato in queste ore dai più importanti quotidiani, l’autorità dei trasporti londinese (Transport for London Tfl) non rinnoverà la licenza a Uber per operare attraverso la propria app a Londra. Il colosso americano delle auto con conducente avrebbe infatti violato alcune delle regole che mettono a rischio i passeggeri e la loro sicurezza. L’azienda ha replicato sostenendo che farà appello (secondo le normative inglesi ci sono 21 giorni di tempo per farlo dall’annuncio del mancato rinnovo) e potrà restare attiva finché l’appello non verrà esaminato. Va ricordato che non è certo un fulmine a ciel sereno perché l’agenzia Transport for London (Tfl) aveva già sospeso il gruppo americano nel 2017, ma aveva poi concesso due proroghe. 

UNA FALLA NELLA APP - La seconda e ultima è scaduta ieri. Sotto accusa il sistema di Uber che permette anche ai conducenti non autorizzati di utilizzare le proprie foto su altri account. In tal modo possono trasportare passeggeri, come fossero i conducenti Uber. Un espediente che a quanto pare si sarebbe verificato in almeno 14 mila viaggi. Si trattava perciò di corse non assicurate e quindi illegali oltre che potenzialmente pericolose, secondo la ricostruzione di Transport for London. Pare addirittura che alcuni passeggeri abbiano viaggiato con autisti privi di licenza, incluso uno la cui licenza era stata revocata proprio da Tfl.





Aggiungi un commento
Ritratto di Lo Stregone
2 dicembre 2019 - 10:26
Ma questa società prende sempre un po' alla leggera certi comportamenti? Se vogliono competere al meglio sopra gli altri devono essere all'avanguardia su tutto.